If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Atlantis … corsari tedeschi nella seconda guerra mondiale

Reading Time: 7 minutes

.
livello elementare 

 

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Atlantis, navi corsare, Rogge, Marina tedesca
.

Durante la II guerra mondiale, la marina da guerra tedesca impiegò navi corsare negli oceani per affondare le navi mercantili alleate e per compiti di supporto ai sommergibili. Raccontiamo oggi la storia di una di esse, l’incrociatore Atlantis, forse la nave corsara tedesca più famosa che passò alla storia insieme al suo valoroso comandante Bernhard Rogge (4 novembre 1899 – 29 giugno 1982).

La nave corsara Atlantis, incrociatore ausiliario della Kriegsmarine 

L’Atlantis era un incrociatore ausiliario della Kriegsmarine che trovò impiego come nave corsara durante la seconda guerra mondiale. Era conosciuto come HSK  (Hilfskreuzer ovvero incrociatore ausiliario) e fu denominata “Raider-C” dall’Ammiragliato inglese. Durante la seconda guerra mondiale venne impiegato con successo nella guerra di corsa affondando o catturando ben 22 navi per un totale di 144 384 di tonnellate. L’Atlantis, al rientro della sua missione, venne intercettato ed  affondato il 22 novembre 1941 dall’incrociatore inglese HMS Devonshire.

Raccontiamo ora la sua straordinaria storia

il distintivo degli equipaggi delle navi corsare

L’obiettivo principale di una nave corsara era di attaccare il naviglio mercantile nemico, avvicinandosi all’avversario sotto mentite spoglie, ed alzando all’ultimo momento  la bandiera da guerra. solo allora venivano mostrate  le armi per coglierlo di sorpresa e costringerlo alla resa. Ovviamente i bersagli erano le navi mercantili e venivano evitati gli scontri  contro le navi da guerra. Questo tipo di navi avevano anche lo scopo di rifornire in mare il naviglio militare  sia di superficie che subacqueo. Atlantis detenne il record della più lunga permanenza in mare di tutte le unità navali corsare tedesche impiegate in entrambe le guerre mondiali, ed ebbe un impatto significativo sulle operazioni militari nell’estremo oriente. Tra le sue prede più prestigiose fu la cattura del piroscafo inglese SS Automedon che trasportava importanti documenti segreti. La nave mercantile fu intercettata al largo di Sumatra, catturata e quindi affondata. Durante l’ispezione a bordo furono ritrovati 15 borse di documenti Top Secret del British Far East Command e codici di cifratura. Si ritiene che la sua cattura ebbe un ruolo importante nella decisione giapponese di entrare nella Seconda Guerra Mondiale.

la nave corsara Penguin

Il successo dell’Atlantis in termini di tonnellaggio nemico affondato fu secondo solo ad un’altra nave corsara, il Pinguin (HSK 5 o Raider F)

L’Atlantis era in origine una nave da carico denominata Gedenfels della Hansa Line ma venne poi convertita in nave corsara fra il 1939 e il 1940 nei cantieri navali di Kiel e di Brema. Aveva una stazza di 7.900 tonnellate, era lunga 155 metri, larga 18 e pescava 8,7 metri. Poteva sviluppare una velocità di 16 nodi e aveva un’autonomia di 60.000 miglia nautiche alla velocità di 10 nodi. Come armamento principale disponeva di sei cannoni da 150 mm., mascherati dietro false sovrastrutture ribaltabili, come quattro tubi lancia-siluri. Era dotata anche di un idrovolante per la ricognizione e l’avvistamento delle navi nemiche. L’equipaggio era formato da 366 uomini, tra i quali 19 ufficiali e 347 marinai. La campagna bellica dell’Atlantis iniziò  l’11 marzo 1940 ed ebbe una durata di 622 giorni, coprendo una distanza di 112.000 miglia su  tre oceani, catturando complessivamente 22 navi mercantili alleate, per una stazza complessiva di 146.000 tonnellate. Era la prima di  dieci navi mercantili armate del Terzo Reich realizzate per attaccare le navi mercantili nemiche. La partenza dell’Atlantis fu ritardata a causa del ghiaccio fino al 31 marzo 1940, quando l’ex nave da guerra Hessen aprì  la strada a Atlantis, Orion e Widder. Atlantis si diresse verso i campi minati del Mare del Nord, tra la Norvegia e la Gran Bretagna, attraverso il Circolo Polare Artico, tra l’Islanda e la Groenlandia, e si diresse quindi verso sud. In quel momento l’Atlantis aveva preso l’identità di una nave sovietica di nome Kim.  L’Unione Sovietica era ancora neutrale in quel momento. Dopo aver attraversato l’equatore, il 24-25 aprile, prese le sembianze della nave giapponese Kasii Maru

Captain Rogge

La comandava il Kapitän Bernhard Rogge, comandante particolarmente esperto, abile e deciso, che seppe condurre la guerra di corsa con efficacia ma anche con il massimo di Umanità possibile, facendo quanto era in suo potere per diminuire sofferenze inutili ai prigionieri. Rogge si ispirava al celebre capitano von Müller che aveva comandato l’incrociatore leggero Emden nella prima guerra mondiale, conducendo la guerra di corsa nell’Oceano Indiano. 

Salpata da Kiel l’11 marzo 1940 l’Atlantis riuscì a forzare il blocco alleato ed a passare nell’Atlantico dove, come già aveva fatto la nave corsara Möwe nella prima guerra mondiale, navigò senza attaccare alcun bastimento fin oltre la linea dell’Equatore. Solo il 3 maggio, dopo quasi due mesi di prudente navigazione, sotto le mentite spoglie del mercantile giapponese Kashii Maru, catturò la sua prima preda, la nave britannica Scientist, sulla rotta del Capo di Buona Speranza. Da quel momento, ebbe inizio la sua straordinaria campagna operativa che gli consentì di affondare o catturare oltre venti navi alleate di diversa nazionalità.

momenti dei prigionieri a bordo dell’Atlantis

Il 22 ottobre fu la volta del piroscafo jugoslavo Durmitor, sul quale vennero trasbordati ben 300 prigionieri e che venne inviato, con un piccolo equipaggio verso la Somalia italiana, dove approdò nei pressi del porto di Mogadiscio. Fra le sue prede la motonave norvegese Tiranna, silurata il giorno dell’entrata dell’Italia in guerra (10 giugno 1940); la Speybank che divenne poi il posamine Doggerbank e che riuscì a forzare il blocco ed a rientrare in Germania; e, ancora il britannico City of Baghdad, il francese Commissaire Ramel, l’olandese Abbekerk ed il norvegese Tamesis. Nell’Oceano Indiano Rogge realizzò la maggior parte delle sue catture, riuscendo con una delle sue prede, la petroliera Ketty Bröving,  a rifornire di nafta la nave da battaglia Admiral Scheer agli ordini del comandante Kranck nel bel mezzo dell’Oceano e, il 29 marzo, il sommergibile italiano Perla. Il Perla era partito  dal porto di Massawa nell’Africa orientale italiana, e attraverso il Capo di Buona Speranza, dirigeva verso Bordeaux, in Francia.

Il Perla il 27 maggio 1941, poco dopo l’arrivo a Bordeaux

Rogge scrisse nelle sue memorie che, dopo aver visto il piccolo sommergibile costiero e il suo equipaggio stanco, espresse al comandante, il tenente Bruno Napp, la sua perplessità sulla sua missione e gli suggerì di raggiungere il Brasile o l’Argentina; dal suo resoconto, Napp rifiutò educatamente il consiglio, dicendo che avrebbe fatto del suo meglio per obbedire ai suoi ordini, con grande ammirazione di Rogge.  Il Perla percorse poi altre 4000 miglia raggiungendo la nave rifornimento tedesca Northmark; superò le isole di Capo Verde, passò fra le Azzorre e le Canarie e giunse infine a Bordeaux il 20 maggio dopo  aver trascorso in mare 81 giorni e percorrendo 13.100 miglia. ma del Perla parleremo in un altro articolo.

L’affondamento dell’Atlantis
Dopo tanti successi, la nave corsara prese la via del rientro verso la Germania. Erano le prime ore del 22 novembre 1941 e l’Atlantis aveva fermato le macchine  per rifornire il sommergibile tedesco U 126. Tutto sembrava  tranquillo ed il sommergibile dopo l’emersione si era accostato alla nave per rifornirsi. L’operazione incominciò regolarmente ed il comandante del sommergibile raggiunse Rogge a bordo dell’Atlantis per uno scambio di saluti. Improvvisamente suonò l’allarme aereo. Il sommergibile tedesco, che si stava ancora rifornendo, senza attendere il rientro a bordo del proprio comandante, si immerse. Nel frattempo l’idrovolante inglese incominciò a volteggiare sulla loro verticale comunicando la posizione dell’avvistamento all’incrociatore inglese. Rogge, applicando una tattica sperimentata con successo altre volte, perse tempo, cercando di  farsi passare per un mercantile inglese. Sperava che il H.M.S. Devonshire si avvicinasse abbastanza per poterlo attaccare con i suoi siluri.  

la nave Polyphemus

L’Atlantis fermò quindi i suoi motori attendendo di averlo a tiro e interrogata, trasmise alla nave inglese una falsa generalità,  dichiarando di essere una nave mercantile olandese ovvero la Polyphemus. Si dice che alcuni marinai tedeschi  ricordarono una vecchia preghiera che gli uomini di Nelson recitavano aspettando l’arrivo di una bordata nemica: «Per quello che stiamo per ricevere, voglia il Signore darci il modo di mostrare la nostra sentita riconoscenza». Inizialmente il Devonshire si mantenne a distanza cercando di capire se si trattava veramente della Poliphemus (una nave effettivamente riportata in zona). Ma il trucco non funzionò.

H.M.S. Devonshire fu un incrociatore pesante della Classe County, tipo London, che servì nella Royal Navy durante la Seconda guerra mondiale.

Alle nove e trentacinque: il Devonshire aprì il fuoco ed i colpi incominciarono ad esplodere  attorno all’Atlantis. A questo punto Rogge diede l’ordine «Avanti, a tutta forza!» alzando la bandiera di combattimento tedesca. Furono attivati  i generatori di nebbia per confondere il nemico ma l’incrociatore inglese continuò a sparare mantenendosi a distanza di sicurezza, avvantaggiato dalla portata maggiore dei suoi cannoni. Colpito a più riprese, Rogge ordinò all’equipaggio dell’Atlantis di mettere le scialuppe in mare per abbandonare la nave, ormai avviata alla sua fine con una dozzina di incendi sul ponte. Un’altra bomba li colpì in pieno e la nave s’inclinò sul fianco sinistro. Il Devonshire, temendo di essere silurato dal sommergibile tedesco, non restò sul posto per raccogliere l’equipaggio della nave affondata e si allontanò a tutta forza.

la rifornitrice Python che rifornisce un sommergibile tedesco, U 124, al largo di Capo Verde

Solo più tardi le scialuppe con i marinai tedeschi vennero prese a rimorchio prima dall’U-126 e poi dalla nave rifornimento sommergibili Phyton.  Ma la loro odissea non era finita. Anche il Python, pochi giorni dopo, venne affondato da un incrociatore inglese. I superstiti, compresi quelli dell’Atlantis, vennero  soccorsi da due sommergibili che rimorchiarono per parecchi giorni le imbarcazioni di salvataggio, finché sopraggiunti altri due sommergibili, riuscirono a fare ritorno in patria con il loro indomito comandante Rogge.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 1.121 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »