Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Gli orologi H: la vera scoperta della longitudine di Giovanni Libardo

tempo di lettura: 5 minuti

,
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA DELLA NAVIGAZIONE
PERIODO: XVI-XVIII SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Longitudine, John Harrison.

 

Le linee della latitudine e della longitudine cominciarono a interessare il nostro modo di rappresentare il mondo fin dall’Antichità. Già nel 150 d.C. il cartografo e astronomo Tolomeo le aveva tracciate nel suo primo atlante del mondo. 

la mappa di Tolomeo

L’Equatore indicava per Tolomeo il parallelo di grado zero, mentre il meridiano fondamentale, ovvero la linea di longitudine di grado zero, era il meridiano che passava per le Isole Fortunate (oggi Isole Canarie).

L’aver fissato un Meridiano Fondamentale (o di riferimento) non voleva significare di aver individuato il processo necessario per trovare la Longitudine di un luogo, era solo il punto di partenza di una misurazione.

La scelta dell’equatore, parallelo di grado zero, fu semplice; la Terra ruota intorno ai poli e l’equatore rimane fermo rispetto alla sfera celeste per cui misurando l’altezza del sole e/o di alcune stelle sull’orizzonte (in primis la stella polare) era facile conoscere la latitudine. Per il calcolo della Longitudine il problema era ben più complesso, perché la Terra gira intorno all’asse polare, e, di conseguenza, ogni meridiano gira con il movimento di rotazione della Terra.

Ecco la differenza cruciale tra Latitudine e Longitudine: il parallelo fondamentale di latitudine 0° è fissato dalla Natura, mentre il Meridiano di grado 0° è mutevole col tempo. Se ci troviamo in mare e sappiamo prevedere con certezza che oggi una certa stella passa al Meridiano Fondamentale (Greenwich o altro) ad una certa ora mentre dal nostro meridiano passa un’ora più tardi ne consegue che il nostro meridiano forma con quello Fondamentale un angolo pari alla nostra longitudine. Il momento temporale (ora precisa) di cui abbiamo bisogno può essere determinato utilizzando il Sole o qualsiasi astro o pianeta, perché essi si muovono con un tempo ben definito e preciso. Calcolare il tempo con gli astri sembrerebbe aver risolto il problema della longitudine, ma, come si sa, le osservazioni degli astri sono vincolate dai capricci del tempo meteo e anche dai movimenti della nave con cattivi tempi. Di conseguenza, quello degli astri è un metodo che non dà garanzie di praticità e certezza di continuità.

Per calcolare la longitudine in alto mare bisogna sapere non soltanto che ora è a bordo della nave in un dato momento ma anche che ora è, in quello stesso istante, al Meridiano Fondamentale di Greenwich. Le ore segnate dai due orologi rendono possibile la trasformazione della differenza oraria in arco geografico, cioè in Longitudine. La ricerca per una soluzione del problema della longitudine continuò per quattro secoli in tutto il continente europeo. Già nel 1598 il re Filippo III di Spagna aveva stanziato un lauto vitalizio in ducati per chi avesse scoperto un metodo per calcolare la longitudine.

pagina tratta dall’opera di Galileo sul calcolo della longitudine Opere Astronomiche, cioè tuttocio che appartiene al Sistema Copernicano, e al Progetto sulle Longitudini, Tomo 1, Astronomia Volume 1, Astronomia

Galileo Galilei
Nel 1612, uno dei primi a cimentarsi nel calcolo della longitudine, fu Galileo Galilei con lo studio del tempo attraverso le eclissi dei Satelliti di Giove, i Medicei, da lui stesso scoperti. Il progetto, che aveva un accettabile validità a terra, a mare incontrò moltissime difficoltà pratiche vuoi perché Giove non è sempre osservabile vuoi per le difficoltà associate ai movimenti della nave.

Calcolo della longitudine – photo credit Caryn B. Davis

Il naufragio del 22 Ottobre 1707 della Flotta inglese presso le isole Scilly, vicino alla punta sud occidentale dell’Inghilterra, dove quattro navi da guerra britanniche s’incagliarono andando di-strutte e quasi duemila marinai persero la vita, portò, nel 1714, il Parlamento inglese ad approvare The Longitude Act, che stanziava un premio di 20.000 sterline destinato a chi avesse in-ventato un metodo attuabile per determinare la longitudine in mare con una precisione di mezzo grado. Il fatto che Gran Bretagna, con la flotta più potente dell’epoca, fosse pronta a spendere una così ingente somma per un margine di errore così ampio, rende l’idea di quale fosse lo stato di necessità e di difficoltà di tutta la navigazione di quell’epoca.

John Harrison
Fu un umile orologiaio autodidatta, l’inglese John Harrison, un genio della meccanica, a trovare la soluzione: bastava equipaggiare ogni nave di un cronometro in grado di segnare sempre l’ora “esatta” di Londra, e un semplice confronto con l’ora locale di bordo avrebbe fornito istantaneamente la longitudine della nave. Harrison costruì una serie di orologi quasi del tutto privi d’attrito, che non abbisognavano di lubrificazione o pulizia, fatti di materiali inattaccabili alla ruggine, in grado di mantenere le parti mobili in perfetto equilibrio reciproco, anche in presenza dei bruschi movimenti della nave. Tali risultati, però, furono vanificati dai membri della Commissione scientifica giudicante, che diffidavano della scatola magica di Harrison. John Harrison, uomo di bassi natali ma di grande ingegno, si batté contro gli uomini più insigni dell’epoca, inimicandosi in particolare il reverendo Nevil Maskelyne, astronomo reale, ma alla fine la precisione e l’efficienza della proposta di Harrison trionfarono.

il primo modello (H1) proposto da Harrison

Nel 1773 Harrison ottenne il premio che gli spettava di diritto, legando, dopo quarant’anni, il suo nome alla Longitudine; oggi, pur nell’epoca del GPS, la sigla H rappresenta, come un copy-right, una chiara e inequivocabile individuazione dei cronometri di bordo Harrison.

Giovanni Libardo
Comandante incursore della riserva della Marina Militare

 

 

 

 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 889 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
19 visitatori online
19 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 33 alle 08:24 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x