If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Dopo cento anni la scoperta del relitto del regio sommergibile Guglielmotti

Reading Time: 7 minutes

.
livello elementare 
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: regio sommergibile Guglielmotti

 

il sommergibile Guglielmotti ritrovato cento anni dopo il suo affondamento alla profondità di 400 metri – foto Marina Militare

I Cacciamine Rimini e Gaeta della Marina Militare italiana, durante un’attività di sorveglianza dei fondali nel Mar Tirreno presso l’isola di Capraia, hanno localizzato e identificato il relitto del Regio Sommergibile Alberto Guglielmotti, affondato nel marzo del 1917.

il cacciamine Rimini, classe Gaeta, foto Marina Militare italiana

Il ritrovamento del relitto del sommergibile è avvenuto da parte di Nave Gaeta ad una profondità di 400 metri, in una posizione correlabile con quella nota del suo affondamento avvenuto intorno alle 21:50 del 10 marzo del 1917 da parte dallo sloop inglese HMS Cyclamen, che lo aveva scambiato per un battello tedesco. Nella loro tragicità le immagini raccolte dai cacciamine hanno  confermato lo speronamento avvenuto ad opera dell’Unità inglese. La scoperta, come vedremo, è stata poi convalidata dalla successiva investigazione da parte del cacciamine Rimini con il veicolo MULTIPLUTO.

il ROV MULTIPLUTO  è un veicolo filoguidato che, quando dotato di semplici add-on, può essere trasformato in un veicolo amico (denominato PLUTO GABBIA). Questa configurazione consente di immergersi con un ROV che in profondità si può scindere in due veicoli indipendenti –  foto IdRobotica

I cacciamine, unità specialistiche della Marina Militare,  progettati per la ricerca e neutralizzazione degli ordigni esplosivi sul fondo del mare, si sono rivelati negli ultimi vent’anni degli straordinari sistemi di ricerca di relitti e artefatti subacquei. Non a caso sono forniti in dual use ad altre amministrazioni dello Stato per eseguire complesse operazioni di ricerca archeologiche e a favore delle Forze dell’ordine nelle indagini gudiziarie.

il cacciamine Gaeta, capo serie della classe Gaeta, foto Marina Militare italiana

La scoperta di nuovi relitti per questo tipo di unità non è rara. In precedenza, il cacciamine Gaeta aveva localizzato il relitto del HMS Saracen, un sommergibile inglese, affondato da due corvette italiane durante la seconda guerra mondiale, che era stato identificato durante una spedizione subacquea da parte di soggetti privati nel 2015. La ricerca del regio sommergibile Gugliemotti è stata eseguita con il sonar a profondità variabile ad alta frequenza in dotazione ai cacciamine. Una volta classificato come probabile relitto si è provveduto alla sua identificazione con i sistemi ROV di bordo.

I cacciamine italiani, sin dagli anni ’80 hanno in dotazione sistemi subacquei filoguidati, sviluppati per la ricerca e identificazione di oggetti sul fondo anche di piccole dimensioni. Per dare un’idea, grazie alle frequenze utilizzate è possibile distinguere i raggi di una ruota di bicicletta o la lattina di una bibita. La fase più complessa è la ricerca, assimilabile a quella di un ago in un pagliaio. tante sono le variabili e nonostante i mezzi disponibili, l’addestramento del personale è ancora fondamentale. Una ricerca quindi complessa che nel caso del Guglielmotti è stata portata a termine nelle fasi finali grazie al nuovo veicolo ROV MULTIPLUTO della GAYMARINE.

Il MULTIPLUTO è un ROV di osservazione compatto progettato dal vulcanico Ingegner Gay, noto in tutto il mondo per i suoi ROV, (Remotely Operated Vehicle) destinato per l’esplorazione oceanica profonda fino a 4000 metri. 

Il valore aggiunto di questo piccolo ROV sono le sue dimensioni, così compatte da consentirne il trasporto anche nel bagagliaio di un’automobile. Con un peso di soli sessanta kg ed una configurazione portatile, il MULTIPLUTO può essere trasportato su un piccolo gommone, Il ROV si è rivelato particolarmente adatto per le esplorazioni subacquee profonde, per le ricerche nel campo della biologia, archeologia marina, geologia, oceanologia, campionamento, e melle ispezioni di relitti con il recupero di artefatti che è garantito dagli strumenti in dotazione. 

La scoperta del relitto. avvenuta tramite il sonar ad alta definizione SQQ 14 IT in dotazione ai cacciamine, è stata poi confermata otticamente nella fase di identificazione finale dal veicolo subacqueo MULTIPLUTO che ha registrato le prime immagini del relitto che siamo in grado di mostrarvi.

Il video dimostra «l’identità del relitto grazie alla corrispondenza con i dettagli costruttivi del battello che appare adagiato sul fianco ed evidenzia il cannone di prora». Gli esperti della Marina non hanno dubbi: «I frame hanno confermato lo speronamento avvenuto da parte dell’unità inglese».

La breve storia del Guglielmotti
Questo sommergibile, progettato da Laurenti, rappresentò insieme al regio sommergibile Antonio Pacinotti, il primo esperimento nel campo delle unità subacquee di elevato dislocamento. La Regia Marina ne ordinò due esemplari nel 1913 quando la Marina Imperiale germanica aveva già in costruzione un’unità dello stesso tipo presso i Cantieri La Spezia.

Si trattò di una produzione, in dimensioni maggiori, delle unità di piccolo dislocamento classe “Fiat–S.Giorgio“, senza importanti innovazioni nel campo costruttivo. I compartimenti allagabili erano ricavati nell’interno della parete centrale dello scafo mentre dei depositi combustibili alcuni erano ubicati all’esterno, alle due estremità dello scafo, ed altri in una cassa interna centrale. Una particolarità nell’armamento era la sistemazione di tre lanciasiluri a prora, innovazione che non ebbe seguito nelle unità subacquee successive. I due sommergibili classe “Pacinotti” (Antonio Pacinotti e Alberto Guglielmotti) prestarono servizio per breve tempo ma la valutazione delle prestazioni da essi fornite non ne consigliò la riproduzione.

il sommergibile Guglielmotti alla boa nella rada di la Spezia nei pressi del Muggiano, sullo sfondo le alture della Castellana – archivio Marina Militare

Il Guglielmotti fu impostato il 7 giugno del 1914 nel cantiere San Giorgio di La Spezia, dove fu varato il 4 giugno del 1916 e consegnato alla Regia Marina il 19 dicembre 1916. Il suo motto era “nella difesa degli oppressi e nella punizione degli scellerati”.

Fu allestito nei cantieri del Muggiano sotto la direzione del futuro comandante, il capitano di fregata Guido Castiglioni, il sommergibile, dopo le prove di collaudo, fu inizialmente impegnato nell’addestramento sotto il controllo del Comando Militare Marittimo di La Spezia. Il 10 marzo 1917, di pomeriggio, il Guglielmotti, sempre sotto il comando del capitano di fregata Guido Castiglioni, partì da La Spezia diretto a Brindisi, la base cui era stato assegnato per operare nell’Adriatico meridionale con la 2ª Flottiglia. Si trattava della sua prima uscita in mare, se si fa eccezione per quelle relative alle prove ed all’addestramento preliminare.

sloop HMS Cyclamen

Nella notte dello stesso giorno tra Capraia e Capo Corso, il Guglielmotti avvistò a dritta al traverso una sagoma che ritenne essere la cannoniera Cirenaica, che doveva scortare il sommergibile durante il viaggio. Si trattava in realtà della cannoniera/dragamine inglese HMS Cyclamen; il Guglielmotti, che aveva manovrato per portarsi sulla stessa rotta della nave avvistata, avvistò poco dopo la nave trasporto truppe HMS Arcadia, alla cui scorta era stata assegnata la Cyclamen.

Rendendosi conto dell’errore, il sommergibile Guglielmotti virò verso sinistra per allontanarsi ma la HMS Cyclamen, che lo aveva scambiato per un U-Boot, aprì il fuoco con i propri cannoni, centrando il sommergibile in torretta ed uccidendo il tenente di vascello Leopoldo Alboni. Speronato poi sul lato sinistro dalla nave britannica, il Guglielmotti iniziò ad appopparsi e, nel giro di alcuni minuti, andò a fondo a nordovest della Capraia, portando con sé metà degli uomini a bordo. Fu la stessa Cyclamen a recuperare i sopravvissuti, tra cui il comandante, capitano di fregata Guido Castiglioni. Scomparvero con l’unità due ufficiali, quattro sottufficiali, sette tra sottocapi e marinai ed un operaio del cantiere di costruzione. Altre fonti indicano che le vittime furono invece sedici tra le quali il comandante in seconda, tenente di vascello Virgilio De Biase.

Mezzi multidisciplinari al servizio del Paese 
Il ritrovamento del regio sommergibile Guglielmotti conferma l’efficacia operativa dei nuovi veicoli subacquei in dotazione alla Marina militare italiana, capaci di operare a quote profonde e che potranno essere adoperati anche sui nuovi cacciamine che dovranno sostituire le ormai datate unità della classe Lerici/Gaeta. 

L’attività condotta dimostra come le capacità militari possono essere messe a disposizione della ricerca subacquea, anche per fini di ricostruzione storica, nell’ambito delle funzioni duali e complementari della Forza Armata. Questa nuova metodologia di investigazione apre un nuovo capitolo sulle indagini a quote profonde ed amplia gli scenari (militari e non) nei quali, i cacciamine della Marina Militare, possono operare in futuro inquadrandosi in un più ampio programma di esplorazione e ricerca dei nuovi fondali marini. Non ultimo, lo Stato Maggiore ha sottolineato che la scoperta ha ridato voce al coraggio e alla dignità di quegli uomini che oltre cento anni fa servirono il Paese fino all’estremo sacrificio.

Si ringrazia lo Stato Maggiore della Marina Militare italiana per le informazioni e fotografie

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print

(Visited 325 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »