Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Importante: come riconoscere i diversi tipi di plastiche

tempo di lettura: 6 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI

PERIODO: XXI SECOLO
AREA: PLASTICA
parole chiave: plastica, inquinamento, educazione

 

Plastiche
Abbiamo spesso parlato dell’impatto delle materie plastiche nell’ambiente e del danno continuo e durevole che comportano. Sebbene il rischio potrebbe essere ridotto riciclando tali materiali e non abbandonandoli nell’ambiente, purtroppo i rapporti che riceviamo dalle spiagge italiane continuano a segnalarci il massivo abbandono di bottiglie e contenitori in plastica per alimenti su spiagge e aree urbane. Una amara dimostrazione che esiste nella popolazione ancora un livello di non consapevolezza dei rischi a cui andiamo incontro: un insieme di cattiva educazione e menefreghismo delle conseguenze inevitabili che questi comportamenti comportano.

L’ambiente, lo abbiamo detto molte volte, non ha colore politico
Bisogna collaborare tutti per la salvaguardia del nostro futuro. Il lavoro di smaltimento dei rifiuti da parte delle società responsabili sarebbe avvantaggiato enormemente se tutti ponessimo maggiore attenzione alla gestione di questi materiali. Impossibile? Nulla è impossibile. E’ una questione di educazione civica, materia che dovrebbe essere obbligatoria in tutte le scuole. 

20170423_185704

Perché abbandonarlo sulla spiaggia? photo credit @andrea mucedola

Basta poco perché volere è potere

Ogni materiale plastico riporta un marchio ed è importante conoscerli perché conoscere significa pilotare le scelte future con le nostre scelte. Se vi ricordate, qualche anno fa uscirono i primi prodotti biologici … all’inizio costavano molto poi la domanda ne fece abbassare i prezzi ed ora l’Italia è uno tra i Paesi del mondo in cui i prodotti biologici sono tra i più diffusi e ricercati. Ancora una volta bisogna sottolineare che siamo noi a stabilire le regole e a farle rispettare.

Grazie per il tuo aiuto! Apprezziamo davvero la tua generosità per il mantenimento e supporto di OCEAN4FUTURE, il portale del Mare e della Marittimità 

Sappiamo che le plastiche possono essere anche nocive per la nostra salute … ma quanto?
La plastica è stata una grande invenzione che ha portato grandi vantaggi, ironicamente anche ecologici. Ma, come vedremo, ci sono plastiche e plastiche. Il polipropilene fu scoperto negli anni ‘50 da Giulio Natta che gli valse il premio Nobel per la chimica del 1963. Nel 1957 gli impianti di Ferrara della Montecatini iniziarono la produzione del Moplen, che sarà venduto in tutto il mondo. Il Moplen non era che il nome commerciale del polipropilene, un materiale adatto a tante lavorazioni: dalle stoviglie ai contenitori per gli alimenti fino ai giocattoli. In quel periodo si sviluppò anche il settore di produzione delle pellicole trasparenti usate nel confezionamento dei prodotti alimentari.
.

albero-plastica

..
Per meglio comprenderne le caratteristiche dei materiali plastici e la loro pericolosità bisogna saperli riconoscere. In realtà non è difficile e basta controllare i codici riportati sui prodotti che, per vostra convenienza, saranno elencati di seguito.

Partiamo dalla base. Sulle etichette o sul fondo di ciascuna bottiglia o oggetto di plastica c’è un numero che indica il materiale con cui è stata realizzata (se non c’è … incominciate a preoccuparvi). Questi numeri sono posti all’interno di un triangolo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PLASTICHE-codici-di-riciclaggio-platiche-wikipedia--1024x478.png

Codici per il riciclaggio dei materiali plastici presenti obbligatoriamente su ogni prodotto in plastica. qualora non presente non acquistate il prodotto perché potrebbe provenire da mercati paralleli – da https://it.wikipedia.org/wiki/Codici_di_riciclaggio

Di seguito parleremo di ciascun materiale, affinché ognuno possiate riconoscerlo e prendere, nel caso, le dovute precauzioni:

acqua1234567

codici di riciclaggio per le materie plastiche – dal sito CC BY NC
www.concienciaeco.com  

 
numero   

materiale     
 NOTE
1 PET È la plastica più comune e potrebbe rilasciare sostanze chimiche dopo il primo uso. Le bottiglie in PET sono progettate e commercializzate per essere utilizzate una sola volta. La rivista Altro consumo consiglia che, una volta svuotate, dovrebbero essere sempre smaltite. In particolare, un utilizzo prolungato di questi contenitori potrebbe intaccarne le caratteristiche sia tecnologiche che chimiche, quindi permettere che componenti della plastica in degradazione vengano a contatto con i liquidi o gli alimenti contaminandoli. Utilizzarle più volte, non è consigliabile neppure dal punto di vista igienico, perché potrebbe verificarsi una contaminazione microbica. È quindi preferibile optare sempre per le vecchie bottiglie in vetro perché sono facilmente lavabili (anche alle alte temperature) e garantiscono un maggior igiene. Usate le bottiglie in PET soltanto una volta.
2 HDPE /HDP È considerata la plastica migliore per le bottiglie, non rilascia sostanze chimiche tossiche e in più ha un costo di fabbricazione basso. Si usa comunemente per imbottigliare il latte, i detergenti e per produrre alcune buste di plastica.
3 PVC3V il PVC o Cloruro di Polivinile è generalmente usato per la fabbricazione di bottiglie di olio, contenitori per alimenti, giocattoli, cavi, pipe e perfino i telai delle finestre. Considerato uno dei materiali migliori (circa il 100% degli scarti delle sua lavorazione viene riutilizzato), il polivinile può essere riciclato riducendo il fabbisogno di energia e danneggiando di conseguenza in maniera minore l’ambiente, ma non è esente da pericoli. Secondo uno studio del “The center for Health, Environment and Justice”, una compagnia statunitense a difesa dei consumatori, il PVC è da considerarsi pericoloso. Se bruciato, il PVC rilascia infatti diossine, un gruppo fra le sostanze chimiche più pericolose che può causare il cancro, attaccare le difese immunitarie ed il sistema riproduttivo. Inoltre, contiene come antiossidante plastificante il discusso bisfenolo A, solitamente abbreviato in BPA.
4 LDPE Si tratta di un polietilene a bassa densità e non rilascia sostanze tossiche. Il problema è che con l’LDPE non si possono realizzare contenitori e bottiglie, ma soltanto i sacchetti del supermercato e altri articoli, come le buste per il pane. Se usi i sacchetti di plastica per la spesa assicurati sempre che siano in LDPE. Non usate sacchetti non biodegradabili.
5 PP Il PP o polipropilene è una plastica rigida che non comporta grossi rischi ed è molto resistente al calore, nonostante sia un materiale leggero. Se non riciclato compone gran parte delle macro plastiche che troviamo sulle spiagge con tutti i problemi discendenti che conosciamo.
 6 PS Questo è il comune polistirolo, usato per contenitori multiuso di vario tipo. Molte delle tazze da caffè per conservare calde le bevande non disperdendo il calore sono oggi realizzate in Polistirolo. Sebbene sia un eccellente materiale per la realizzazione di diversi tipi di contenitori, ha la cattiva tendenza a sfaldarsi in palline che finiscono nell’ambiente che rilasciano molte sostanze cancerogene.
 7 PC e altri Queste plastiche dovrebbero essere evitate a tutti i costi. Esse includono i policarbonati che rilasciano sostanze chimiche potenzialmente dannose per il nostro sistema endocrino.

Un problema da non trascurare sono gli additivi
Le plastiche contengono molti additivi introdotti per ottenere diverse caratteristiche a seconda dell’uso futuro. Purtroppo NON sono sostanze chimiche esenti da pericoli per la salute umana. Incominciamo con i Plastificanti, sostanze che vengono aggiunte ad i polimeri per aumentarne la flessibilità e la lavorabilità a temperatura ambiente o a temperature tali da evitare la degradazione termica della plastica. La scelta delle sostanze da impiegare dipende dal polimero a cui va aggiunta e dal tipo di applicazione finale a cui la materia plastica è destinata. Tra di essi particolarmente dannosi sono i famigerati ftalati.

Essi sono classificati Persistent Organic Pollutants (POPs) e sono persistenti nell’ambiente (aria, acqua, suolo). Il loro bioaccumulo avviene attraverso la catena alimentare, specialmente negli alimenti ad elevato contenuto di lipidi, e determinano effetti nocivi sulla salute umana e sull’ambiente.

Grazie per il tuo aiuto! Apprezziamo davvero la tua generosità per il mantenimento e supporto di OCEAN4FUTURE, il portale del Mare e della Marittimità 

Bisfenolo

Un altra sostanza, che in molti paesi è divenuta illegale, è il bisfenolo A (BPA), spesso usato in associazione con altre sostanze chimiche per produrre plastiche e resine come nel policarbonato, un tipo di plastica rigida trasparente che viene utilizzato per produrre recipienti per uso alimentare come le bottiglie per bibite, i biberon, le stoviglie di plastica (piatti e tazze) e i recipienti contenitori. Il BPA altera l’attività dell’apparato endocrino attivando i recettori degli ormoni, mima l’azione degli estrogeni essenziali nello sviluppo celebrale, ed è un interferente endocrino. Specialmente nei soggetti femminili, sono state osservati dei disturbi legati ad ipereccitabilità ed incapacità di mantenimento della concentrazione. Livelli alti di BPA sono significativamente correlati a disturbi cardiovascolari, diabete e ad un aumento anomalo del livello di alcuni enzimi epatici. Nel 2010 il Canada, USA e Norvegia e nel 2011 la Svezia hanno eliminato il BPA dall’elenco delle sostanze consentite per fabbricare materiali ed oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti. In Europa il loro uso è ancora legale ma si consiglia di cercate materiali NO BPA.

NB: Il PVC (3) può contenere il bisfenolo A come antiossidante nei plastificanti. I tipi di plastiche 1, 4, 5 e 6 non subiscono il processo di polimerizzazione tramite l’uso del bisfenolo A per la produzione di imballaggi.

In sintesi, fate attenzione … sappiate scegliere i materiali plastici che usate, non abbandonate i rifiuti e riciclate i vostri rifiuti plastici. BASTA POCO 

Andrea Mucedola

 

immagine in anteprima  abitanti indesiderati delle nostre spiagge @andrea mucedola

.


Ti è piaciuto questo articolo? Se sì, puoi fare una piccola donazione (anche un euro) per sostenere il nostro portale. Basta poco, per aiutarci a sostenere le spese di OCEAN4FUTURE, il portale del Mare e della Marittimità. La donazione può essere singola o puoi decidere di renderla automatica ogni mese. Per donare in sicurezza, Clicca sul link DONAZIONE oppure Scrivici per aiuto alla mail: infoocean4future@gmail.com
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

 

Loading

(Visited 14.748 times, 2 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
13 visitatori online
13 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 32 alle 12:27 am
Mese in corso: 65 alle 05-07--2024 10:16 am
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x