If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

COP 26: un amaro accordo di “condominio” ma con qualche speranza

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: CAMBIAMENTI CLIMATICI

parole chiave: Temperature, India, Cina

 

Si è appena concluso Il vertice di due settimane del COP 26 a Glasgow, mirato a porre fine e invertire la deforestazione, abbandonare il carbone e ridurre le emissioni di metano del 30% entro il 2030. Un obiettivo ambizioso che si è però ridimensionato … vediamo il perchè.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cop-26.jpg

I ricercatori di tutto il mondo, con un consenso di quasi il 100%, sottolineano la necessità di ridurre le emissioni di gas serra il più rapidamente possibile. Sebbene i rappresentanti di Stati Uniti e Cina, i due maggiori emettitori al mondo, avessero inizialmente accettato di cooperare per impedire che il riscaldamento globale superi nei prossimi anni un aumento di 1,5 gradi Celsius, alla fine molte aspettative sono restate deluse.  Tra di esse le richieste dei Paesi in via di sviluppo (G 77) di ottenere un sostegno finanziario come risarcimento dei danni causati dal cambiamento climatico. A tal riguardo, nonostante le premesse, Stati Uniti, il Regno Unito e l’Unione Europea si sono dimostrati elegantemente riluttanti ad accettare la responsabilità di quanto sta accadendo.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2100-proezion-ambientali.png

In estrema sintesi, ancora una volta, un finale pieno di compromessi a causa di alcuni Stati che si sono arroccati dietro posizioni inconciliabili che porteranno grandi problemi ai Paesi più poveri ed a quelli più “sensibili” agli innalzamenti dei mari. Nessun risarcimento per i danni subiti dai più deboli e l'”aspettata” non adesione dei due giganti demografici, India e Cina (ma non solo), ad ottemperare alle riduzioni delle emissioni. Va compreso che, sebbene il COP 26 si sia chiuso con l’obiettivo di mantenersi sotto la soglia di aumento di 1,5 gradi Celsius, stabilita nell’Accordo di Parigi del 2015, esso non è vincolante per i maggiori inquinatori per cui è probabile che il loro non contributo renderà vano o trascurabile lo sforzo comune.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è climate-change-comic-5.jpg

l’indifferenza è ancora predominante … complice anche una certa disaffezione verso la scienza, inquinata da troppi falsi profeti che non si basano su dati scientifici ma su posizioni personali, spesso appetibili per masse affette da analfabetismo culturale  … c’è da domandarsi il perchè fenomeni pseudo scientifici riescano ad attecchire così velocemente

Un condominio litigioso
Con una metafora potremmo dire che il COP 26 è sembrato una riunione di condominio, tanti discorsi e pochi fatti … L’obiettivo era di far adottare a tutti i 197 Paesi partecipanti un nuovo Patto Climatico ma non ci sono riusciti. La Cina, la cui dinamica economica globale non sembra fermarsi, sfoderando un aplomb orientale, non ha ceduto sulle sue posizioni. Mentre i delegati discutevano, cercando una soluzione percorribile, Pechino ha annunciato di aver aumentato la produzione giornaliera di carbone di oltre un milione di tonnellate per allentare la crisi energetica. Un fatto reale che fa pensare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è inquinamento-aria-cina.jpg

non si tratta di nebbia, sono i fumi asfissianti delle emissioni causate dall’inquinamento a rendere spettrali le città cinesi

A nulla sono valse le emergenze ambientali in corso nelle loro città e le supposte iniziative perseguite per ridurre le emissioni … di fatto la NDRC, National Development and Reform Commission cinese, responsabile della pianificazione economica, ha comunicato che la produzione media giornaliera di carbone è salita ad oltre 11,5 milioni di tonnellate dalla metà di ottobre, con un aumento di 1,1 milioni di tonnellate rispetto alla fine di settembre. Questo per necessità di sopperire ai gravi inconvenienti che hanno causato blackout e razionamenti di elettricità della catena produttiva, sollevando non pochi timori sulla supply chain.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cina-polluting.jpg

La satira non risparmia nessuno, in questa vignetta ecco la posizione cinese, vista da Nath Paresh (indiano) che lavora dal 2005 per il quotidiano Khaleej Times, pubblicato in inglese a Dubai e negli Emirati Arabi Uniti. Paresh ha pubblicato le sue tavole anche sull’Herald Tribune in India dal 1990 al 2005 ed ha vinto il premio delle Nazioni Unite (New York) nel 2000 e nel 2001. Le sue vignette sono pubblicate in varie pubblicazioni internazionali in tutto il mondo: The New York Times, International Herald Tribune (Paris ), Los Angeles Times, World Press Review, The Guardian, Ouest France, Time, Courrier International …

Ma non è sola … anche l’India, gigante demografico e anch’esso grande inquinatore, non ha voluto essere da meno ed ha fatto inserire all’ultimo momento un emendamento sul carbone che ha gelato i presenti, costretti ad accettare un boccone amaro pur di portare a casa una decisione comune. Il risultato è stato sconfortante e fa comprendere che il messaggio non sia arrivato … non si parla più di graduale «eliminazione» bensì di «riduzione» del carbone, principale fonte di emissioni di gas serra.

Di fatto il COP 26 è stata una mezza vittoria di India, Cina, Russia, Brasile, Sudafrica, Nigeria, ed altri Paesi emergenti … ma anche dei grandi produttori di combustili fossili, come Australia e Arabia Saudita, ed il futuro del pianeta appare sempre più incerto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2020-paesii-inquinanti.jpg

Non si tratta solo di cecità ambientale. Siamo di fronte ad una nuda realtà che anticipa un futuro prossimo venturo di accesi contrasti. La Cina, come l’India, non si piegano alle pressioni diplomatiche, sanno che i numeri contano e non hanno nessuna intenzione di rinunciare alla loro autonomia decisionale; sanno molto bene che, al di là delle nine days news, tutto rientrerà nell’ipocrisia generale in pochi giorni. Che conta se milioni di persone moriranno a causa degli effetti dei cambiamenti climatici, se vaste aree costiere saranno invase dalle acque che distruggeranno le economie locali e provocheranno migrazioni di massa invadendo i Paesi limitrofi. Una bomba demografica che indebolirà le economie di possibili concorrenti commerciali, costretti tra sensi di colpa post colonialisti e differenti visioni umanitarie.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è climate-change-comic-4-1024x885.jpg

Se bastasse così poco …

D’altronde questo gioco sporco è in uso da anni anche in Europa, favorito dalla globalizzazione: tutto inizia penetrando nei tessuti produttivi di Paesi socialmente instabili, distruggendo le piccole economie locali e proponendo soluzioni apparentemente vantaggiose che, di fatto, indebitano i Governi favorendo la corruzione e classi favorevoli ai nuovi padroni. Creando instabilità si costringono masse di disperati a migrare verso aree che possono in teoria offrire una qualità di vita maggiore. L’equazione non è semplice perchè la loro integrazione non è sempre facile. Sono politiche complesse e spregiudicate che hanno lo scopo di indebolire i Paesi di destinazione, economicamente pericolosi per gli altri. Situazioni alla luce del sole che vengono però mascherate da belle parole, concettualmente ineccepibili, ma che si riducono ad un insieme di bei propositi senza seguito che creano odio e intolleranza. Basta ricordare il ritornello ipocrita dell’Unione Europea per la gestione della migrazione verso la regione sud … dobbiamo … , faremo … , è di interesse comune … bla, bla, bla. Questa è un’altra storia amara, in cui non ci sono vincitori ma solo perdenti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è scenari-fino-a-05-1024x640.png

scenari legati al surriscaldamento : sopra con un aumento del 0,5 °C sotto di 3 °C

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è temperature-se-3-gradi-maggiore-1024x638.png
Il fallimento del COP 26 di Glasgow era aspettato. Lo stesso segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres aveva percepito la mancanza di una volontà comune. Se Cina e Brasile avevano sempre dichiarato i propri interessi, l’India aveva invece dato qualche speranza, svanita poi all’ultimo momento. Non sarebbe la prima volta che Nuova Delhi abbia rinunciato ad entrare in accordi regionalmente rilevanti, come la RCEP, Regional Comprehensive Economic Partnership, un accordo di libero scambio tra le nazioni dell’Asia-Pacifico, mirante a ridurre le tariffe e la burocrazia per facilitare le catene di approvvigionamento internazionali ed il commercio all’interno della regione.

Un distacco quello indiano che conferma la sua politica di non allineamento, che sottolinea la volontà di mantenere una propria autonomia. Dalla sua indipendenza l’India si è sempre barcamenata a destra e a sinistra, tra le lusinghe dell’Unione Sovietica e le tentazioni a stelle e strisce. Nonostante la pressione cinese ai suoi confini e sui mari, rafforzata dalla creazione di una rete di Paesi amici (come il Pakistan e l’Afghanistan), non favorevoli agli Indiani, Nuova Dehli non appare intenzionata a cercare alleanze vincolanti. Lo si comprende anche su temi comuni, come il contrasto dei cambiamenti climatici, in cui l’India non sembra voler prendere posizioni decise, giocandosi sempre la carta dell’ultimo momento. Cinismo giustificato dalla necessità di sopravvivenza economica di uno Paese enorme, costretto da un divario sociale che appare insormontabile, in cui i fumi industriali non sembrano essere il problema più importante a fronte della sopravvivenza nelle aree depresse. Ma il Mors tua vita mea non può funzionare in un mondo di cenere … e porterà solo ad un aumento delle instabilità locali. 

Se queste dinamiche hanno tempi lunghi, la verità amara è che in un prossimo futuro alcuni Paesi sono destinati a scomparire geograficamente, nell’indifferenza ed ignavia generale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è climate-change-comic-2.jpg

Di positivo il fatto che i Paesi sviluppati hanno convenuto che entro il 2025 raddoppieranno i finanziamenti per l’adattamento energetico per circa 40 miliardi di dollari l’anno. Lo faranno veramente? O meglio, saranno in grado di farlo, in un mondo che continua “a chiedere” senza essere disposto “a rinunciare”, strozzato tra consumismo ed emergenze continue. Uno scenario noto a tutti ma in cui tutti fanno finta di non sentire. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è greta-comics4.jpg

fino a quando non ci sarà un’unica visione a livello globale per la protezione ambientale il mondo non cambierà … amara vignetta da https://www.commonsenseevaluation.com

Non ultimo, alcuni attivisti per il clima sono stati fortemente critici nei confronti degli esiti della COP 26, descrivendo l’evento come un insieme di colloqui “esclusivi” incentrati su “business as usual and bla, bla, bla” … in realtà, al di là delle speranze di molti, la realtà va oltre le piazze, nelle stanze dei bottoni dove si prendono le decisioni che disegneranno il futuro …  ed il colore dipenderà solo da noi.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

 

 

 

 

print
(Visited 52 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »