Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Sulle onde della storia romana: Mare commune omnibus

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA ROMANA
PERIODO: CLASSICO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: navigazione, rematori, cultura romana

 

Dominio del mare è la locuzione italiana mediante la quale si indica il risultato ottimale conseguito dal potere marittimo, ovvero la facoltà di utilizzare liberamente il mare per i propri fini e di interdirne l’uso a qualsiasi forza nemica. I Romani, come sappiamo, erano pervenuti ad assicurarsi permanentemente tale potere sovrano sul mare (essi lo chiamavano esattamente come noi: imperium maris) con la vittoria navale di Azio, che consentì ad Ottaviano Augusto l’instaurazione della pace – celebrata come Pax Augusta – e dell’Impero.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde12_tempio_giano-1024x576.jpg

Tempio di Giano, che veniva chiuso in tempo di pace (Roma, resti sul lato nord di S. Nicola in Carcere)

Questa enunciazione di un risultato storicamente eccezionale contiene due parole che potrebbero evocare, nella mente di molti lettori, dei sottintesi arbitrari ed impropri: dominio, espressione che richiama alla mente l’idea della dominazione di una parte sopraffattrice su di una parte sopraffatta, e pax, vocabolo che viene oggigiorno spesso usurpato attribuendogli il significato di imposizione militare di una soluzione unilaterale per sedare una crisi internazionale o un conflitto in atto.

Il rischio di incorrere in tali distorsioni semantiche deriva dalla tendenza ad uniformare il giudizio storico a certi radicati convincimenti sulle prevaricazioni commesse dai Romani nei confronti delle popolazioni sottomesse. A riprova di tale presunto misfatto, vengono spesso citati due fra i più autorevoli storici romani: Sallustio, da cui proviene la durissima frase I Romani hanno una sola ragione, peraltro molto antica, di muovere guerra alle nazioni, ai popoli, a tutti i re: un’insaziabile cupidigia di dominio e di ricchezza” (Historiae, Epist. Mithr. 5), e Tacito, autore dell’ancor più agghiacciante proposizione: Dove hanno fatto il deserto, quello chiamano pace” (Agricola, 30). Si tratta in effetti di due inequivocabili asserzioni di condanna del comportamento dei Romani nei confronti degli altri popoli. Esse vengono pertanto presentate come testimonianze storiche talmente attendibili da costituire delle inconfutabili prove dei crimini commessi dai Romani nel perseguimento di odiose ed immorali finalità di dominazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde12_ara-pacis.jpg

Ara Pacis Augustae, l’altare della pace di Augusto: monumento decretato dal Senato nel 13 a.C..

Eppure, anche in questo caso, siamo in presenza di una bufala, sia perché quei giudizi non corrispondono affatto alla realtà storica, sia perché essi non riflettono in alcun modo il pensiero di Sallustio e di Tacito. Questi stessi storici si sarebbero molto stupiti dello sfruttamento tendenzioso, in senso faziosamente antiromano, di frasi che essi scrissero per tutt’altro motivo.

E già, perché quelli non sono dei loro commenti personali, ma delle critiche da essi attribuite a dei nemici dei Romani. Nel primo caso si tratta di Mitridate VI, il più crudele, sanguinario e spietato monarca ellenistico, che secondo Sallustio si espresse in quei termini in una lettera scritta al re Arsace per convincerlo a prendere le armi contro i Romani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde12_ara-sicurezza.jpg

Altare dedicato alla Sicurezza instaurata da Augusto a seguito della vittoria navale di Azio (Museo Archeologico Nazionale di Palestrina)

Nel secondo caso il personaggio citato da Tacito è un certo Calcago, giovane guerriero di una delle tribù di Britanni insorte contro i Romani. Costui avrebbe pronunciato un’arringa per fomentare lo sdegno e l’odio di tutti i convenuti, al fine di indurli a combattere con il massimo vigore contro il governatore romano, Gneo Giulio Agricola. Era infatti abitudine degli storici antichi, secondo le buone regole della retorica, inserire i discorsi recanti le varie argomentazioni utilizzate negli schieramenti contrapposti per galvanizzare i combattenti prima della battaglia. Subito dopo le tesi degli insorti, infatti, il testo di Tacito continua con il discorso rivolto da Agricola ai legionari, in termini ovviamente molto diversi.

È piuttosto evidente che il far passare per un pensiero di Sallustio o di Tacito delle frasi che questi storici attribuirono a dei nemici di Roma rappresenti un’inaccettabile mistificazione. Ma purtroppo quelle frasi sono state trascritte tante di quelle volte al di fuori del loro contesto, che tutti continuano a riferirle come espressione del pensiero dei due grandi autori romani, senza accorgersi di contribuire a propalare inconsapevolmente un’ingannevole falsità.

Da quell’equivoco all’automatica equiparazione della Pax Romana alla cieca e brutale prevaricazione, il passo è molto breve. Ma per i Romani Pax non era nient’altro che la Pace, non solo come l’auspicavano le loro madri e le loro spose, come la cantavano i loro poeti e come la intendiamo oggigiorno anche noi, ma addirittura divinizzata e oggetto di culto, con propri altari e propri templi. Essa era stata inizialmente celebrata come Pax Augusta, come abbiamo visto, perché era stato proprio il figlio adottivo di Cesare a renderla ovunque effettiva, per la prima volta nella storia del mondo allora conosciuto, instaurandola sulla terra e sul mare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pax-romana-map.png

La pace sul mare, in particolare, era stata ottenuta neutralizzando l’ultima grande minaccia originata oltremare – quella della grande forza navale orientale affrontata nelle acque di Azio – ed utilizzando poi le flotte vittoriose per mantenere ben saldo il controllo del Mediterraneo e delle altre acque che bagnavano le coste dell’Impero. In tali condizioni di forza, trovandosi ad esercitare la più assoluta forma di dominio del mare umanamente concepibile (cioè ponendo l’intero Mediterraneo sotto la legge di Roma, cosa che nessun altro ha mai potuto replicare), qualsiasi altra potenza avrebbe approfittato di tale indiscussa egemonia per privilegiare i propri interessi strategici ed economici, imponendo invece delle restrizioni alle attività marittime delle altre popolazioni rivierasche.

Era ciò che nei secoli precedenti avevano fatto in varia misura gli Etruschi, i Cartaginesi ed i Tarantini nei confronti dei Romani, così come faceva ogni altra potenza navale nelle aree soggette al proprio controllo. Quelle, in effetti, erano sempre state le regole del gioco, accettate – volenti o nolenti – da tutti, senza che nessuno se ne fosse mai mostrato concettualmente scandalizzato. Gli stessi Romani, nella fase della progressiva crescita del loro potere marittimo, si erano conformati alla prassi vigente imponendo dei vincoli alla consistenza del naviglio ed alle attività navali dei popoli che avevano commesso contro di essi delle ostilità sul mare (Anziati, Illirici, Cartaginesi, ecc.).

Per contro, quando venne costituito l’Impero tutto cambiò. Le relazioni fra Roma e le province non furono più regolate dalla logica dell’assoggettamento alla volontà della città egemone, ma dalla necessità di amministrare in modo equo e produttivo tutto l’Impero, ovvero l’insieme delle genti accomunate dal riferimento all’autorità sovrana dello stesso Principe. Questa nuova concezione fu ottimamente resa evidente da Augusto, che, mediante i suoi lunghi viaggi nelle province d’Oriente e d’Occidente, si mostrò parimenti preoccupato del benessere dei Romani e di quello delle altre popolazioni dell’Impero. Lo Stato romano, d’altronde, era la patria del Diritto e garantiva a tutti la possibilità di difendersi dai soprusi, in forza della legge di Roma, che era fondamentalmente basata sui principi dell’equità e della naturalis ratio, la ragione naturale propria di tutti gli esseri umani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde12_nave-europa.jpg

Nave Europa: riproduzione del grande graffito di Pompei che illustra dettagliatamente un imponente mercantile romano

Nel campo marittimo, in particolare, i Romani si basarono sul proprio radicato convincimento che il mare rientrasse, come l’acqua da bere e l’aria da respirare, nella categoria delle res communes omnium, ovvero dei beni di proprietà comune dell’intero genere umano. Coerentemente con tale presupposto, i giureconsulti romani sancirono per legge la libertà di utilizzo delle acque marine, purché non venissero lesi i diritti altrui. In tal modo vennero garantiti a tutti la libertà di navigazione ed il libero sfruttamento delle risorse marine: prelievo del sale, utilizzo dell’acqua marina per usi medici e veterinari, esercizio della pesca, attività di itticoltura e ricerca dei prodotti utilizzati per gli articoli di lusso, come i coralli, le perle, le porpore e le conchiglie per i cammei. La libertà di navigazione, sancita per tutti i mari, venne estesa anche ai fiumi, visto che i Romani erano adusi a sfruttare intensamente ogni possibilità di trasporto fluviale, soprattutto sul Tevere e sui grandi fiumi di confine come il Reno, il Danubio e l’Eufrate. Inoltre, la libertà di utilizzo del mare venne estesa anche alle relative spiagge, sulle quali i Romani riconoscevano il diritto di libero accesso. In origine, peraltro, questo diritto non era scaturito dalla volontà di favorire chi voleva accedere alle spiagge dal retroterra, ma dalla preoccupazione per chi sperava di giungervi dal mare: quella norma derivava infatti dal naturale diritto d’asilo che i Romani riconoscevano ai naufraghi, poiché nell’antichità il naufragio era una sventura alquanto comune.

La legislazione romana sul diritto del mare, come si vede, si basava su criteri molto più liberali di quelli odierni, visto che le norme internazionali, nonostante il principio di libertà della navigazione, consentono ora l’imposizione di vari vincoli ad aree estremamente ampie, suddivise in acque interne, acque territoriali, acque contigue, zona economica esclusiva e piattaforma continentale. A differenza di oggi, inoltre, la normativa romana sulla navigazione marittima era sempre applicata, senza possibilità di deroghe, come venne spiegato con la consueta chiarezza dall’imperatore Marco Aurelioio sono certamente il padrone del mondo, ma la legge lo è del mare” (Digesto 14, 2, 9).

Se questa legge fu un essenziale fattore di benessere e di diffusione della civiltà, la generosità universalista di Roma fu poi una causa della sua caduta … ma anche e soprattutto della sua eternità.

Domenico Carro

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 89 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

23 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »