Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Video: Siluri umani

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: VIDEO
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Film, Suda, M.T.M., X MAS

 

Esistono vecchi film di guerra che raramente sono proiettati nelle televisioni pubbliche e private che rappresentano, sebbene in forma romanzata dei racconti di eventi veramente accaduti. Alcuni di questi film furono girati nell’immediato dopoguerra con la partecipazioni di alcuni dei veri protagonisti di quegli eventi. Oggi rivedremo Siluri umani, un film di guerra del 1954 diretto da Antonio Leone Viola.

Trama
Il film ricostruisce l’attacco degli uomini della Regia Marina Italiana, nel 1941, alla flotta Inglese, ancorata nella baia di Suda, Creta. L’azione fu effettuata con i “barchini esplosivi“, mezzi d’assalto sviluppati dalla Regia Marina a partire dal 1935 e realizzati in circa 100 esemplari tra le diverse tipologie tra cui, la più numerosa, fu designata M.T.M., Motoscafo Turismo Modificato.

L’attore Enrico Maria Salerno interpretò il ruolo di uno degli operatori gamma dell’azione nel film indossando la tenuta gamma e l’ARO in uso nell’immediato dopoguerra.

L’azione storica
Nell’attacco alla Baia di Suda sei operatori Gamma della Xª Flottiglia MAS della Regia Marina italiana, a bordo di altrettanti barchini esplosivi affondarono l’incrociatore pesante britannico H.M.S. York da 8250 tonnellate e danneggiarono pesantemente la petroliera norvegese Pericles. Pianificata da tempo ma rinviata più volte, a seguito di una ricognizione aerea, erano stati confermati gli obiettivi nella rada di Suda e fu finalmente dato il via alla missione. I cacciatorpediniere Crispi e Sella, attrezzati per il trasporto dei barchini MTM, erano già dislocati a Stampalia da dove in circa 6 ore e mezzo potevano raggiungere la penisola di Acrotiri, a 10 miglia dalla Baia di Suda.

Alle 23:41 i cacciatorpediniere italiani invertirono la rotta ed i sei barchini, al comando il tenente di vascello Luigi Faggioni, si diressero verso l’obiettivo. Gli altri battelli erano pilotati dal sottotenente di vascello Angelo Cabrini, dal capo meccanico di seconda classe Alessio De Vito, dal capo meccanico di terza classe Tullio Tedeschi, dal secondo capo meccanico Lino Beccati, dal sergente cannoniere Emilio Barberi. Tra i partecipanti anche Fiorenzo Capriotti, che venne preso prigioniero nel successivo attacco a Malta dove ottenne la medaglia d’argento al valor militare.

l’allora tenente di vascello Luigi Faggioni che guidò l’attacco a Suda

Il piano di attacco prevedeva che i sei MTM dovevano forzare durante la notte i tre ordini di ostruzioni della baia. La prima ostruzione venne superata senza problemi, mentre il battello di Barberi si impigliò nella seconda ma riuscì a proseguire. Alle 02:45, passata la seconda ostruzione, Luigi Faggioni decise di accelerare, nonostante alcuni proiettori da ricerca stessero perlustrando le acque. Alle 04:30 venne avvistata la terza ostruzione, che venne superata passando in un piccolo varco tra l’ultima boa e la costa. Alle 04:45 gli operatori rimasero in attesa fino alle prime luci dell’alba in modo da poter individuare chiaramente le sagome degli obbiettivi ancorati in rada. Luigi Faggioni dopo aver perlustrato gli ancoraggi col binocolo assegnò ad ognuno i bersagli.

Alle 05:00 i battelli partirono coi motori al minimo per l’avvicinamento finale ed i barchini di Angelo Cabrini e Tullio Tedeschi centrarono lo York causandogli danni talmente gravi che non venne più rimesso in servizio; il sergente cannoniere Emilio Barberi centrò la petroliera Pericles da 8.324 t..

Nel frattempo Luigi Faggioni, che si stava dirigendo verso una petroliera, vide sfilarle di poppa l’incrociatore H.M.S. Coventry, che si era rifornito dalla stessa durante la notte, e cambiò la direzione del M.T.M. verso la nave che prendeva velocità, ma non essendo i barchini costruiti per puntare bersagli in movimento (una volta puntato l’obiettivo, il timone veniva bloccato sull’ultima rotta), mancò il suo bersaglio centrando la banchina di un molo.

lo York dopo la guerra mostrava ancora i grandi danni ricevuti

Un barchino venne recuperato intatto dagli inglesi. Gli operatori gamma che parteciparono all’azione ovvero Faggioni, Cabrini, Tedeschi, De Vito, Beccati e Barberi, tutti miracolosamente illesi, vennero decorati con la Medaglia d’Oro al Valor Militare, la più alta onorificenza militare italiana. La petroliera Pericles fu talmente danneggiata nelle sue strutture che, nella fase di rimorchio, affondò il 14 aprile 1941, mentre era in rotta verso Alessandria semplicemente a causa di avverse condizioni meteorologiche.

Il film

un giovane Bud Spencer interprete del film siluri umani

Il film, che rivedremo fra poco, fu prodotto da Carlo Ponti e Francesco De Laurentiis, con l’assistenza tecnica e storica dell’ammiraglio Marco Antonio Bragadin. Non tutti sanno che Bragadin, oltre ad occuparsi di argomenti specialistici, fece opera di divulgazione scrivendo, nel 1949, il libro Che ha fatto la Marina? 1940-45, per portare all’attenzione del grande pubblico le vicende della Regia Marina durante gli eventi bellici, azioni militari di cui era stata impedita  la divulgazione per ragioni di censura politica. In realtà il libro era stato concepito nel 1942 quando prestava servizio a Supermarinae, dopo una lunga lavorazione, pubblicato insieme ad importanti statistiche che illustrano e sintetizzano le operazioni belliche italiane durante la seconda guerra mondiale. La regia del film Siluri umani fu affidata ad Antonio Leone Viola, in arte Leonviola, nella primavera del 1954. Nel film recitarono attori famosi dell’epoca, tra cui Fabrizio Fabrizi, Raf Vallone, Andrea Checchi, Ettore Manni ed Enrico Maria Salerno. Il regista Leonviola, prima di terminare il film, ebbe però dei contrasti con la produzione ed abbandonò il set. Questo comportò che le ultime scene furono girate dal suo aiuto regista, Carlo Lizzani, che divenne poi un regista famoso del dopoguerra.

Curiosità
Tra i tanti attori un giovanissimo e atletico Carlo Pedersoli, che divenne poi famoso con il nome di Bud Spencer. Le scene delle attività operative mostrano la rada di La Spezia nel subito dopo guerra ed ebbero come protagonisti ufficiali e sottufficiali della Marina Militare del nascente Com.Sub.In. per cui è da considerarsi un reperto documentaristico di grande interesse.

Buona visione

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 796 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »