Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Ha senso parlare di Antropocene o sono solo perturbazioni temporanee nella lunga storia geologica della Terra?

tempo di lettura: 2 minuti

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Plastica, Antropocene

.

Si sente a volte parlare di Antropocene, un modo di voler  etichettare l’epoca geologica in cui l’essere umano è comparso sul pianeta modificandone le caratteristiche. Questo termine, secondo un articolo apparso sullo Smithsonian Magzine nel 2013, è ancora molto discusso. Di fatto, secondo la International Union of Geological Sciences (IUGS), incaricato di definire la scala temporale delle diverse era della Terra, siamo ancora nell’Olocene, un Era iniziata 11.700 anni fa dopo l’ultima grande glaciazione.

Il termine Antropocene fu proposto nel 2000, identificando quel nuovo periodo in cui le attività umane iniziarono ad avere un impatto globale significativo sulla geologia e gli ecosistemi della Terra. Sebbene interessante come approccio, la proposta non ottenne l’approvazione dalla Commissione internazionale per la stratigrafia  e dall’Unione internazionale delle scienze geologiche. Di fatto il termine ha ottenuto un certo successo tra gli Ambientalisti che hanno voluto sottolineare come in questo ultimo periodo l’Uomo abbia causato estinzioni di massa di specie vegetali e animali, inquinato gli oceani e alterato l’atmosfera con conseguenze che potrebbero essere durature.

Lo si deve al premio Nobel Paul Crutzen che lo rese popolare nel 2000, pur rimanendo circoscritto a circoli di scienze d’élite (sebbene apparso in quasi 200 articoli).

Molti scienziati che studiano gli strati rocciosi (geologi stratigrafici) criticano l’idea, dicendo che non esistono prove concrete a riguardo e che comunque tale impatto risulterebbe solo negli ultimi undici secoli (prime attività di agricoltura possono essere rilevata già nel 900 d.C.). Si tratterebbe quindi di onde nella lunga storia della Terra che potrebbero sparire in una visione a lungo termine … forse favorite dal nostro stesso comportamento che sembra mirato all’oggi e non al futuro … Chissà. 

foto in anteprima andrea mucedola

 

Riferimento
What is the Anthropocene and Are We in It? by Joseph Stromberg SMITHSONIAN MAGAZINE  January 2013

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

Loading

(Visited 293 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
6 visitatori online
6 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:33 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x