If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il controverso “caso Grossi” – Parte I

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Smg Barbarigo, Enzo Grossi
.
.

Proprio nel periodo in cui la nuova strategia di guerra adottata dai sommergibili della Regia Marina nell’Atlantico Occidentale stava dando i maggiori frutti ed i comandanti dei battelli di BETASOM stavano ottenendo in quelle lontane acque i loro maggiori successi, avvennero due episodi che segnarono profondamente il destino futuro di Romolo Polacchini. Mi riferisco a due azioni di guerra molto controverse del regio sommergibile Barbarigo in Atlantico delle quali si parlò e si discusse per moltissimi anni anche nel dopoguerra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Barbarigo_1.jpg

regio sommergibile Barbarigo – Ufficio Storico della Marina Militare

Il caso Grossi
Nel maggio e nell’ottobre del 1942 il capitano di corvetta Enzo Grossi, comandante del regio sommergibile Agostino Barbarigo, comunicò a BETASOM di avere affondato due corazzate americane. La notizia del primo affondamento suscitò giustamente clamore nell’Italia fascista e negli alleati tedeschi, bisognosi entrambi di ottenere grandi successi da dare in pasto alla propaganda ed ai giornali, per risollevare il morale delle Forze Armate e dei rispettivi popoli, di fronte all’andamento non troppo favorevole assunto dalla guerra in corso. La notizia dell’affondamento di due grosse navi da battaglia americane ebbe una vastissima eco internazionale, con scambio di accuse e di smentite da parte degli Stati Maggiori delle Marine delle Nazioni belligeranti. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è BETASOM-CC-GROSSI.jpg

il capitano di corvetta Enzo Grossi, discusso comandante del regio sommergibile Barbarigo

Mentre l’Italia e la Germania vantarono l’incredibile impresa compiuta dal regio sommergibile Barbarigo e tributarono al Comandante Grossi i massimi onori militari, gli Alleati smentirono categoricamente le due azioni, innescando una serie di polemiche e discussioni che solo due Commissioni d’Inchiesta Speciale (C.I.S.) aperte nel dopoguerra (ovvero quando ormai il Regime fascista era caduto, e insieme ad esso anche la necessità della sua propaganda) riuscirono in seguito definitivamente a chiudere.

Questo grazie ad una lunga e meticolosa ricostruzione dei fatti contestati dagli anglo-americani. Ciononostante le polemiche continuarono ancora per molto tempo, alimentate dalle insistenze dell’ex comandante Grossi, che continuò per diversi anni a millantare le sue “imprese” nelle acque sudamericane e dalla stampa politicamente orientata in suo favore. Ancora oggi, a distanza di ottant’anni, capita di leggere articoli o libri che nonostante tutto tendono a dare credito ai racconti forniti da Enzo Grossi [1]. Cerchiamo di ricostruire quei fatti molto controversi ed i loro retroscena meno noti.

Giugno 1942 – prima azione
Dopo aver segnalato radiotelegraficamente a BETASOM il primo affondamento di una corazzata, il capitano di corvetta Enzo Grossi, tornato a Bordeaux dalla sua missione nelle acque dell’America Meridionale, nel suo rapporto 042/SRP del 16/6/1942 scrisse che alle 02:45 del 20 maggio 1942, il Barbarigo, incrociando in latitudine 04°19′ Sud, longitudine 34°32′ Ovest (a 52 miglia per 239° dall’Isola Rocas, in Brasile), aveva avvistato una corazzata statunitense della Classe “Maryland” o “California” [2] scortata da un numero imprecisato di cacciatorpediniere che navigavano in direzione Sud. L’avvistamento fu fatto dall’ufficiale in 2a che chiamò in plancia il comandante Grossi che, nel suo rapporto, scrisse di essersi reso conto di essere di fronte ad una nave da battaglia nordamericana, facilmente riconoscibile per i due alberi “a cestello” (ossia a traliccio).

Grossi, nel rapporto di missione, descrisse la sua azione dicendo che, dopo aver manovrato per inserirsi all’interno dello schermo difensivo, aveva lanciato da appena 650 metri di distanza due siluri regolati a 4 e a 2 metri di profondità. Riferì che dopo 35 secondi entrambi i siluri andarono a segno perché si sentirono contemporaneamente due esplosioni; dopodiché con il binocolo Grossi vide la corazzata con la prora completamente immersa fino alla plancia, fortemente appruata e sbandata sulla dritta. Dichiarò inoltre che i cacciatorpediniere di scorta, con sua somma meraviglia, non reagirono.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è betasom-bandiera-barbarigo.jpgPolacchini, appena ricevuta via radio la notizia dell’affondamento di una nave da battaglia statunitense, chiese immediatamente al Barbarigo una precisa conferma e maggiori particolari dell’azione svolta, nutrendo fin da subito dei dubbi sulla veridicità di quanto affermato dal Comandante Grossi. Però, nonostante ciò, Polacchini, il 21 maggio, ricevuta via radio dal Barbarigo la comunicazione dell’azione al largo della costa brasiliana, essendo i chiarimenti forniti categorici, diede notizia dell’affondamento a MARICOSOM, Roma, suggerendo però l’opportunità che «vengano raccolti tutti i possibili elementi intesi ad accertare effettivo affondamento». In seguito,  prima ancora che il Barbarigo rientrasse alla Base, nel rapporto a MARICOSOM n. 290/SRP del 2/6/1942, scrisse testualmente: «L’essere riuscito ad affondare una grossa unità con due soli piccoli siluri deve iscriversi a fortuna».

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Polacchini-Bordeaux.jpg

il comandante superiore contrammiraglio Polacchini nel suo ufficio a Betasom

Nonostante i suggerimenti e l’invito alla prudenza di Polacchini, la notizia dell’impresa del Barbarigo venne diffusa da SUPERMARINA appena due giorni dopo essere stata informata da MARICOSOM, ovvero mentre il sommergibile italiano era ancora in zona di operazioni e prima che fosse possibile svolgere le indagini necessarie per ottenere, possibilmente da fonti estere, la conferma dell’affondamento della nave da battaglia nemica. Di fatto, la notizia diffusa dal bollettino di guerra della Regia Marina fu subito smentita in campo avversario. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è betasom-rapporto-barbarigo.jpg

Il rapporto con cui Polacchini diede notizia a MARICOSOM-Roma della missione del sommergibile” Barbarigo” nell’Atlantico Occidentale nella primavera del 1942 al comando del capitano di corvetta Grossi.

D’altra parte i Servizi informativi italiano e tedesco non riuscirono durante la guerra a raccogliere alcun dato di fatto concreto che potesse confermare, sia pure indirettamente il presunto successo del Barbarigo. I dubbi che il Comandante Superiore di BETASOM ebbe fin dall’inizio divennero più seri quando, nelle successive intense comunicazioni radiotelegrafiche fatte per fornire precisazioni e dare maggiori informazioni sull’azione del Barbarigo, il comandante Grossi dichiarò di avere utilizzato per l’affondamento due “silurotti” di poppa calibro 450 mm e non i grandi siluri di prora calibro 533 mm..

Polacchini, esperto sommergibilista, sapeva bene che i cosiddetti “silurotti” potevano essere adatti per affondare una nave mercantile o un’unità leggera, ma che difficilmente avrebbero procurato danni mortali a una grossa nave da battaglia [3].  Ad ogni modo il Governo, bisognoso per motivi politici dell’annuncio di “grandi vittorie”, prese come certa la notizia dell’affondamento di una nave da battaglia americana e precipitò le sue decisioni dandone l’annuncio – come detto sopra – con il Bollettino di guerra straordinario n.721 del 22 maggio 1942 e comunicando contestualmente al Comandante Grossi la sua promozione a Capitano di Fregata per meriti di guerra. Dopo la diffusione del bollettino di guerra ufficiale Polacchini, come da prassi, inoltrò a SUPERMARINA la sua proposta di concessione della Medaglia d’Oro al Valor Militare al comandante Grossi (lo fece in ottemperanza a quanto previsto dalla circolare del Ministero della Marina che stabiliva tale ricompensa per l’affondamento di una corazzata o di una nave portaerei).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è betasom-barbarigo-bordeaux-grossi-polacchini-1024x737.jpg

Naturalmente, per la sua azione, Grossi fu decorato dall’Italia con la Medaglia d’Oro al Valor Militare e da parte tedesca con la Croce di Ferro di Ia classe. Anche nel dopoguerra continuò un’accesa polemica su quest’azione di guerra, e da parte degli anglo-americani, che ormai non avevano più motivo di negare un loro insuccesso, continuarono giungere smentite sul successo vantato da Enzo Grossi. Non solo negarono fermamente di aver perduto una corazzata, ma sostennero che nessuna altra nave da guerra o mercantile era stata affondata, danneggiata o attaccata nella zona di Cabo de São Roque (Capo San Rocco, nel Brasile settentrionale) nella notte del 20 maggio 1942. Inoltre, fecero sapere che al momento degli eventi nessuna corazzata anglo-americana era dislocata nel Sud Atlantico, mentre tutte le navi da battaglia della Classe “Maryland” o “California” si trovavano concentrate nella zona di San Francisco.

Fine prima parte – continua

Marcello Polacchini

______________________

[1] Enzo Grossi, in aperta polemica con la ricostruzione dei fatti e le conclusioni della prima Commissione d’inchiesta nominata dalla Marina Militare italiana nel 1952 al fine di appurare la verità in merito al preteso affondamento delle corazzate americane, nel 1955 scrisse una lettera al Capo dello Stato, affermando tra l’altro: «Tutti sanno, che in entrambe le occasioni, attaccai, silurai e affondai in superficie, ciò significa che oltre a me, almeno altre sei persone videro i siluri colpire i bersagli e udirono gli scoppi che ne seguirono. Vi concedo l’allucinazione collettiva, ma gli scoppi furono sentiti anche dall’interno dello scafo.». L’affermazione, in essa contenuta, che “Il capo dello Stato annulla i decreti reali senza una reale motivazione. All’anima della democrazia!” gli costò una condanna in contumacia a 5 mesi e 10 giorni di reclusione.

[2] Le corazzate statunitensi delle Classi “Maryland” e “California” non differiscono nella sagoma ma soltanto nel calibro delle artiglierie principali, 406 mm le prime e 356 mm le seconde.

[3] I siluri in servizio nella Regia Marina italiana durante la Seconda Guerra Mondiale erano, come quelli della maggior parte delle altre Marine, di due calibri: 533,4 mm (21 pollici) e 450 mm (17,7 pollici). Questi ultimi, chiamati in gergo “silurotti”, erano di un tipo speciale ridotto ed erano lunghi 3,20 m con un peso della carica di 150 kg. I siluri da 533 mm avevano una gittata di 4.000 metri a 50 nodi per i sommergibili e 10.000 metri a 40 nodi per gli  incrociatori e i cacciatorpediniere; quelli da 450 mm invece arrivavano a 4.000 metri a 42 nodi per i sommergibili e i Mas e 7.000 metri a 35 nodi per le torpediniere.

____________________
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.

PARTE I
PARTE II
PARTE III

print

(Visited 580 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. Folino Giuseppe Folino Giuseppe
    13/04/2021    

    Non conoscevo l’episodio e lo trovo istruttivo e interessante- grazie

    • 13/04/2021    

      Nei prossimi due articoli sull’argomento Marcello Polacchini scenderà nei particolari di questo controverso caso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »