If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Nitrox e calcolatrice tascabile, due ottimi alleati di Luca Cicali

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: NA
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Nitrox

 

NITROX … immagine da https://www.coconuttreedivers.com/enriched-air

Nel precedente articolo abbiamo visto che è possibile pianificare un’immersione con miscele Nitrox attraverso un set di tre semplici formulette, semplicemente utilizzando quella che ci fornisce il parametro che vogliamo conoscere dopo aver fissato il valore degli altri due. Come ricorderete i tre parametri sono Pressione ambiente (PA), la frazione di ossigeno nella miscela (FO2) e la pressione parziale di ossigeno (PO2).  

Come sappiamo la pressione ambiente è legata alla profondità operativa, mentre la frazione di ossigeno al valore EAN della miscela Nitrox.  Per sicurezza, la massima pressione parziale di ossigeno che possiamo accettare in un immersione Nitrox è fissata prudenzialmente ad 1,4 bar. 

.
Ci tornerebbe quindi molto utile avere delle formule che utilizzino direttamente la profondità, “d=depth”, e il valore di EAN della miscela, e che inoltre tengano direttamente in conto che il valore massimo di pressione parziale di ossigeno è prudenzialmente fissato ad 1,4 bar. Sebbene siano disponibili numerose tabelle di facile utilizzo per le varie miscele iperossigenate, possiamo anche ricavarci da soli i parametri delle nostre immersioni utilizzando delle nuove formulette nei calcoli per pianificare correttamente le immersioni Nitrox. 

Come vedrete i parametri sono solo tre: 
– la profondità indicata dalla lettera d (depth);

– il valore EAN della percentuale di ossigeno nella nostra miscela Nitrox (ad esempio EAN 32);

– PO2, ovvero la pressione parziale di Ossigeno. 

Semplice, basta un foglio di carta ed una calcolatrice tascabile
Ci muniamo quindi di taccuino e calcolatrice (anche quelle APP del telefonino), e siamo pronti calcolare.

Quale pressione ossigeno si raggiunge utilizzando una certa Nitrox (EAN) a profondità “d“ ?

PO2  =  EAN  x  (10 + d) / 1000

Si tratta quindi di moltiplicare il valore EAN della miscela Nitrox per la profondità aumentata di 10 e si divide il risultato ottenuto per 1000.

Esempio: : Vogliamo conoscere la pressione di ossigeno alla massima profondità di 27 metri utilizzando una miscela Nitrox EAN 33.    Otteniamo:

PO2  =  33 x (10 + 27 ) / 1000   =   33  x  37  /1000     =    1221 / 1000  = 1,22 bar

Quale è la massima profondità operativa con una certa miscela Nitrox (EAN), con PO2 max = 1,4 bar ?

d = ( 1400 / EAN )  –  10

Basta quindi in questo caso dividere 1400 per il valore di EAN della miscela Nitrox scelta e sottrarre 10 dal risultato.  

Esempio: Vogliamo conoscere la massima profondità operativa (MOD) di una miscela Nitrox EAN 70.  Otteniamo facilmente:

d  = (1400 / EAN)  –  10    =       (1400 / 70)  –  10      =      20 – 10 = 10 Metri

Quale miscela Nitrox EAN devo scegliere per raggiungere la profondità desiderata senza superare 1,4 bar di PO2?

EAN = 1400 / (10 + d)

Occorre cioè dividere 1400 per la profondità aumentata di 10.  

Esempio: Vogliamo conoscere la miscela Nitrox da utilizzare per la profondità massima di 30 metri.    Abbiamo:

EAN =  1400 / (10 + 30)  =  1400  /  40  =   EAN 35

Un ultimo suggerimento:  se anziché 1,4 bar (come massima pressione parziale di ossigeno) desideriamo un valore di 1,5 o 1,6 è sufficiente sostituire nelle formule il valore 1400, rispettivamente, con 1500 o 1600.  Ma voglio rammentare che in tutti i corsi Nitrox si raccomanda, a buona ragione, di non superare il limite di 1,4 bar.

Nell’articolo precedente abbiamo anche introdotto il concetto di profondità equivalente ad Aria, (EAD), ovvero la profondità di una ipotetica immersione ad aria che sia equivalente, in termini di quantità di azoto disciolto nei tessuti, alla profondità reale di una immersione Nitrox.   Poiché l’azoto nella miscela Nitrox è in percentuale inferiore di quella dell’aria, la profondità equivalente sarà sempre inferiore a quella reale.  

luca cicali, photo credit andrea mucedola

Quindi effettuare un’immersione Nitrox ad una certa profondità equivale a fare una immersione con aria a profondità pari all’EAD. Trovata la EAD, (tramite tabelle o una apposita formuletta), possiamo verificare quanto tempo di non decompressione (NDL) possiamo guadagnare con essa. Questa estensione può essere anche molto significativa, specialmente alle basse profondità e con miscele ad elevata percentuale di ossigeno.

Ecco una tabella che ci fa capire in modo sintetico la convenienza dell’uso di miscele Nitrox. 

Sono riportati sulla prima riga della tabella diversi valori di miscele Nitrox con EAN variabile.   Al di sotto di ciascun valore di EAN sono riportati, nell’ordine:

MOD – La massima profondità operativa che l’EAN considerata consente;

EAD, cioè la profondità respirando aria corrispondente alla MOD

NDL air, ovvero l’No Decompression Limit per una immersione a profondità pari a MOD

NDL Nitrox, ovvero l’No Decompression Limit per immersione Nitrox con l’EAN considerata alla massima profondità operativa (MOD)

Allegando le tabelle redatte dal NOOA fino all’EAD 40 vediamo ora alcuni casi significativi, ottenuti arrotondando i valori letti nella tabella superiore:

EAN 28
Con questa miscela possiamo arrivare fino a 40 mt (MOD).  Equivale, in termini di assorbimento di azoto, ad una immersione a 36 mt con aria (EAD).   Utilizzando aria a 40 mt abbiamo un NDL di 9 minuti, mentre se usiamo Nitrox EAN 28 abbiamo 12  minuti (+3). Non molto in termini assoluti, più significativo in termini percentuali, ( + 33%).   Certamente non è particolarmente conveniente l’uso del Nitrox per una simile immersione.

EAN 32
Con questa miscela possiamo arrivare praticamente fino a 34 mt.  Equivale, in termini di assorbimento di azoto, ad una immersione a 28 mt con aria, (EAD). Utilizzando aria a 34 metri abbiamo un NDL di 12 minuti, mentre se usiamo Nitrox EAN 32 abbiamo 17 minuti, (+5). Cominciamo a fare sul serio:  in termini percentuali l’NDL cresce del 41 %.

EAN 36
Con questa miscela possiamo arrivare fino a 29 mt.  Equivale a, in termini di assorbimento di azoto, ad una immersione a 21 mt con aria, (EAD).   Utilizzando aria a 21 mt abbiamo un NDL di 17 minuti, mentre se usassimo il Nitrox avremmo 25 minuti, (+8). Una miscela molto conveniente e molto usata in quanto, in percentuale, l’NDL aumenta del  47 %.

EAN 40
Il limite di profondità è ora di 25 mt, (MOD),  ed equivale ad una immersione con aria a 17  mt, (EAD). Utilizzando aria a 25 mt abbiamo un NDL di 22 minuti, mentre se usiamo Nitrox EAN 40 abbiamo un NDL  53 minuti, (+28). Una miscela eccellente per immersioni ricreative a profondità non elevata, con un NDL che diviene più che doppio di quello dell’aria. Attenzione però perché il 40% di ossigeno nella miscela è il limite massimo per l’uso di attrezzature generiche: oltre il 40 % siamo obbligati ad utilizzare attrezzature ossigeno compatibili e pulite ad ossigeno.

EAN 50
Il limite di massimo profondità è 18 metri (MOD),  ed equivale ad una immersione con aria ad 8 mt, (EAD).   Utilizzando aria a 18 mt abbiamo un NDL di 53 minuti, mentre se usiamo Nitrox EAN 50 abbiamo 300 min., praticamente illimitata (5 ore).

Fatta eccezione per il caso di utilizzo in fase di decompressione, questa miscela ha però scarsa utilità pratica come miscela di fondo. Infatti estendere così tanto il limite di non decompressione l’NDL ha poca utilità pratica, in quanto per sfruttarlo occorrerebbero volumi di gas notevoli ed attrezzature dedicate. Inoltre, resta un dato teorico: non possiamo infatti respirare miscele con pressione parziale di ossigeno pari a 1,4 bar per più di 150 minuti (2,5 ore), per non superare il limite del 100% di tossicità CNS. Pertanto dopo 150 minuti l’immersione andrebbe comunque interrotta. 

Accanto a questi casi ci sono naturalmente tutte le situazioni intermedie che ognuno può valutare autonomamente in dettaglio. ..  ma tutto conferma che il Nitrox è la miscela ideale delle profondità medie  tra i 20 ed i 35 metri.

Luca Cicali

.

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 1.534 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share