If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Lionfish, sea invaders an article by Alexandra Santos

Reading Time: 4 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: SPECIE ALIENE 
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR DEI CARAIBI
parole chiave: Lionfish, Scorpenidi
.

11693904_10208134106776258_585662398516063848_n

Lionfish, sea invaders
Tutti abbiamo visto nelle acque tropicali i Pterois, questi bellissimi pesci di pesci d’acqua salata, appartenenti alla famiglia degli Scorpaenidae (la stessa degli scorfani), che comprende ben dieci specie note ai più’ come pesci scorpione o pesci leone. I Pterois hanno una testa relativamente piccola, la bocca  grande, occhi sporgenti, al di sopra dei quali si notano due escrescenze. Il loro corpo si restringe verso il peduncolo caudale che precede una coda piuttosto larga, tondeggiante. Come noto, i primi raggi della pinna dorsale e di quella anale sono aculei veleniferi, che vengono eretti dal pesce quando in situazione di pericolo.

Questi aculei sono cavi e collegati a una ghiandola velenifera. I raggi delle pinne pettorali sono invece degli aculei pieni non velenosi. La livrea dello Pterois differisce a seconda delle specie ma è tendenzialmente bruno-rossastra e bianca. Queste specie sono soprattutto diffuse nelle aree tropicali dell’Indo-Pacifico ma si stanno diffondendo, a scapito di altre specie, anche in tutti i Caraibi e la costa orientale del Nord America fino a sud in Venezuela e Colombia.

sealion 1L’articolo di Alexandra Santos, originaria della Repubblica Dominicana, ci racconta questo aspetto ecologico, non a tutti noto, che ha portato le Autorità dei Caraibi ad autorizzarne la pesca per cercare di arginarne la riproduzione. La specie è cresciuta così rapidamente nel corso degli ultimi venti anni  da occupare  invasivamente le scogliere atlantiche temperate e tropicali. Nativa dell’Indo-Pacifico, è arrivata nell’Oceano Atlantico a causa del rilascio, accidentale o colpevole, in mare di alcuni esemplari. Questo atto  ha portato alla distruzione di molte specie native divorate dal nuovo arrivato. Ma cosa rende questi bellissimi pesci così dannosi? Direi la sua aggressività favorita dal fatto di non avere di fatto predatori e di essere in grado di rilasciare fino a 300 milioni di uova all’anno che non sono mangiate dagli altri pesci a causa di un deterrente chimico che le protegge.

sea lion 2La loro aggressività li porta a nutrirsi voracemente di  diversi tipi di pesci, invertebrati e molluschi. Per avere un idea, un piccolo pesce leone può ridurre il numero di pesci nativi del 80% in meno di un mese. Il veleno dei suoi aculei può essere molto doloroso per l’uomo ma non è fatale. Ironia della sorte, e’ l’uomo l’unico suo predatore. La tenera carne bianca rende questi pesci una cena prelibata per cui la pesca per motivi contenitivi e’ stata doppiamente incentivata. Alexandra Santos, esponendo il rischio biologico derivato dal diffondersi dal sud della Florida a tutta la costa orientale degli Stati Uniti verso nord ed al Venezuela verso sud, invita a partecipare con i biologi e le autorità locali a limitarne la loro diffusione che potrebbe avere nel futuro conseguenze catastrofiche.

Lionfish, sea invaders
an article by  Alexandra Santos published 2016/01/17
Photos of Pablo Santos lionfish hunter and owner of “Aqua Adventures by Scuba Dive Sosua” located in Sosua Dominican Republic

map 1 map 2

Lionfish are an invading species that has grown so rapidly over the last 20 years and is now filling our warm temperate and tropical Atlantic reefs. This Indo-Pacific native arrived in the Atlantic Ocean with nearly no natural predators. Researchers believe they arrived here with the help of people releasing unwanted pets into the Atlantic Ocean, not knowing that one day these fish would become the first venomous marine fish invasive to this region. Marine Invaders are a near impossible to eradicate once established, so these little guys are here to stay.  These fish can be found in waters as cold as 50 degrees Fahrenheit and as deep as 1000 feet down. What makes these fish so bad you might ask?  Not only does nothing in the Atlantic naturally prey on these fish, they can reproduce up to 300 million eggs per year. Other fish do not feed on the eggs due to a chemical deterrent produced in the egg sack.

sealion 3These fish are sexually mature by the age of one years old.  Pterois are aggressive feeders known to feed on up to 70 different fish, invertebrates and mollusks. Just one small lion fish alone can reduce the number of native juvenile Atlantic fish on one a single reef by 80% in as little as one month! The venom in the spines can be very painful to humans however the venom is not fatal. Soft white flakey meat makes these fish a very nice dinner choice. Of course you have to catch them first! Join in on the nationwide hunt for lion fish and help control the population on these invading creatures. People got them here now we need People to help control the population until nature can do so on its own.

Alexandra Santos

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 119 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »