Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Scoperte nuove tracce di un passato turbolento al centro della nostra galassia

tempo di lettura: 5 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ASTRONOMIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: galassia, buco nero, Sagittarius A*

Si leggono spesso critiche sulla ricerca degli spazi profondi, ritenuta da alcuni inutile e con ricadute minimali sul mondo reale. Niente di più sbagliato, la ricerca è la scintilla che apre nuovi orizzonti, spesso nemmeno visibili. Abbiamo bisogno di investigare, di studiare, di farci delle domande  anche in campi apparentemente così distanti dalla vita di ogni giorno. Se non fossero esistiti grandi uomini e donne che hanno speso la loro vita per studiare i misteri del mondo saremmo ancora intorno ad un fuoco, dando soddisfazione solo ai tre bisogni primari che ci uniscono agli altri componenti del Regno animale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FRANCESCO-PACIENZA-CIELO-STELLATO-NOTTE.jpg

la bellezza della via lattea – photo credit @Francesco Pacienza

Veniamo ora ad una recente notizia che è apparsa sulla stampa specialistica  internazionale. Alcuni astronomi hanno scoperto centinaia di nuove tracce, simili a stringhe, al centro della nostra galassia che rappresentano un nuovo mistero dello spazio profondo. Si tratterebbe di radio “filamenti” che avrebbero dimensioni tra 5 e 10 anni luce di lunghezza, una distanza enorme se si pensa che un’anno luce equivale a 9.454.254.955.488 km ovvero oltre 9454 miliardi di chilometri

In realtà la loro presenza era stata già ipotizzata circa 40 anni fa ma la disponibilità di nuove strutture di indagini e, in particolare del telescopio Meerkat, situato in Sudafrica e gestito dal South African Radio Astronomy Observatory (Sarao), ha permesso agli studiosi di poter sviluppare nuove ipotesi. Le recenti osservazioni di Meerkat hanno fornito un straordinario mosaico del centro della Galassia con dettagli di 4 ” – 6″ di risoluzione spaziale.

Le proprietà statistiche della popolazione di questi filamenti (ad esempio la loro morfologia, indice spettrale medio, campo magnetico, spaziatura del filamento) sono stati recentemente studiati in dettaglio in una serie di documenti e la rivista The Astrophysical Journal letters ha pubblicato lo studio The Population of the Galactic Center Filaments: Position Angle Distribution Reveals a Degree-scale Collimated Outflow from Sgr A* along the Galactic Plane di F. Yusef-Zadeh et al. 2023 (ApJL 949 L31).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ASTRONOMIA-South-African-Radio-Astronomy-Observatory-Sarao-SKA-Mid-1024x683.jpg

Square Kilometre Array Organisation (SKAO) / South African Radio Astronomy Observatory (SARAO),64 antenne puntate verso il centro della nostra Galassia per scoprirne i segreti SKA-Mid.jpg – Wikimedia Commons

L’argomento è piuttosto specialistico per cui cercherò di riassumerne gli aspetti più evidenti. Le precedenti osservazioni (Yusef-Zadeh et al. 1984) con sistemi VLA (Very Large Array) avevano mostrato tracce di filamenti luminosi e lunghi che emettono emissioni non termiche, ma i dati di Meerkat hanno rivelato una grande quantità di filamenti più deboli e brevi presenti anche in un gran numero di cluster di galassia, collegati a emissioni radio, code e lobi delle radio galassie.

Avrete quindi capito che si tratta di “tracce elettromagnetiche”, testimonianze di un evento straordinario che si generarono a seguito di esplosioni di particelle ad alta energia, invisibili ad occhio nudo. Questi filamenti sembrano puntare direttamente al buco nero super massiccio centrale della nostra galassia, suggerendo che potrebbero essere i resti di un’enorme esplosione avvenuta nei pressi del grande e misterioso buco nero che strappò, modificandole, le nuvole circostanti di gas stellare. Ma le scoperte non sono finite.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ASTRONOMIA-EHT_Saggitarius_A_black_hole.jpg

Questa è la prima immagine di Sgr A*, il buco nero super massiccio al centro della nostra galassia, catturata dall’Event Horizon Telescope (EHT), un array che collegava otto osservatori radio esistenti in tutto il pianeta per formare un singolo telescopio virtuale “dimensionale”. Il telescopio prende il nome dall’orizzonte dell’evento, il confine del buco nero oltre il quale nessuna luce può sfuggire. Sebbene non possiamo vedere lo stesso orizzonte di eventi, perché non può emettere luce, il gas luminoso in orbita attorno al buco nero rivela una regione centrale scura (chiamata ombra) circondata da una struttura a forma di anello luminoso – Fonte https://www.eso.org/public/images/eso2208-eht-mwa/ – autore collaborazione EHTFile:EHT Saggitarius A black hole.tif – Wikimedia Commons

Nei pressi di questo buco nero centrale della Via Lattea, si trova una sorgente di onde radio molto luminosa, Sagittarius A* (Sgr A*), che ha una massa di circa 4 milioni di volte quella del nostro Sole, la cui presenza può essere estremamente importante per comprendere meglio la “storia” della nostra Galassia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è filamneti-nella-galassia.jpg

La Figura (a) mostra l’intera gamma di filamenti posizionati tra 0 ° e 180 ° (o equivalentemente, da -90 ° a +90 °) con colori diversi. Le tabelle di colore vengono utilizzate per distinguere tra i filamenti con angoli positivi (rosso) e negativo (blu). La distribuzione suggerisce che i filamenti orientati perpendicolarmente al piano galattico tendono ad essere più lunghi mentre quelli paralleli al piano galattico sono più brevi – da studio citato

Trovandosi nel pressi del centro della nostra galassia, il buco nero costituirebbe il corpo celeste attorno a cui tutte le stelle della Via Lattea, compresa la nostra, compiono il loro moto di rivoluzione. 

Il team diretto da Yusef-Zadeh, che da anni ne studia le caratteristiche, ha scoperto enormi bolle di energia 25.000 anni luce al di sopra di ogni lato del buco nero, nonché circa 1.000 radio filamenti verticali che si estendono come “corde di un’arpa immensa”. A questi si aggiungono sottili radio filamenti orizzontali scoperti dai ricercatori elaborando le recenti osservazioni dal telescopio Meerkat e riducendo il rumore di fondo delle fonti di energia nelle vicinanze. Secondo Yusef-Zadeh si tratterebbe di tracce orizzontali sottili anche se molto più brevi delle loro controparti verticali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è meerkat-filamneti-galassia-1.jpg

Nelle due immagini Meerkat del Centro della Galassia, ottenute a mosaico, la prima con una risoluzione da 4” (Heywood et al. 2022) e la seconda, in basso,  simile all’immagine superiore ma filtrata con una risoluzione angolare di 6farcs4 (Yusef-Zadeh et al. 2022a), si possono vedere i lunghi radio filamenti – da studio citato 

Nonostante queste differenze, gli astronomi ritengono che anche loro siano state create da un’emissione di energia proveniente dal buco nero centrale della nostra galassia circa 6 milioni di anni fa. In particolare, “Sembra essere il risultato di un’interazione di quel materiale di deflusso con oggetti vicino a esso“, ha concluso Yusef-Zadeh. Un nuovo passo per scoprire la violenta vita passata del grande buco nero al centro della nostra galassia. La ricerca continua.

 

Riferimenti
F. Yusef-Zadeh et al 2023, ApJL 949 L31 DOI 10.3847/2041-8213/acd54b

Heywood I., Rammala I., Camilo F. et al. 2022, ApJ 925 165 DOI 10.3847/1538-4357/ac449a

Wikipedia

 

Original content from this work may be used under the terms of the Creative Commons Attribution 4.0 licence. Any further distribution of this work must maintain attribution to the author(s) and the title of the work, journal citation and DOI.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

 

Loading

(Visited 94 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
15 visitatori online
15 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 17 alle 09:49 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x