Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Reportage: La secca principale del Banco di Santa Croce

tempo di lettura: 4 minuti

.
livello elementare

.
ARGOMENTO: REPORTAGE
PERIODO: ODIERNO
AREA: MAR MEDITERRANEO – CAMPANIA – NAPOLI
parole chiave: immersioni, banco Santa Croce

 

Salve a tutti, oggi vi porto sul meraviglioso Banco di Santa Croce. Il Banco, una zona di tutela biologica istituita nel 1993 nell’Area Marina Protetta di Punta Campanella, è costituito principalmente da cinque grandi pinnacoli rocciosi lungo le cui pareti, più o meno scoscese, può essere osservata una grande varietà di vita marina di una bellezza difficilmente immaginabile per un tratto di mare di fatto prospiciente la foce del fiume Sarno. 

immacolata-moccia

Immacolata Moccia

E’ proprio grazie  al suo apporto di nutrienti, che tendono a rendere torbide le acque superficiali, che si viene  a generare un ambiente perfetto per lo sviluppo di organismi sciafili. Questo sito di immersioni si trova nel tratto di mare di Vico Equense, facilmente raggiungibile dal porto di Castellammare di Stabia, ed è segnalato da una meda gialla in direzione del Vesuvio. Il Banco di Santa Croce, tra i più belli del Mediterraneo per la ricchezza di flora e fauna, è caratterizzato da una biodiversità notevole; da due anni a questa parte, nei periodi tra maggio e settembre, si è notato un aumento  qualitativo  e quantitativo delle specie presenti. Non mancano incontri con aquile di mare, grosse cernie brune già osservabili a dieci metri su alcuni dei cappelli, nonché banchi di alici, barracuda, dentici, e le onnipresenti castagnole. 

E’ composto da sette secche:

  • Secca Gerardia con un cappello a 35 mt che discende fino a 53 mt;
  • Secca Corallo con un cappello a 45 mt fino a 60 mt;
  • Secca Cernia da 32 mt fino a 45 mt;
  • Secca del Gronghi da 35 mt fino a 45 mt;
  • Secca di terra, tra i 23 ed i 26 mt fino a 45 mt;
  • Secca Cerianti dai 16 mt fino a 45 mt;
  • Secca Principale dai 10 mt fino a 40 mt.

A causa delle profondità, solitamente vengono effettuate immersioni ricreative solo sulle ultime tre delle sei secche mentre le altre sono invece consigliate solo ai subacquei più esperti con dotazioni tecniche.

santa-croce-cerianto

Cerianto – foto di Immacolata Moccia

Oggi vi descriverò la mia ultima immersione alla Secca Principale.

Questa secca occupa una posizione centrale rispetto alle altre ed è la più accessibile anche per i meno esperti con il suo “cappello” a soli dieci metri dalla superficie. Si discende lungo una cima dove effettueremo la sosta di sicurezza al ritorno; discendendo sulla sinistra è già visibile la secca ma continuiamo fino a trovare un primo pianoro, alla profondità di 18 metri. Qui è possibile scegliere vari percorsi; se si prosegue verso sinistra è possibile ammirare la Gerardia savaglia (corallo nero) e una distesa “infinita” di praterie di gorgonie rosse, oppure è possibile inoltrarsi in una grotta intorno ai 36 metri dove, a pochi metri dall’ingresso, è solito trovare una bellissima Musdea che non disdegna i subacquei e si lascia ammirare.

paguro-santa-croce

paguro – foto di Immacolata Moccia

All’interno di questa grotta i giochi di luce, che filtrano dalle fenditure, ti fanno ammirare la bellezza di un mare blu profondo; ventagli di gorgonie rosse lasciano incantati con i loro polipi aperti e indicano l’uscita che da lì è breve. Ci si ritrova in mare aperto dove sono visibili massi di rocce e la parete della grande secca che alla tua destra ti attende per continuare a mostrarti la ricchissima fauna marina costituita da tante creature: spugne di ogni genere con platelminte e tanti briozoi sui quali sono immancabili piccoli nudibranchi.

murena-santa-croce

Murena helena – foto di Immacolata Moccia

Si continua a guardare nei tanti anfratti presenti e si incontrano le antenne inconfondibili di una bellissima aragosta; entrambe sprechiamo i primi minuti solo per guardarci; eh si, vedere un essere marino davanti ai miei occhi che interagisce con me mi incute sempre tanta emozione. Certa di regalare a me stessa questo ricordo non posso fare a meno di scattargli una foto. Rapita gli parlo con la mente, lei mi guarda e mi illudo che mi senta e capisca ma in fondo in fondo forse è cosi; d’altronde osservando queste creature tra gesti e comportamento riusciamo a comunicare, quindi perché non può essere il contrario? Gli sorrido, la mia felicità in quel momento è alle stelle; ormai gesticolo e con la mano la saluto; è soltanto un arrivederci so dov’è la sua tana e ci rivedremo presto alla prossima immersione.

parazoanthus-santa-croce

Parazoanthus – foto di Immacolata Moccia

Dove la secca tocca i 33-35 metri “tira aria” di gattucci. Guardo nelle strette fenditure della roccia ed eccone uno. Non e’ raro incontrarne più di uno perché  i gattucci spesso riposano vicini quindi se ne possono osservare anche due in un colpo solo. Risalendo tra i 10 e i 15 metri si scorge una parete che mi toglie sempre il fiato: un tappeto di Parazoanthus, le inconfondibili margherite che con il loro colore giallo–arancio danno un aspetto di fioritura subacquea. Con questa visione idilliaca vi lascio al prossimo racconto delle altre secche presenti su questo sito.

Immacolata Moccia

photo credit Immacolata Moccia

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 1.400 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
19 visitatori online
19 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 56 alle 03:12 pm
Mese in corso: 65 alle 05-07--2024 10:16 am
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x