If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Tsunami, la furia della natura

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare 
.

ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Oceanografia, tsunami
.

Giappone nordorientale, 11 marzo 2011, ore 14:46. Il cielo è una lastra color grigio, della stessa consistenza del piombo fuso; ha quasi un aspetto funereo quel giorno.

Maremoto di Sendai e del Tōhoku, marzo 2011.

Maremoto di Sendai e del Tōhoku, marzo 2011.

Lo tsunami è in arrivo … Improvvisamente, in mare, il fondale sussulta; un blocco di crosta terrestre lungo 430 chilometri si sposta verso est, con traslazioni orizzontali che in alcuni punti raggiungono i 24 metri. Dopo cinque minuti dal termine del terremoto, Miki Endo, un’impiegata comunale di Sendai, preme un bottoncino rosso e accende il microfono; sembra un film di 007, ma non è finzione, è realtà.

tsunami-2011

Maremoto di Sendai e del Tōhoku, marzo 2011.

Gli altoparlanti della città lanciarono l’allarme tsunami, e migliaia di persone salirono sui tetti, ma non basta: la gigantesca onda di maremoto, lo tsunami, investì la città con i suoi quindici metri di altezza. L’onda nera carica di detriti, sabbia e fango travolse la costa e tutto quello che trovò sul suo percorso. Il conto di “mastro beccaio” raggiunse i ventimila morti, senza contare i cinquecento chilometri di costa devastata.

Il Giappone è il paese più preparato per affrontare terremoti e tsunami, come quello occorso l’11 marzo, di magnitudo 9 avvenuto a 130 chilometri dalla costa giapponese; in parole povere lo stesso sisma avrebbe causato molta più distruzione se fosse avvenuto in un’altra zona del mondo. Casi di tsunami se ne sono registrati tanti, basti ricordare quello indonesiano del 2004, dove perirono 230.000 persone.

Da geologo ricevo più o meno sempre la stessa domanda: sono prevedibili i terremoti? La risposta è NO! Non lo sono. Diffidate di tutti gli pseudo-geologi, e/o gli pseduo-tecnici, che affermano il contrario.

tsunami thailandiqa

La maggior parte dei sismologi afferma che ogni anno avviene uno tsunami di importanza rilevante, molti scienziati ritengono che maremoti storici, come quello avvenuto in Grecia 3.500 anni fa, abbia addirittura cambiato il corso della storia dell’uomo. Lo storico greco Tucidide, nel 430 a.C., fu il primo a intuire una connessione tra terremoti e onde di tsunami. Il terribile tsunami di Lisbona, avvenuto nel 1755, pare abbia addirittura modificato l’ottimismo  del pensiero occidentale dell’epoca. 

Il video mostra un’animazione del terribile terremoto di Lisbona del 1755 a cui seguì un violento tsunami. La realtà non è proprio così: anche le frane sottomarine e quelle costiere possono provocare onde anomale di proporzioni enormi. Un esempio in Italia avvenne alle falde  dello Stromboli, nel 2002, quando una porzione di cratere franò direttamente in mare, provocando un’onda alta circa 10 metri, cui ne seguirono altre più basse. Per molti aspetti anche la frana del Vajont ha causato un’onda anomala da impatto frana (anzi tre onde) che devastarono la valle; l’onda che superò l’invaso era alta 150 metri, perse man mano altezza nel percorso, ma non potenza distruttiva.

Come nasce uno tsunami? 
Innanzitutto, la parola Tsunami deriva dal giapponese e significa “onda di porto”, o “grande onda”. Gli tsunami non hanno nulla a che vedere con le onde di marea, né con il comune moto ondoso, neppure quello derivato da uragani tropicali e da grandi tempeste polari (con onde enormi). Le onde di tsunami, o di maremoto, sono provocate da movimenti di masse rocciose che compongono la crosta terrestre, naturalmente sommersa dalle acque, in determinate zone del globo. Queste zone sono dette di subduzione, dove cioè una porzione di crosta terrestre subduce rispetto all’altra; immaginate di spingere due materassi, uno contro l’altro, uno s’infilerà sotto l’altro, che salirà. Lungo queste zone di subduzione si formano enormi faglie, che sono punti cruciali dove si accumula energia.

tsunami_schema-768x487

Quattro modelli di formazione di tsunami

Un terremoto, che sia sottomarino o terrestre, è sostanzialmente un rilascio improvviso di energia accumulata; immaginate di prendere un bastone di legno con le mani e di piegarlo con il ginocchio, il legno si piegherà sino a un certo punto (accumulo di energia) per poi spezzarsi con un sonoro crack: quello sarà il terremoto. Quando però avviene in mare, l’intera colonna d’acqua sovrastante il fondo, risentirà della sollecitazione di energia proveniente dal basso, come se si colpisse un secchio d’acqua sul fondo, sicuramente vedreste una serie di cerchi concentrici sempre più ampi. È stato notato che spesso, ma non sempre, il mare lungo la costa si ritira, lasciando esposti centinaia di chilometri di costa prima dell’arrivo dell’onda anomala.

Dopo la prima onda possono susseguirsi anche altre onde gigantesche, che flagellano la costa per ore. L’onda di tsunami in mare aperto è innocua, essendo alta anche pochi centimetri, a volte; tuttavia viaggia a velocità incredibile, dell’ordine di 500 chilometri orari, talvolta anche 1000, con lunghezze d’onda di centinaia di chilometri (tra una cresta e l’altra), con un periodo di anche dieci minuti tra un’onda e l’altra. Lo tsunami diventa però pericoloso in prossimità della costa, dove il fondale si rialza. Inoltre queste onde anomale possono viaggiare per migliaia di chilometri e attraversare interi oceani.

tsunami_la-furia-della-natura_2004_1-768x379

Ricostruzione dell’altezza dell’onda anomala del 2004 durante la propagazione nell’oceano Indiano e in parte dell’Atlantico meridionale.

Lo tsunami dell’11 marzo 2011 colpì, specularmente, anche la costa della California, con danni assenti naturalmente, tuttavia un uomo fu travolto dall’onda ed affogò. Lo tsunami indonesiano del 26 dicembre 2004, provocò vittime un po’ ovunque nell’oceano Indiano: uccise 60.000 persone in India, nello Sri Lanka, e colpì mortalmente molti paesi dell’Africa orientale. Dopo questa catastrofe senza precedenti (documentata almeno) diversi stati hanno avviato una collaborazione per installare un sistema di rilevazione degli tsunami; tali sistemi funzionano con la misura delle variazioni di pressione provocate dal passaggio dell’onda anomala in oceano vicino alla boa di rilevamento. Prima del 2004 non c’era nemmeno una boa di questo tipo in tutto l’oceano Indiano; ma solo sei nel Pacifico. Attualmente, negli oceani del mondo, vi sono una sessantina di boe.

Tuttavia non è detto che il sistema delle boe sia infallibile; durante il famigerato terremoto giapponese dell’11 marzo 2011, le boe, durante il sisma, segnalarono una magnitudo di 7.4 Richter. Le analisi successive calcolarono una magnitudo di 9.

tsunami_allert_system-768x655

Una delle sessanta boe posizionate negli oceani per il rilevamento degli tsunami. Questa appartiene alla rete di allarme dell’Australia.

Ciò significa che con una magnitudo di 7.4 i giapponesi allertati attendevano un’onda anomala di altezza pari a circa tre metri (al di sotto del frangiflutti anti-tsunami alto cinque metri); con una magnitudo 9, invece, lo tsunami raggiunse un’altezza di 15.5 metri. Questo errore di calcolo strumentale costò la vita a migliaia di persone, che con una corretta informazione sarebbero potute scappare ancora più lontano, verso le alture dell’entroterra.

Strano a dirsi, ma la maggior parte dei geologi giapponesi non considerava la regione di Sendai particolarmente a rischio, da un punto di vista sismico s’intende; agli inizi del duemila, tuttavia, un gruppo di geologi nipponici aveva effettuato uno studio (pubblicato nel 2001) su alcuni depositi sabbiosi e argillosi dove si distinguevano chiaramente delle tsunamiti (depositi sedimentari da tsunami), appartenenti a maremoti molto potenti occorsi nella regione di Sendai con cadenza pari a circa 900 anni in un arco temporale di 4.000 anni all’incirca. Per ironia della sorte lo studio terminava con un monito degli autori sulla zona e sulla pericolosità che correva.

tsunamite

Depositi sedimentari dove è possibile distinguere un livello di tsunamite, appartenente a un grande terremoto del passato.

Altri studi del genere sono stati portati avanti lungo le coste occidentali degli Stati Uniti d’America, nelle Filippine, nelle Sonda e in Indonesia. I risultati sono allarmanti: con un range temporale che varia tra i 200 e i 700 anni di cadenza, queste zone, affermano i paleosismologi, sono state  sistematicamente colpite da grandi onde di maremoto. Purtroppo non si può affermare, per una data zona, se tale tsunami avverrà fra trenta secondi o trentanni. Che si può fare? Niente! Siamo sette miliardi sulla Terra e abbiamo volutamente insediato le zone costiere di tutto il mondo, creando una situazione senza uscita per miliardi di persone. Ne stiamo pagando già le conseguenze.

Aaronne Colagrossi

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 500 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »