If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I giganti del monte delle palme

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: SARDEGNA
parole chiave: Nuraghi

 

Sisinnio Poddi e Battista Meli sono due agricoltori di Cabras, un centro dedito alla pesca e all’agricoltura ai margini della laguna che si affaccia nel golfo di Oristano, nella Sardegna centro occidentale. Mont’ e Prama è un piccolo rilievo nel Sinis a nord ovest della cittadina lagunare, in un’area che si affaccia verso est alla stessa laguna, chiamata stagno di Cabras, e a ovest verso un crinale più alto che a sua volta si butta nel mare di Sardegna. Mont’ e Prama nella lingua sarda significa monte delle palme e deve probabilmente il suo nome alla diffusa presenza della palma nana, una specie endemica, tipica della macchia mediterranea, molto frequente in questo territorio. Nel 1974, Sisinnio e Battista stavano arando a Mont’e Prama quando, sotto il vomere dell’aratro, scorsero un frammento di pietra che appariva scolpito.

11340_10200691119345027_223763118_n

Iniziò così la storia di questi giganti di pietra, i Giganti di Mont’ e Prama. Nelle successive campagne di scavo si recuperarono oltre cinque mila pezzi appartenuti a statue alte circa due metri che, distrutte in antichità, insistevano su una necropoli monumentale che costituisce un unicum, allo stato attuale delle conoscenze archeologiche della cultura nuragica. All’epoca la stampa diede grande risalto alla scoperta. La Nuova Sardegna del 31 marzo 1974 la descriveva come un “eccezionale ritrovamento archeologico della penisola del Sinis.

La Cultura Nuragica è di fatto sconosciuta nelle sue articolazioni più profonde. Prende il nome dalle tipiche costruzioni in pietra che in un numero imprecisato (dalle 7 mila alle 9 mila unità) definiscono le alture e le piane, i declivi e i rilievi della Sardegna. Strutture semplici come i monotorre o complesse come i nuraghi polilobati affascinano il visitatore e inducono infinite domande a cui gli studiosi e le guide turistiche non possono che rispondere con ipotesi. Gli scavi archeologici importanti, il principale di questi a Barumini, non sono stati eseguiti con quel rigore scientifico che avrebbe potuto restituire maggiori informazioni e più attendibili verità. Più che il clamore della scoperta, furono le ripetute razzie dei tombaroli che sostennero la necessità di porre un freno alla dispersione e alla manomissione del luogo. 

Ricostruzione strada Monte Prama

Già 40 anni fa era evidente come la necropoli fosse sicuramente molto più estesa e articolata. In quei dieci giorni di indagini si recuperarono, oltre ai frammenti di statue e di modelli di nuraghe, anche alcuni (sebbene scarsi per la verità) frammenti di ceramica che il successivo studio di Giovanni Ugas collegò al periodo della prima età del ferro (IX-VIII sec. a.C.). Dopo questo primo e limitato intervento, per un paio d’anni ci si dimenticò della collina dei giganti fino a quando il recupero, da parte dell’ispettore onorario Peppetto Pau di Cabras, di una un’altra porzione di frammenti ed in particolare di un busto, sollecitò l’allora Soprintendente Ferruccio Barreca ed il Prof. Giovanni Lilliu dell’Università Cagliaritana ad occuparsi di queste evidenze archeologiche. Dopo un impegno congiunto della Soprintendenza e dell’Università fu affidata la direzione dei lavori al dott. Carlo Tronchetti e alla Prof.ssa Maria Luisa Ferrarese Ceruti. L’incarico si svolse ancora come intervento di urgenza durante tre uggiose settimane di dicembre. In quello scorcio del 1977 i lavori misero in luce una serie di lastre quadrate e allineate (successivamente si interpretarono come copertura dei sepolcri).

testaMontePramaNel successivo 1979 i finanziamenti concessi consentirono di lavorare al sito per poco meno di tre mesi dal luglio all’ottobre. La direzione del cantiere fu nuovamente affidata a Carlo Tronchetti che progettò l’opera di scavo soprattutto per tutelare il sito, conscio che il portare alla luce tutta l’area interessata dalla presenza delle statue e delle sepolture avrebbe esposto l’importante rinvenimento alla predazione dei tombaroli, molto frequenti e accaniti in quegli anni. Lo scavo fu affrontato quindi per piccole porzioni mettendo in luce, poco alla volta, i resti di quella che Tronchetti interpretò come uno spianamento funzionale a creare una strada selciata di terriccio giallastro frammisto a ghiaietto sottile, parallela ad un area, già da tempo adibita a necropoli con tombe semplici a pozzetto verticale conico dove gli inumati furono trovati rannicchiati, in posizione accucciata. Coeva alla costruzione della strada, egli ritenne di individuare l’opera di monumentalizzazione della necropoli attraverso l’esecuzione di un taglio della parte rocciosa, presente nella depressione, eseguito in antico per far posto così ad una nuova linea di sepolture di circa trenta unità, più profonde delle precedenti e coperte da quei lastroni quadrati di arenaria. Tronchetti ipotizzò quindi una prima fase di necropoli del sito e una successiva fase in cui la stessa necropoli veniva monumentalizzata posando, sopra le lastre a copertura delle singole sepolture, le statue dei giganti ricavate da una pietra locale (si scoprirà successivamente la cava da cui proveniva il materiale lapideo nelle vicinanze di Mont’e Prama).

Le statue, tutte distrutte in una fase antica, raffigurano diverse tipologie di eroi (arcieri, pugilatori, guerrieri) ed erano accompagnate da modellini di nuraghe semplici e complessi. 
Oltre ai frammenti di statue e dei modelli di nuraghe erano presenti anche diversi Betili, scolpiti da una pietra diversa di quella delle statue. Tronchetti ipotizzò che provenissero da una tomba di Giganti (la classica necropoli di epoca nuragica fino ad allora conosciuta come caratterizzante di questa Cultura). Un frammento di anfora punica rinvenuto sotto un torso di una statua definiva cronologicamente la devastazione dell’area sacra in un epoca vicina al IV secolo a.C.
monti Prama

Certamente passare dal ritrovamento di ben 5.178 frammenti al loro restauro ed alla successiva ricostruzione delle statue non è stato un gioco da ragazzi,  anche in considerazione del fatto che il materiale con cui furono scolpite è una calcarenite molto friabile che l’usura del tempo, i colpi accidentali dell’aratro, le razzie dei tombaroli e mille altri fattori hanno seriamente messo a dura prova. Purtroppo, come spesso capita nel nostro Bel Paese, i fondi necessari per affrontare l’enorme sforzo richiesto tardavano ad arrivare e per lunghi anni delle statue di Mont’e Prama non se ne parlò più, almeno nei canali di comunicazione più “frequentati” dall’opinione pubblica. Il mondo scientifico invero, non trascurò mai l’importanza di questi rinvenimenti ma la cronica e lacunosa politica sulla valorizzazione dei Beni Culturali, fatta da interventi urgenti, nessuna o scarsa programmazione, e pubblicazioni scientifiche preliminari che poi di solito, sono seguite dal nulla, condusse questa vicenda all’oblio dei più.

zigantos

Nel 2007, ovvero quarantadue anni dopo l’intervento di Bedini, l’archeologo Roberto Nardi, diplomato in restauro di materiali e strutture archeologiche presso ISCR, Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (nonché  direttore del Centro di Conservazione Archeologica di Roma – C.C.A., una società che si occupa di restauri da oltre 30 anni), iniziò ad occuparsi dei frammenti custoditi al Centro di Restauro Li Punti della Soprintendenza di Sassari. Con la direzione scientifica di Antonietta Boninu della Soprintendenza di Sassari e Nuoro le statue incominciarono a prendere forma. Dai piani in legno su cui poggiavano le migliaia di frammenti si incominciò a ricostruire le forme di 38 statue: tredici modelli di nuraghe (tra monotorre e polilobati), sedici pugili, quattro guerrieri, cinque arcieri. Durante tutto l’intervento del C.C.A. dal 2007 al 2011 il laboratorio di Li Punti a Sassari si rese disponibile alle visite guidate aperte al pubblico, riportando di nuovo alla ribalta l’importanza di questo ritrovamento archeologico e il valore storico custodito da queste statue. Al termine del restauro una magnifica mostra, allestita nello stesso centro di restauro, raccontò alla gente dell’esistenza dei Giganti, con i loro occhi concentrici, la loro possanza, l’imponenza delle forme, del messaggio che molti secoli prima di Cristo queste statue avevano trasmesso a tutti coloro che fossero transitati al cospetto di quel Heroon.

Ma come spesso accade in archeologia, all’aumentare delle fonti di cui possiamo disporre e da cui ricaviamo informazioni, corrisponde l’incremento esponenziale delle domande che si affacciano e diventano pressanti durante lo studio di queste fonti, di questi simboli. Statue di queste fattezze, nel momento del passaggio fra il secondo e il primo millennio a. C. in questo Mediterraneo occidentale, dimostrano una potenza culturale e una organizzazione sociale fuori dal comune e degna di approfondimenti che paiono non più rinviabili. Siamo di fronte ad un unicum archeologico che tende a ridisegnare i rapporti fra le popolazioni autoctone e i navigatori levantini.

gigantemonteprama

All’indomani della mostra l’opinione tutti volevano conoscere cosa rappresentano i Giganti di Mont’e Prama, da quale società furono concepiti e realizzati e a chi si rivolgeva il loro messaggio. Solo altri scavi, altre indagini e studi avrebbero potuto dare risposte a queste domande. La ricerca continua,
 

Ivan Lucherini

 

    

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 694 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »