Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Verso l’installazione e l’impiego operativo di armi ad energia da parte della UK Royal Navy

tempo di lettura: 3 minuti


livello elementare
.
ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: ARMI A ENERGIA DIRETTA
parole chiave: Royal Navy, US Navy, DragonFire

 

Lo sviluppo di sistemi autonomi offensivi di basso costo, operanti in sciami contro bersagli navali e terrestri, ha sotto un certo aspetto accelerato alcuni programmi di impiego di armi ad energia diretta. Ne avevamo parlato in un articolo qualche mese fa, di fatto anticipandone un possibile impiego come sistemi di difesa contro droni e missili. L’ingegner Poddighe fornisce un interessante aggiornamento che sembra segnalare, dopo i test favorevoli avvenuti nel nord della Scozia, la volontà della marina britannica ad installare rapidamente questi sistemi sulle loro navi. Buona lettura.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è UK-Dragonfire_laser_system_test_firing.png

Dopo una letterale ed inusuale levata di scudi da parte dei comandi impegnati in Mar Rosso e golfo Persico, ed in particolare nell’operazione PROSPERITY GUARDIAN (con pari tensioni nella US Navy) la Royal Navy ha diffuso nei giorni scorsi un comunicato relativo alla decisione di dotare di armi ad energia le proprie unità, secondo un programma che prevede una prima installazione entro tre anni.

Certamente un risultato non proprio tempestivo, e nessuno ha parlato di gap filler. Armi ad energia che comunque richiedono una certa disponibilità e ridondanza di generazione elettrica a bordo (uno dei talloni di Achille delle recenti unità della RN). Si tratterebbe, in pratica, di una prima risposta (operativa) mirata a contrastare le minacce di droni e missili lanciati dagli Houthi (ma non solo) con sistemi alternativi a missili e cannoni. In pratica, il sistema prescelto, DragonFire, dovrebbe essere operativo a bordo nel 2027, retrofit e nuove costruzioni, integrato agli esistenti sistemi di difesa aerea della Royal Navy, fondamentalmente i sistemi missilistici Sea Viper e Sea Ceptor.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dragon-fire-2.jpg

DragonFire utilizza una tecnologia di combinazione dei raggi innovativa per fornire un raggio laser con maggiore densità di potenza, tempi di disattivazione ridotti e maggiore portata effettiva. Ciò è ottenuto, in parte, attraverso l’uso di decine di fibre di vetro. Il laser e i sistemi di puntamento associati, tra cui una telecamera elettro-ottica e un secondo laser a bassa potenza per l’imaging e il tracciamento, sono montati su una torretta. Secondo quanto riferito, il laser è della classe da 50 kW ed è progettato per difendere obiettivi terrestri e marittimi da minacce come droni, missili e colpi di mortaio. Le sue richieste energetiche potrebbero essere soddisfatte da un Flywheel Energy Storage System (FESS), un’innovazione congiunta tra Regno Unito e Stati Uniti attualmente in fase di sviluppo. – da Wikipedia 

Non solo una nuova risposta operativa, ma una soluzione economica all’attuale “salasso” di impiego di armi ad altissima tecnologia ed estremamente costose contro bersagli spendibili ed a basso costo: è stato calcolato che ciascun “colpo” laser di questo sistema costi tra 10 e 15 Euro e, non essendo basato su probabilità, dispersione del tiro e necessità di multipli ingaggi e tiri, può essere estremamente efficace, concentrando istantaneamente (alla velocità della luce) la difesa su un bersaglio in avvicinamento con un’altissima precisione di intercetto. Non si tratta di una novità assoluta, ma del risultato di almeno un decennio di studi e prove, culminate nei mesi scorsi con test nel poligono delle isole Ebridi (Scozia).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dragon-fire-3.jpg

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dragon-fire-4.jpg

La messa a punto del sistema d’arma e la sua fornitura, vede il coinvolgimento anche dell’industria italiana in quanto questo programma, gestito dal Defence Science and Technology Laboratory (DSTL), una agenzia esecutiva del Ministero della Difesa britannico creata con lo scopo di “to maximise the impact of science and technology for the defence and security of the UK“, annovera come partner industriali MBDA, Leonardo oltre a QinetiQ.

Giancarlo Poddighe

immagini Royal Navy © Crown copyright

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.
.

.

Loading

(Visited 142 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
6 visitatori online
6 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:17 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x