Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

La nuova strategia marittima russa – parte I

tempo di lettura: 6 minuti

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: RUSSIA
parole chiave: Flotta russa, strategia
.

A differenza dall’approccio statunitense, dove la U.S. Navy ha sempre definito il proprio ruolo e strategia, la Marina sovietica e russa sono state considerate per lunghi anni come subordinate alla strategia militare generale del paese, dominata dalle forze terrestri. In tale ottica, solo la componente subacquea aveva un ruolo strategico, anche se inquadrato in un’ottica squisitamente continentale. Da qualche anno, invece, la componente navale russa sembra aver assunto una veste diversa, meno condizionata dalle componenti di terra. Una trasformazione concettuale che è ben evidente nell’ultima versione della strategia marittima russa, che in 55 pagine sostituisce il documento del 2015.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è RUSSIA-Putin_and_Korolyov.jpg

In tale nuova visione, presentata a luglio 2022 (con la guerra russo ucraina in corso), viene evidenziato come “… la moderna Federazione Russa non può esistere senza una forte flotta…” e vengono delineati gli obiettivi per rendere la Russia una potenza marittima a livello globale, tenendo conto dei significativi cambiamenti geopolitici intervenuti negli ultimi anni, sia in ambito regionale che internazionale. In merito, per effetto della percezione russa circa i pericoli cui dovrebbe far fronte (leggi articolo “La percezione russa delle minacce alla propria esistenza”) ma anche a causa del progressivo grave deterioramento dei rapporti di Mosca con i paesi occidentali, viene prefigurato un mondo con una significativa crescita del livello di conflittualità e indica nel mare lo scacchiere dove verrà giocata la partita per la definizione dei prossimi equilibri mondiali. La base ideologica del nuovo documento è rappresentata dalla convinzione che la Russia sia circondata da nemici che cercano di violarne la sovranità, con la pressione militare o con la diffusione di idee estremiste. Vengono, infatti, menzionate un’ampia gamma di percepite minacce alla sicurezza nazionale, incluse le attività online, “l’occidentalizzazione della cultura”, l’imposizione di valori morali stranieri, sottolineandone l’impatto ritenuto distruttivo sulla società russa.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-RUSSA-Russian_naval_vessels_825_and_855_under_way_in_the_Baltic_Sea.jpg

Presentando il documento a San Pietroburgo, davanti ai vertici della Voenno-Morskoj Flot (VMF), Putin ha rievocato lo zar Pietro il Grande, fondatore della città, e ha spiegato che vuole riportare la Russia a essere una potenza influente sui mari. Va, comunque, sottolineato che il deterioramento dei rapporti internazionali con Mosca è dovuto da una parte al desiderio russo di recuperare un peso geopolitico globale, mentre dall’altra c’è la diffidenza generata dalla spregiudicatezza e dal cinismo con i quali Putin agisce con l’intento di riconquistare l’influenza perduta dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, evento vissuto dalla leadership russa come una grave sconfitta. Spregiudicatezza e cinismo che oggi molti paesi percepiscono come una grave minaccia alla loro integrità e libertà. È per tale motivo che appare opportuno approfondire quello che dovrebbe essere l’approccio marittimo russo, un paese che ha un enorme arsenale nucleare e ha ancora una temibile flotta subacquea strategica.

Principali aree marittime e attività di interesse di Mosca

Il documento accresce in maniera significativa l’elenco degli interessi nazionali russi nel dominio marittimo, passando da otto a quattordici punti e suddividendo gli oceani in zone vitali, importanti e altre. In tale ambito, la principale novità è rappresentata dalla classificazione come vitale dell’area artica, diventata una regione di competizione globale non solo economica ma anche militare. In merito, viene enfatizzata l’importanza del “passaggio a Nord-Est”, una rotta in futuro utilizzabile prevedibilmente tutto l’anno. Lunga circa diecimila chilometri, dal Mar di Barents porterà allo Stretto di Bering, sviluppandosi quasi interamente lungo la costa settentrionale della Federazione Russa e rappresentando la via principale di trasporto delle merci dal Pacifico verso la Russia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è artico-russia-militarizzazione-1024x906.pngSi tratterebbe di una rotta notevolmente più breve di quella passante attraverso lo Stretto di Malacca, l’Oceano Indiano, Suez e il Mediterraneo ma che, al momento, rappresenta solo un concetto geografico che la Russia declina in termini di Northern Sea Route (NSR), via di comunicazione dai russi ritenuta “interna”, la cui valenza per l’economia mondiale è ancora in fase di valutazione. La visione russa è sostanzialmente quella del Grande Nord come proprio spazio vitale, nel cui ambito ogni transito sarebbe sottoposto a preventiva notifica. Quest’obbligo dovrebbe riguardare anche le navi da guerra e le navi in servizio governativo e ciò ha già fatto sollevare numerosi e motivati rilievi, in quanto tale obbligo non rispetta le prerogative di immunità sovrana di cui godono tali navi. La Russia esprime, quindi, una visione territorialistica dei propri mari adiacenti, volendo complessivamente esercitare piena giurisdizione su un’area molto più vasta della Zona Economica Esclusiva (ZEE). In merito all’area del Pacifico, il nuovo documento russo riconosce come priorità un avvicinamento economico e infrastrutturale all’Estremo Oriente, lo sviluppo di più articolati legami economici con l’estero e l’estensione del potenziale di trasporto e della logistica nazionale. Viene anche menzionata l’importanza di garantire la presenza navale della VMF nella regione Asia-Pacifico, compresa la formazione di centri logistici sul territorio di Stati stranieri, nonché lo sviluppo di infrastrutture per la costruzione navale nazionale in Estremo Oriente, anche per la realizzazione di moderne portaerei e droni navali. Per Mosca il Pacifico rappresenta, quindi, un’area di estremo interesse, in continua crescita. Nell’Oceano Indiano è stato notevolmente ampliato l’elenco dei paesi il cui sviluppo delle relazioni con la Russia è riconosciuto come una priorità della politica marittima nazionale nella regione. Oltre all’India, il cui status è stato aggiornato da “legami amichevoli” a “partenariato strategico”, l’elenco include Iran, Iraq e Arabia Saudita. Viene, inoltre, sottolineata la necessità di mantenere la presenza navale della Russia nel Golfo Persico.

In Antartico Mosca sottolinea la necessità di mantenere pari condizioni per la cooperazione internazionale e di impedire la militarizzazione della regione. Viene anche ricordato l’importante ruolo della presenza permanente e attiva della Russia come membro del sistema del Trattato sull’Antartide e la necessità di sviluppare stazioni e basi sul campo da parte della spedizione antartica russa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Russian-navy-ocean-shield-2019.jpg

Relativamente all’area atlantica, il documento enfatizza la contrapposizione con la NATO, percepita come una inaccettabile minaccia sempre più vicina ai confini della Federazione. Per quanto attiene alle acque di diretto interesse del nostro paese, Mosca elenca il Mar Mediterraneo come importante per la salvaguardia degli interessi marittimi nazionali, sia strategici che economici (la relativa sezione è stata ampliata rispetto alla versione del 2015), unitamente al Mar Nero, al Mar d’Azov e al Mar Baltico.
Per quanto riguarda il Mar Nero, la Russia prevede l’espansione della flotta la cui nave ammiraglia, l’incrociatore lanciamissili Moskva, prima unità della classe “Slava” (in russo “Gloria”), è stata affondata il 14 aprile 2022 da due missili lanciati dall’Ucraina. Per quanto attiene alle principali attività che permettano di essere più efficacemente presenti nelle aree di interesse strategico, particolare enfasi viene data alla crescita della cantieristica, che sarà oggetto di attenzioni speciali e sviluppata “…indipendentemente dalla situazione esterna…”, allo scopo di migliorare le capacità navali nazionali, con particolare riferimento a portaerei e droni navali. Viene, inoltre, citato anche l’impegno a creare un migliore sistema per la preparazione professionale e il supporto al personale del comparto marittimo. Una nuova sezione prevede, infine, lo svolgimento di attività di cooperazione marittima internazionale, con particolare enfasi per le attività dell’International Maritime Organization (IMO) e per lo svolgimento di attività di diplomazia navale, attraverso esercitazioni congiunte e soste regolari in porti stranieri.

Fine I parte – continua
Renato Scarfi

Pubblicato originariamente su La nuova strategia marittima russa – Difesa Online

PARTE I PARTE II PARTE III

Note

i Dal 2013 l’Italia è presente nel Consiglio Artico in qualità di osservatore.
ii Con un attacco di missili SCALP/Storm Shadow, per esempio, il 13 settembre 2023 le Forze ucraine hanno duramente colpito la nave d’assalto anfibia Minsk (classe “Ropucha”) e il sottomarino convenzionale Rostov-on-Don (classe “Kilo”) mentre erano in porto a Sebastopopli. Sia per effetto delle esplosioni che dei successivi incendi a bordo, si ritiene che le due unità siano da considerare non più operative.

Foto: Ministry of Defence of the Russian Federation – wikimedia commons

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.
,

Loading

(Visited 141 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
6 visitatori online
6 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 20 alle 12:08 am
Mese in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x