If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La rivolta delle città greche anatoliche contro i Persiani e la battaglia di Lade

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: V SECOLO a.C.
AREA: MAR EGEO – MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Persiani, Greci, Anatolia, Lade, Dionisio di Focea
.

Dopo la resa delle colonie greche in Anatolia, Aristagora tiranno di Mileto, convinse Artaferne (satrapo della Lidia e fratello di Dario I) ad allestire una flotta e un esercito per attaccare le Cicladi, che avrebbero fatto da ponte per la conquista della Grecia. Nel 499 a.C. Aristagora, lanciò una spedizione congiunta con il satrapo persiano Artaferne per conquistare Nasso, che si era ribellata al potere persiano. La missione fallì e Aristagora, non essendo in grado di rimborsare Artaferne, avvertendo la sua imminente destituzione dal ruolo di tiranno di Mileto, decise di incitare tutta le città della Ionia a ribellarsi contro il re persiano Dario I, il Grande. Aristagora si pose al comando di una improvvisata ribellione contro i Persiani, in pratica facendo un’autoproclamazione di indipendenza, fatta durante una riunione religiosa annuale, chiamata Koinòn, che si svolgeva nel santuario dedicato a Poseidone nella città di Priene. Curiosamente, nonostante l’iniziale accordo, in tale occasione non venne eletto nessuno stratega militare per organizzare le truppe, un grave errore che ebbe il suo peso nella campagna militare seguente.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dionisio.jpg

Nel 499 a.C. Aristagora, consapevole della debolezza e delle divisioni interne alle polis, chiese quindi aiuto alle città continentali della Grecia che nel 498 a.C. fornirono un contingente di 25 navi (20 navi da Atene, 5 da Eretria). Tra di esse Sparta, memore della sconfitta subita nel 526 a.C. nel tentativo di soverchiare il tiranno Policrate di Samo, non volle intervenire in una guerra che di fatto si sarebbe svolta oltre l’Egeo. Nel frattempo, la rivolta si estese alla Caria, alla Licia ed a Cipro.

Gli Ioni, che abitavano la regione costiera dell’Asia Minore sull’Egeo (comprendente anche alcune isole), insieme ai loro alleati greci, decisero di spingersi verso l’entroterra riuscendo a giungere, inaspettatamente, fino alla città persiana di Sardi, che venne conquistata e messa a ferro e fuoco. L’occupazione di Sardi risvegliò altre città che si unirono alla rivolta, tra esse anche quelle poste nell’isola di Cipro, che sarebbe stata in seguito teatro di notavoli scontri. I Persiani iniziarono subito i preparativi per vendicarsi di questo affronto e, dopo aver radunato un’armata in Cilicia, si imbarcarono dirigendosi verso l’isola di Cipro, considerata un isola strategica per il controllo del Mediterraneo orientale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Darius-Vase.jpg

Dario, re dei Persiani, illustrato sul famoso vaso di Canosa

O
Onesilo
, re usurpatore di Salamina, era a capo della ribellione dell’isola e, saputo dei preparativi persiani, richiese l’aiuto dei Greci asiatici. La battaglia navale, avvenuta nel 497 a.C., fu vinta dai Greci, ma l’esercito persiano, ormai sbarcato, ebbe ragione dei rivoltosi e Cipro tornò sotto il controllo dei Persiani. Di fatto, nonostante la vittoria terrestre, i Persiani persero la componente più importante della loro flotta, cioè quella fenicia, cosa che comportò ben tre anni per poterla ricostituire. Nel frattempo, sul fronte terrestre, le cose continuarono a peggiorare per i Greci: persero la Troade e l’Ellesponto, e Mileto rischiò l’assedio.

L’esercito persiano, invece di assediare subito Mileto, preferì attaccare l’esercito dei ribelli a Caria. Un’azione errata che fu sfavorevole ai Persiani, lasciando Artaferne senza soldati e con una flotta da ricostruire. La sua fortuna fu la disorganizzazione e la non lungimiranza dei Greci militare che non approfittarono dell’occasione dando ai Persiani un periodo di non belligeranza durante il quale poterono riorganizzarsi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Ionian_Revolt_Campaign_Map-it.svg-776x1024.png

Arriviamo ora alla battaglia navale di Lade
Nel 494 a.C., i Persiani decisero di sferrare l’attacco decisivo alla potente città ribelle di Mileto. Partiti dalla Cilicia con una flotta imponente, composta da oltre 400 navi, attaccarono Rodi che resistette eroicamente fino alla sua resa nella speranza vana di ricevere rinforzi. Poco dopo gli Achemenidi concentrarono la loro flotta al largo della città, presso l’isoletta di Lade.

Gli Ioni, dopo aver deciso di non organizzare una difesa terrestre, secondo Erodoto, organizzarono una nuova flotta di 353 triremi posta sotto il comando di Dionisio di Focea. Di lui non si sa molto. Fu un valente combattente in mare originario di Focea con una visione marittima superiore alla maggior parte degli altri possibili leader. Dionisio di Focea osservò che il morale dei suoi uomini era basso e gli equipaggi mancavano di disciplina e di sufficiente addestramento. Di fatto Dionisio si rese conto che gli equipaggi erano impreparati per l’imminente battaglia, e convocò un’assemblea generale.

Secondo Erodoto, Dionisio si rivolse agli equipaggi dicendo: “ La nostra situazione è certo posta sul filo di un rasoio, o Ioni, o esser liberi o esser schiavi, e per di più schiavi fuggitivi: ordunque, se voi siete disposti a sopportare disagi, per il momento avrete fatiche ma, una volta superati gli avversari, riuscirete a essere liberi. Se invece vi comporterete con mollezza e indisciplina, io non ho alcuna speranza che possiate evitare di essere puniti dal Gran Re per la rivolta … “. Dove il titolo “Gran Re” si riferiva a Dario I, a capo della dinastia degli Achemenidi, sovrano persiano che godeva di poteri assoluti sia in campo politico che spirituale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1024px-Ionian_revolt_Battle_of_Lade.jpg

Dionisio iniziò quindi ad imporre diverse ore di esercizi marziali al giorno, cosa che non piacque molto agli Ioni (forse più inclini all’ozio che alla guerra), iniziando a pianificare l’ordine e le tattiche di battaglia della flotta. In particolare, si adoperò ad istruire i rematori ed i soldati nel combattimento navale.

Dopo una settimana, il dissenso cominciò però a manifestarsi tra i ranghi dei soldati di Samo, in particolare perché non contenti del fatto che Dionisio, che era arrivato con solo tre navi, esercitasse una così forte influenza sul resto della flotta. Questa mancanza di consenso comportò che, all’iniziò la battaglia, molte delle navi ioniche si rifiutarono di impegnarsi contro i Persiani ed alla fine quasi 120 delle 350 navi da guerra greche abbandonarono la battaglia, lasciando annientare le rimanenti navi greche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è diekplous.jpg

La tattica del diekplous prevedeva un attacco in colonna della linea centrale nemica: la capofila, giunta a contatto di una nave avversaria, virava in maniera brusca e, passando di fianco allo scafo avversario, ne tranciava i remi, immobilizzandola. La nave, ormai immobile, veniva speronata dalla trireme seguente. 

In realtà, all’inizio della battaglia, la formazione di attacco ionica, che attaccava in linea di fila (usando la tattica del diekplous), si sfaldò perché gli equipaggi di alcune navi di Samo e Lesbo, tradirono dopo essersi accordati con il nemico. Questo comportò che 49 navi da guerra, provenienti da Samo, lasciarono lo schieramento con altre 70 imbarcazioni, provenienti dall’isola di Lesbo, provocando una reazione a catena che decimò il potenziale d’attacco.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Model_of_a_greek_trireme-1024x596.jpg

la battaglia di Lade fu combattuta da entrambe le parti da triremi

Nonostante ciò, Dionisio di Focea continuò a combattere i Persiani affondandone tre navi da guerra prima di essere costretto a ritirarsi durante le ultime ore della battaglia. La rimanente flotta greca fu annientata e quindi la città di Mileto venne assediata sia per mare che per terra. Poco tempo dopo la città cadde e fu costretta ad arrendersi, i Milesi furono resi schiavi e deportati in Mesopotamia ed il porto distrutto. L’anno seguente, 493 a.C., furono sottomesse anche le ultime città ioniche ribelli.

Dionisio ritornò a Focea e, come spesso accadeva in quei tempi lontani, diventò un pirata, attaccando diverse navi mercantili e sequestrando il loro carico. Quindi si diresse verso la Sicilia dove, nei suoi ultimi anni, continuò ad esercitare la pirateria contro i mercanti cartaginesi e di Tirso. Aristagora, ormai caduto in disgrazia, si rifugiò in Tracia dove tentò di fondare una nuova colonia, ma venne ucciso dai Traci.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 142 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

30 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »