Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

L’Antica Australia Nord-Occidentale e il suo mare interno

tempo di lettura: 5 minuti

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: AUSTRALIA
PERIODO: QUATERNARIO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: Australia, Pleistocene, Sahul, Occupazione umana, Dispersione umana, Archeologia australiana, Paesaggi sommersi, Piattaforma continentale, Cambiamento del livello del mare, Batimetria
.

Una recente ricerca ha gettato nuova luce sulla storia antica della regione nord-occidentale dell’Australia, rivelando un passato sorprendente che includeva un vasto mare interno. Questa area, per gran parte dei 65.000 anni di storia umana dell’Australia, collegava la regione del Kimberley e l’Arnhem Land occidentale, coprendo quasi 390.000 chilometri quadrati, un’area una volta e mezza più grande della Nuova Zelanda di oggi​​. La regione del Kimberley, situata nel nord-ovest dell’Australia, è conosciuta per i suoi paesaggi mozzafiato, caratterizzati da rupi rocciose, gole profonde, cascate e sistemi fluviali. È una delle aree più antiche e culturalmente ricche del paese, con un’eredità aborigena che risale a migliaia di anni. Arnhem Land, situata nella parte nord-orientale del Territorio del Nord, è un’area ricca di biodiversità e significato culturale per i popoli aborigeni, particolarmente nota per le sue tradizioni artistiche e per la conservazione delle pratiche culturali tradizionali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è australia.webp

Figura 1. Mappa di Sahul che mostra l’estensione della piattaforma continentale ora sommersa (grigio scuro), con l’area della piattaforma nord-occidentale delimitata da un riquadro nero tratteggiato, e l’attuale distribuzione dei gruppi climatici di Köppen (precipitazioni stagionali e temperatura) che mostra l’estensione delle odierne Australia e Nuova Guinea. La distribuzione tropicale dei siti del tardo Pleistocene contenenti la tecnologia delle asce primitive è mostrata come cerchi neri, i siti senza tecnologia delle asce primitive come cerchi grigi e i siti che dimostrano l’occupazione del tardo Pleistocene delle piattaforme continentali ora sommerse come cerchi bianchi. I numeri di sito indicano 1. Bobongara, 2. Kosipe, 3. Insenatura sabbiosa, 4. Madjedbebe, 5. Nauwalabila I, 6. Nawarla Gabarnmang, 7. Minjiwarra, 8. Widgingarri 1, 9. Gap del carpentiere 1, 10. Riwi, 11. Parnkupirti, 12. Grotta di Boodie, 13. Karnatukul, 14. Tana del Diavolo, 15. Warratyi, 16. Rifugio roccioso di Seton, 17. Lago Menindee, 18. Lago Mungo, 19. Grotta della baia della caverna, 20. Città di Pitt, 21. Insenatura di Wallen Wallen. I riquadri bianchi tratteggiati mostrano la posizione approssimativa di A, lo stile animale di riempimento irregolare di Kimberley (immagine gentilmente concessa da Damien Finch) e, B, lo stile “fauna naturalistica di grandi dimensioni di Arnhem Land” (immagine gentilmente concessa da Tristen Jones). La posizione approssimativa del confine della lingua non-Pama-Nguyen è indicata da una linea bianca. Immagini dell’ascia: 2. Immagine gentilmente concessa da Glen Summerhayes, 4. Immagine gentilmente concessa da Chris Clarkson, 6. Immagine gentilmente concessa da Bruno David, 8. Immagine gentilmente concessa da Ceri Shipton, 9. Immagine gentilmente concessa da Peter Hiscock – Fonte studio Sea level rise drowned a vast habitable area of north-western Australia driving long-term cultural change, di Kasih Norman, Corey J.A. Bradshaw, Frédérik Saltré, Chris Clarkson, Tim J. Cohen, Peter Hiscock, Tristen Jones, Fabian Boesl, da Quaternary Science Reviews

L’innalzamento del livello del mare, avvenuto circa 18.000 anni fa alla fine dell’ultima era glaciale, ha segnato un punto di svolta geografico e storico per il continente australiano e le regioni circostanti. La separazione del supercontinente di Sahul in Nuova Guinea, Australia e l’isolamento della Tasmania ha radicalmente trasformato il paesaggio. Le aree precedentemente esposte e abitate sono state sommerse, modificando gli habitat, le rotte migratorie e le opportunità di insediamento per i popoli indigeni. Questo evento ha avuto un impatto profondo sulle dinamiche ecologiche, sociali e culturali della regione. Tuttavia, la nuova ricerca ha scoperto nuovi dettagli su questo paesaggio sommerso. La regione conteneva arcipelaghi, laghi, fiumi e un grande mare interno. La proiezione dei livelli del mare passati su mappe ad alta risoluzione del fondale oceanico ha rivelato un vasto arcipelago di isole sulla Piattaforma Nord-Occidentale di Sahul, estendendosi per 500 km verso l’isola indonesiana di Timor, esistito tra 70.000 e 61.000 anni fa​​​​.

L’ultima Era glaciale ha avuto un ruolo cruciale nel modellare i movimenti umani dalla regione indonesiana verso l’Australia. Il drastico abbassamento del livello del mare, fino a 120 metri sotto l’attuale, ha esposto la Piattaforma Continentale, trasformando il paesaggio in un vasto ponte terrestre che univa le due aree. Questo cambiamento ha reso possibile per le popolazioni umane migrare in fasi successive, approfittando degli ecosistemi ricchi e variegati presenti lungo il percorso. La disponibilità di risorse alimentari, acqua dolce e rifugi ha giocato un ruolo fondamentale in questa migrazione, facilitando la diffusione umana in un continente completamente nuovo. Questo periodo rappresenta un capitolo significativo nella preistoria umana, dimostrando l’adattabilità delle comunità antiche di fronte a cambiamenti ambientali di vasta portata.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è AUSTRALIA-1-s2.0-S0277379123004663-gr4.jpg

Figura 4. Una piattaforma continentale del nord-ovest di Sahul con le caratteristiche del paesaggio discusse nel testo delimitato da caselle bianche tratteggiate. B Transetti del profilo altimetrico dell’imbocco della Valle di Malita, e della Gola di Van Diemen a est e della Gola di Van Diemen a ovest. C Paleocanali visibili nei dati batimetrici. D Dati batimetrici che mostrano la gola di Van Diemen ad est. E Immagini satellitari e transetto del profilo altimetrico di Deaf Adder Gorge nell’Arnhem Land occidentale. Dati batimetrici: modello di profondità ad alta risoluzione per l’Australia settentrionale −30 m (Beaman, 2018). Immagini satellitari: Immagine Landsat per gentile concessione degli Stati Uniti Servizio geologico – da studio citato

Il mosaico di ambienti abitabili nell’antica Australia comprendeva quindi una varietà di ecosistemi, tra cui il mare interno di Malita, che rappresentava una caratteristica geografica notevole per la sua estensione e per il suo ruolo nell’ecosistema locale. Quest’area era arricchita anche da un grande lago, situato a breve distanza dalla costa moderna del Kimberley. Al suo apice, il lago raggiungeva dimensioni paragonabili a metà di quelle del Lago Eyre, offrendo un habitat vitale per numerose specie e risorse idriche per le comunità umane antiche. L’esistenza di questo lago durante lo Stadio Isotopico Marino 2, per circa 16.000 anni, avrebbe potuto sostenere un vasto ecosistema d’acqua dolce, con importanti implicazioni per l’insediamento umano antico nella regione, focalizzando potenzialmente le attività di sussistenza umana attorno ai suoi margini. Questa diversità di ambienti sostenne un’ampia gamma di flora e fauna, oltre a facilitare la migrazione e l’insediamento umano in queste zone ricche di risorse.

Gabriele Campagnano

 

Pubblicato originariamente su L’Antica Australia Nord-Occidentale e il suo mare interno – Zhistorica (zweilawyer.com)

 

Riferimenti

Sea level rise drowned a vast habitable area of north-western Australia driving long-term cultural change – ScienceDirect

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

Loading

(Visited 69 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
2 visitatori online
2 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 20 alle 12:08 am
Mese in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x