If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La nuova generazione dei cacciamine della Marina Militare Italiana sarà sviluppata da Intermarine

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: CONTRO MISURE MINE
parole chiave: Cacciamine nuova generazione, Intermarine

 

Il 15 febbraio 2021, l’Intermarine, società del gruppo industriale IMS.MI, ha firmato un contratto per lo studio di “riduzione dei rischi e definizione del progetto per un cacciamine di nuova generazione” per la Marina Militare Italiana. Il contratto è relativo ai programmi di ammodernamento della flotta di contromisure mine della flotta della Marina Militare italiana, che aveva già costruito quattro unità classe Lerici e otto unità classe Gaeta dalla società.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è CNG-FUTURE-INTERMARINE.jpg

Una scelta che non sorprende vista la riuscita delle unità precedenti che hanno dimostrato in quasi 40 anni di impiego una versatilità operativa di notevole spessore. Non a caso i cacciamine Intermarine sono stati acquistati da molte marine straniere compresa la marina statunitense che li costruì negli Stati Uniti a Savannah ricalcando il progetto originale della classe Gaeta.  In particolare, la classe statunitense, Osprey Class, era composta da dodici MCMV, consegnati alla US Navy tra il 1991 e il 1998.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è osprey-class-1024x564.jpg

Osprey class

Otto navi di questa Classe furono costruite nei cantieri Intermarine situati negli USA (Savannah – Georgia), mentre le restanti quattro da un cantiere navale di seconda origine ai sensi di un accordo di licenza e trasferimento della tecnologia di Intermarine. Le unità classe Osprey furono messe in disarmo o vendute ad altre Marine nel 2014. Ebbi modo di visitare il cantiere a Savannah nel 1993 e parlai con gli ufficiali americani che si occupavano dello sviluppo del progetto, trovandoli sempre entusiasti delle caratteristiche del progetto che definirono un milestone, comprovato dalle performance dei cacciamine classe Lerici in golfo Persico. La ragione principale di questo successo fu l’implementazione di una tecnica costruttiva innovativa e robustissima alle esplosioni subacquee, che si dimostrò ideale per la costruzione degli scafi di quelle navi specialistiche utilizzate per cacciare le mine navali. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è gaeta.png

cacciamine Gaeta, classe Gaeta

Le unità di contro misure mine (CMM) costruite da Intermarine sono infatti realizzate utilizzando una tecnica di costruzione monocoque non irrigidita che utilizza una fibra di vetro sviluppata appositamente per questo tipo di progetto. Le sovrastrutture sono infatti realizzate in una configurazione sandwich costituita da due strati di fibra di vetro e fibra di carbonio che racchiudono un’anima in balsa, altamente resistente alle esplosioni. 

Una sfida continua contro armi subacquee senza tempo
A differenza delle operazioni di dragaggio, intese ad ingannare o attivare a distanza le mine, le tecniche di cacciamine possono essere sintetizzate nella ricerca, scoperta, classifica ed eventuale bonifica degli ordigni scoperti. Operazioni complesse, che richiedono un’altissima professionalità per poterle effettuare in sicurezza. Non a caso il personale imbarcato, oltre al bagaglio culturale in comune con le altre componenti delle forze navali, subisce un lungo ed intenso addestramento specifico. Non c’è margine di errore in quanto i cacciamine operano, in tempo di pace come in tempo di guerra, su ordigni che possono essere pericolosi per la comunità civile. Il loro contributo non è minimale … migliaia di ordigni sono scoperti e neutralizzati ogni anno con il concorso dei sommozzatori disattivatori mine (SDM) del COM.SUB.IN..

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è RECUPERO-PROIETTO-MARINA-MILITARE-ITALIANA-1.jpg

SDM durante il recupero di un proiettile di cannone della seconda guerra mondiale. Ogni anno oltre 8000 ordigni sono bonificati nei nostri mari … un impegno che garantisce la sicurezza delle attività umane in mare

Questi sommozzatori sono imbarcati sui cacciamine come dei veri e propri sistemi d’arma, per poter operare nel primo volume d’acqua. A profondità maggiori vengono impiegati dei modernissimi ROV e AUV che consentono di effettuare tutte le fasi operative, compresa la bonifica degli ordigni anche a profondità non raggiungibili dagli operatori.

Come saranno i cacciamine di nuova generazione (CNG)
Dopo anni di missioni operative, effettuate anche durante gli ultimi conflitti nel Golfo Persico ed in mare Adriatico, i cacciamine classe Lerici e Gaeta hanno ormai raggiunto il loro limite di vita operativo per cui lo Stato Maggiore della Marina Militare italiana ne ha messo in programmazione la sostituzione con dodici unità di contro misure mine di nuova generazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è The-Italian-Navys-Strategic-Planning-and-Fleet-Composition-Until-2034-CNG.jpg

Sebbene sia ancora presto per poter descrivere nei particolari queste nuove unità, sembrerebbe che i nuovi cacciamine avranno in comune con le classi precedenti lo stesso concetto di costruzione dello scafo. Le configurazioni (in termini di Mission e Propulsion Systems) saranno invece completamente differenti; probabilmente Intermarine integrerà ed installerà sulle nuove unità cacciamine le principali apparecchiature ed i sistemi oggi disponibili sul mercato del settore di contromisure mine al fine di consentire la massima flessibilità di impiego.

In particolare, da quanto dichiarato da Intermarine, le nuove unità CNG saranno costruite in due versioni, utilizzando la stessa tecnologia costruttiva delle navi esistenti della Marina Militare (cioè in materiale composito, con scafo in vetroresina ultra spessa senza telaio rinforzato), ma con dimensioni e prestazioni maggiori. Una prima versione, lunga circa 60 metri e denominata “Costiera”, sarà la naturale evoluzione delle imbarcazioni attualmente in servizio. Oltre alle dimensioni maggiori ed alle ovvie prestazioni più elevate, incorporerà anche una serie di sistemi di superficie e subacquei (SUV e AUV), in linea con le ultime tendenze del settore al fine di poter operare al di fuori dell’area di pericolo (stand-off) al fine di dare una maggiore sicurezza per gli equipaggi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cng-intermarine-schem-IPOTETICO.jpg

Viste le future ipotetiche esigenze operative, che potrebbero richiedere il trasferimentodelle unità èer lunghi peridodi anche in aree lontane di interesse nazionale, la seconda versione, definita “d’Altura”, avrà una lunghezza maggiore di circa 80 metri. Sarà anch’essa una nave completamente innovativa ed impiegherà nuovi sistemi di propulsione e un’ampia gamma di veicoli ed attrezzature subacquee autonome. Lo sviluppo di queste unità navali farà parte dello studio commissionato ad Intermarine per esaminare i vari sistemi di propulsione esistenti e selezionare il sistema più idoneo per le nuove navi, in particolare per la versione “d’Altura”. Tenendo conto dell’efficacia, dei costi e delle considerazioni di impiego, la Marina Militare italiana sceglierà il progetto che riterrà più appropriato come base per lo sviluppo, in una seconda fase, del progetto di fattibilità in preparazione dell’avvio della futura produzione.

Andrea Mucedola

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 1.080 times, 3 visits today)
Share

1 commento

  1. Vincenzo Vincenzo
    22/02/2021    

    Speriamo arrivino presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »