Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Uno strano battello subacqueo: il Sub Marine Explorer

tempo di lettura: 7 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: SOMMERGIBILI
parole chiave: Sub Marine Explorer, sommergibili, campane subacquee
.

Il Sub Marine Explorer, uno dei soli cinque battelli subacquei conosciuti costruiti prima del 1870, fu progettato, allestito e varato nel 1865 da Julius W. Kroehl e Ariel Patterson e rimane ancora oggi una straordinaria testimonianza tecnologica e ingegneristica della costruzione di quei battelli subacquei della metà del diciannovesimo secolo. Negli anni ’60 del secolo scorso incominciarono a girare segnalazioni di un misterioso sommergibile che si riteneva potesse risalire alla Seconda Guerra Mondiale, forse di origine giapponese, che era stato ritrovato abbandonato in una baia dell’Isola San Telmo. Le ricerche nella zona, basate su forse volutamente vaghe testimonianze degli indigeni locali, portarono alla scoperta del relitto del battello. Lo scafo, visibile solo in periodi di bassa marea, era in pessime condizioni e risultò danneggiato da interventi maldestri effettuati da sconosciuti con esplosivi per ottenere l’accesso ai macchinari della propulsione in ottone. Il portello di ingresso della torretta era stato tagliato a colpi di scalpello, forse facilitati da tagli effettuati con la torcia ossidrica; inoltre, il timone e l’elica erano stati rimossi come la maggior parte dei materiali in ottone, in bronzo o in rame. Dopo la sua scoperta, avvenuta nel 2001, James Delgado, un famoso archeologo navale statunitense 1 iniziò con il permesso del governo di Panama, attraverso l’Instituto Nacional de Cultura, un ampio lavoro sul campo svolto nel 2004 e nel 2006, sovvenzionato dal Council of American Maritime Museums (CAMM) e il Historical American Engineering Record (HAER) del National Park Service, insieme all’Ufficio per l’esplorazione oceanica del National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). Il lavoro di ricostruzione del Sub Marine Explorer si rivelò da subito un compito difficile a causa delle pessime condizioni del relitto, abbandonato sul bagnasciuga di una spiaggia dell’Isla San Telmo, esposto alle intemperie ma anche all’azione umana che hanno causato l’asportazione di alcune parti.

Raccontiamo ora la storia di questo sommergibile
Come premesso, il battello fu ideato e realizzato grazie alla genialità di Julius W. Kroehl, un ingegnere immigrato prussiano arrivato a New York City nel 1844, e diventato cittadino statunitense il 26 ottobre 1849. Kroehl maturò una grande esperienza lavorativa arrivando ad essere il primo assistente ingegnere alla costruzione del Crystal Palace, eretto per l’Esposizione Mondiale del 1853 a New York City. Dal 1854 al 1855 costituì la società, Husted & Kroehl, operante nel campo dei lavori subacquei, sfruttando la sua esperienza nei lavori di lamiere metalliche in ghisa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-04-29-163331.png

Kroehl progettò il Sub Marine Explorer nel 1863, ispirandosi alle caratteristiche di una precedente campana subacquea, chiamata Sub Marine Explorer, inventata da Van Buren Ryerson, che era stata inventata e brevettata il 19 ottobre 1858. La campana di Ryerson aveva forma cilindrica e consisteva in una camera a doppia parete contenente aria compressa che era pesantemente zavorrata per appoggiarsi sul fondo. La discesa e la risalita era garantita da una nave appoggio in superficie. Kroehl, tra il 1864 e il 1865, costruì il Sub Marine Explorer insieme al costruttore Ariel Patterson presso il cantiere navale di Patterson sulle rive dell’East River, a Brooklyn, New York. Sebbene non fosse il primo mezzo di questo tipo (i primi esempi risalivano al 1850 con il lavoro di Lodner Phillips negli Stati Uniti, e quelli di Prosper Payerne e Bruno de Villeroi in Francia), il battello di Kroehl, insieme al contemporaneo battello americano Intelligent Whale, furono costruzioni subacquee pionieristiche in quel periodo. Inizialmente progettato per essere utilizzato come posa torpedini o nave di salvataggio durante la Guerra Civile, in realtà non fu mai preso in considerazione dalla Marina dell’Unione e venne identificato un suo uso commerciale, ovvero la raccolta delle ostriche perlifere.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-04-29-163351.png

Date le condizioni invernali e la probabilità di ghiaccio nel fiume, è probabile che il varo sia avvenuto nella primavera del 1866. Di fatto, dopo aver eseguito i primi test, fu deciso di trasferire il Sub Marine Explorer a Panama dove erano note delle aree di pesca considerate, erroneamente, promettenti. Nel maggio 1867, si effettuarono i primi test in mare aperto nei pressi dell’Isla San Telmo, in un’area un tempo ricca di banchi di ostriche perlifere nelle “Isole delle Perle”, ma la spedizione si interruppe bruscamente con la morte di Kroehl in settembre, ufficialmente a causa di febbri malariche.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-04-29-191632.png

Sebbene il mistero della sua morte sia ancora irrisolto, alcuni ritengono che il geniale ingegnere potrebbe essere stato colpito, come il resto dell’equipaggio, da una patologia legata al profilo di immersione del suo mezzo che oggi chiamiamo malattia da decompressione. Dopo la morte di Kroehl, un nuovo ingegnere supervisore prese il controllo delle operazioni per la raccolta delle ostriche perlifere che continuarono fino al novembre 1869 quando il battello fu abbandonato in una piccola baia nei pressi di Isla San Telmo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Sub_Marine_Explorer_Wreck.jpg

foto del relitto durante la bassa marea, 2006 – autore James P. Delgado  File:Sub Marine Explorer Wreck.jpg – Wikimedia Commons

Quale fu la causa? Secondo i resoconti locali, alla conclusione delle immersioni, “tutti gli uomini erano di nuovo colpiti dalla febbre; e, essendo impossibile continuare a lavorare con gli stessi uomini per qualche tempo, si decise, essendo l’esperimento un completo successo, di riporre la macchina in una baia adiacente …“(riferimento The New York Times, 29 agosto 1869). Di fatto le immersioni cessarono del tutto dopo che anche l’ultimo equipaggio dell’Explorer fu colpito da quelle strane febbri con grossi dolori ossei che, col senno del poi, erano legate agli effetti della malattia da decompressione 1.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-04-29-191743.png

Un mezzo curioso
Il battello era lungo 36′, larga 10′ e alta complessivamente 10″; le lamiere della parte inferiore, dello spessore di 1-3/4″, erano state realizzate con lamiere di ghisa imbullonate o avvitate insieme. Nella forma ricordava un’imbarcazione a doppio fondo piatto con un rastrello da prua a poppa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-04-29-191649.png

schema del battello da https://www.researchgate.net/figure/A-plan-of-Sub-Marine-Explorer-showing-the-key-features-A-Compressed-air-chamber-B_fig2_281457784

Al centro della nave, al di spora delle cisterne di zavorra, era collocata una torretta a forma di imbuto, che fungeva da stazione di comando del sottomarino, La camera di lavoro si trovava lungo la linea centrale della nave e poteva trasportare un numero massimo di 6 uomini. Per immergersi, l’operatore introduceva l’acqua di mare nelle camere di zavorra e per risalire la espelleva utilizzando l’aria compressa. La camera di lavoro, di circa 600 piedi cubi (18,6 m cubi), aveva sul fondo degli sportelli apribili per cui, una volta equilibrata la pressione, questi venivano aperti per permettere ai lavoratori di raccogliere le ostriche sul fondo. Il sommergibile era in grado di immergersi fino a una profondità di 100 piedi (circa 30 metri).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-04-29-163500-1024x572.png

Le camere di zavorra dell’acqua erano disposte lungo entrambi i lati del battello: per emergere, una quantità dell’aria pressurizzata veniva utilizzata per svuotare dall’acqua le cisterne di zavorra consentendo un’emersione in superficie in poco meno di due minuti da 30 metri di profondità. Per dirigere il battello fu installato un timone controllato tramite un sistema di cavi. Il disegno di Kroehl mostra una grande elica a quattro pale del diametro di 3′-6″ che ruotava in senso antiorario ed un grande volano di ottone che veniva azionato da una manovella con diversi e sofisticati moltiplicatori di giri per rendere più efficiente la propulsione. In generale, la struttura del Sub Marine Explorer era molto solida, forse “eccessivamente progettata” per ovvi motivi cautelativi legati alle incertezze nella progettazione di questi nuovi mezzi subacquei. Ciò può aiutare a comprendere il suo costo nel 1865 di circa 40.000 dollari, una cifra non trascurabile all’epoca che sarebbe equivalente oggigiorno a più di mezzo milione di dollari.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-04-29-191731.png

Per chi volesse approfondire la storia di questo primo battello subacqueo suggerisco la lettura integrale del rapporto di Delgado che presenta molte informazioni interessanti.

Andrea Mucedola

 

le immagini sono state tratte dalla documentazione in riferimento

Note

1. James P. Delgado è un nome celebre nel mondo dei ricercatori subacquei avendo trascorso oltre quattro decenni nell’esplorazione dei fondali marini. La carriera di Delgado ha incluso la direzione di un importante museo marittimo, la guida dei programmi sul patrimonio marittimo del National Park Service e della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), tenendo numerose presentazioni accademiche e pubbliche, insegnando in diverse università e condividendo la sua esperienza in centinaia di documentari televisivi e sui media globali sui relitti.

2. Da un resoconto apparso su un giornale dell’agosto 1869 si parla di turni di lavoro di undici giorni di immersioni a 103 piedi (31 m), effettuando quattro ore per immersione con risalite rapide in superficie. Non c’è da meravigliarsi se quei poveretti fossero colpiti dalla malattia di decompressione, allora non compresa, sebbene notata nei cassonisti.

Riferimenti
– Report on the wreck of the Sub Marine Explorer (1865) at Isla San Telmo, Arcipelago de las Perlas, Panama, and the 2006 fieldwork season – (PDF) Report on the wreck of the Sub Marine Explorer (1865) at Isla San Telmo, Archipielago de las Perlas, Panama, and the 2006 fieldwork season. (researchgate.net)
https://museum.wa.gov.au/maritime-archaeology-db/… /no._221_submarine_explorer_1.pdf
https://councilofamericanmaritimemuseums.org/wp-content/uploads/2014/03/sub-marine-explorer.pdf
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.
.

Loading

(Visited 239 times, 1 visits today)
Share
5 2 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
3 visitatori online
3 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 20 alle 12:08 am
Mese in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x