Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il faro della Jument

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Bretagna, faro La Jument

 

Lo avrete certamente visto in tanti poster o documentari televisivi. Il faro della Jument si trova tra il Canale della Manica ed il Golfo di Biscaglia, uno dei tratti di mare più insidiosi della costa atlantica a causa delle violente mareggiate, con onde che possono arrivare fino a trenta metri d’altezza. Il faro fu costruito nel 1911 ed è stato reso celebre anche dalle foto mozzafiato di Jean Guichard, eseguite dall’elicottero durante una delle frequenti tempeste oceaniche. Si trova poco lontano dall’isola di Ouessant, al largo delle coste del Finistère, una delle zone più belle e suggestive della Bretagna.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è faro-le-jumant-1024x665.jpg

Una regione che merita una visita per i suo spettacolari paesaggi costieri, impreziositi dagli splendidi fari che abbracciano e proteggono le rotte verso la costa. Proprio uno di questi fari, la Jument (48°25’40″N-05°08’00″W), è divenuto anche il protagonista di un film francese L’Équipier del 2003, purtroppo inedito in Italia. Il suo nome, Jument, deriva dalla roccia su cui l’enorme faro venne eretto, chiamata dai bretoni dell’isola Ar Gazek-Coz (‘la Vecchia Giumenta’), probabilmente a causa della sua forma particolare. Essendo il faro situato a largo della punta sud-ovest dell’isola, l’unico modo per potervi salire è quello di farsi issare sopra di esso dal mare. Ma raccontiamo ora la sua storia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è la-jument-2.jpg

Una storia movimentata
Il 9 gennaio del 1904 Charles-Eugène Patron, dopo essere scampato miracolosamente ad un naufragio, fece un lascito testamentario di 400.000 franchi per la costruzione di un faro. Il ricco donatore pose però due condizioni: la prima che il faro dovesse sorgere nei pressi dell’Isola di Ouessant, uno dei passaggi più pericolosi dell’Atlantico, l’altra era che il faro dovesse essere costruito entro sette anni, pena il decadimento della donazione.

Quando il signor Patron morì le autorità decisero che sarebbe stato utile costruire un faro sullo scoglio di La Jument nel canale che conduce alla città francese di Brest dove, anni prima, si era già verificato un tragico affondamento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è La_construction_du_phare_de_la_Jument_1906-754x1024.jpg

1906, si incomincia a costruire il faro

I lavori iniziarono nello stesso anno e si presentarono subito estremamente complessi a causa delle impervie condizioni meteorologiche che comportavano forti moti ondosi del mare: gli operai lavoravano anche nell’acqua sempre sotto la minaccia di grandi e violente onde. Il faro, costruito in granito, alto 47 metri, fu comunque completato e finalmente acceso il 5 ottobre del 1911.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Phare_de_la_Jument_1912.jpg

il faro nel 1912

Purtroppo, nella fretta di finire i lavori, gli ingegneri non si erano resi conto che al di sotto della roccia si trovava una cavità e che una vicina barriera di scogli convogliava ondate pericolose contro la base del faro.

In pratica, le onde che arrivavano da Sud Ovest si infilavano nella cavità e facevano tremare pericolosamente tutta la struttura, i vetri della lanterna si spaccavano, l’acqua entrava dalle finestre ed il mercurio della vasca su cui galleggiavano le lenti si spargeva dappertutto, intossicando gli addetti al servizio del faro. Seguirono lavori di rinforzo e di consolidamento, anch’essi, effettuati a rilento e con grandi difficoltà, tra l’alta e la bassa marea, tra un’onda e l’altra, che durarono fino al 1940. I guardiani tornarono poi a La Jument, anche se il faro continuò a … tremare, ma ciò era ormai considerato un evento … normale, e nessuno ci fece più caso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è jument-faro.jpg

Dal 1991 il faro è automatizzato ed i suoi tre lampi bianchi, che si ripetono ogni 15 secondi, continuano ad essere visibili in quel pericoloso tratto di mare fino a 22 miglia (più di 40 km!).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è la-jument-basamento.jpg

Un vecchio proverbio brettone su questo passaggio, che ancora si tramanda come ammonizione, recita “Qui voit Ouessant voit son sang” (“Chi vede Ouessant vede il suo sangue”), testimonianza popolare della pericolosità di quello scoglio in mezzo all’oceano. 
Cieli e mari sereni.

Paolo Giannetti

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 188 times, 2 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »