If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Malattia da decompressione ad … alta quota

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: MEDICINA IPERBARICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: ALTA QUOTA
parole chiave: decompressione rapida, STANAG, procedure HALO
.

Siamo abituati a pensare che la malattia da decompressione possa accadere solo ai subacquei, specialmente a quelli che non rispettano determinate regole. In realtà essa può colpire anche una caratteristica diversa di professionisti, i paracadutisti e gli equipaggi di volo. Parliamo della malattia da decompressione da altitudine, che avviene quando la pressione dei gas disciolti nei tessuti del corpo supera quella della pressione atmosferica, provocando la sovrasaturazione di gas nei tessuti. Questo provoca potenzialmente la formazione di bolle all’interno dei tessuti che, come sappiamo, può causare una miriade di disturbi clinici: da lievi dolori agli arti alla parestesia fino a sintomi neurologici o respiratori più gravi e, in extremis, al completo collasso circolatorio e alla morte.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è halo-diver-usaf.jpg

HALO (High Altitude Low Opeming) skydiver – credit USAF

Per ridurre il rischio di malattia da decompressione da altitudine viene pressurizzata la cabina per aumentare la pressione ambiente e il personale respirando ossigeno al 100% (preossigenazione) prima e durante l’esposizione in altitudine. Questo processo si traduce in concentrazioni di azoto ridotte nei tessuti (riducendo il rischio di formzione di bolle). In caso di  malattia da decompressione da altitudine la terapia  è la discesa al livello del mare (se possibile), la respirazione di ossigeno al 100% per 2 ore o più e, nei casi gravi, l’ossigenoterapia iperbarica.

Sebbene pre-ossigenare i soggetti (con respirazione con ossigeno puro) prima di risalire a 16.000 piedi, si è dimostrato vincente per ridurre i livelli di azoto, non è però esaustivo in quanto casi di MDD si sono comunque verificati. Uno studio di Webb et al (1998) stabilì una soglia del 5% per i sintomi della MDD a 20.500 piedi. Il brusco aumento dei sintomi della MDD, in caso di non preossigenazione al di sopra dei 21.200 piedi, implicava la necessità di riconsiderare le attuali linee guida sull’esposizione all’altitudine di USAF e FAA. Molti casi furono riportati tra i piloti degli U2, aerei spia ad alta quota. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è u2-pilot-dcs.png

casi riportati tra i piloti – da presentazione 2016 OPAM Mid Year Conference, sponsored by AOCOPM Saturday, March 12, 2016

Secondo un recente articolo su Defence IQ, Addressing the risk of decompression sickness caused by high altitude airdrop missions, in uno studio della Defense Evaluation and Research Agency (DERA) for Human Sciences è stata riscontrata un’incidenza dell’87% di casi di embolia gassosa venosa. Tra di essi il 69%, che mostravano sintomi di MDD, non avevano effettuato la procedura di pre-ossigenazione. Lo studio sembra suggerire che esista anche un altro fattore legato all’attività intensa in quota che potrebbe produrre comportare percentuali di rischio ancora più elevate. I ricercatori ritengono che anche un esercizio leggero, inclusi movimenti semplici come premere i pedali o sollevare un braccio per azionare un interruttore, possa aumentare notevolmente il rischio di MDD. A differenza della ricognizione effettuate sugli U2 durante la guerra fredda, le missioni di intelligence ad alta quota in molte zone sensibili del mondo, richiedono che il pilota sia maggiormente impegnato nella cabina di pilotaggio, per cui le attività fisiche e la tensione emotiva potrebbero essere in parte responsabili dello stress che facilità il rilascio di bolle di azoto attraverso il flusso sanguigno di un pilota. 

Sebbene le operazioni subacquee, sia militari che civili, abbiano precise linee guida di sicurezza per evitare l’insorgere di MDD/DCS attualmente non ne esistono di analoghe per le attività in alta quota. Questo comporta che la possibilità di incorrere in un sindrome di decompressione (con  un rischio minimo del 9,99% per ogni lancio) non può essere trascurata. Di fatto, il principale fattore che provoca la malattia da decompressione in quota è l’altitudine. Secondo i ricercatori l’altitudine minima per la formazione di bolle è di 18.000 piedi, sebbene ci siano state segnalazioni di MDD avvenute anche al di sotto di tale soglia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è halo-oxygen-5.jpg

bombole di ossigeno a corredo all’attrezzatura HALO

Facciamo un passo indietro. Perché i militari effettuano lanci di paracadute ad alta quota?
Lo avrete visto in molti film di azione. I protagonisti si lanciano nel vuoto ad alta quota e aprono il paracadute in prossimità del suolo al fine di non essere intercettati dal nemico. La capacità di lanciarsi da un’altitudine elevata consente all’aereo di entrare nello spazio aereo avversario ad altitudini elevate e quindi rimanere al di fuori della portata dei sistemi di difesa terra-aria nemici.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SOF-HALO-2.jpg

Ciò consente il lancio di operatori delle Forze Speciali e delle loro attrezzature da alta quota sia ad alta apertura (HAHO) sia ​​a quota bassa (HALO). Mentre il personale delle forze speciali effettua una formazione specialistica approfondita per prepararsi agli effetti della diminuzione della pressione atmosferica, inclusa la pre-ossigenazione (respirando ossigeno al 100% prima dell’esposizione ad alta quota), i fattori fisiologici umani combinati con le condizioni ambientali sono variabili incontrollabili che mettono a rischio tutti i membri dell’equipaggio, compresi i piloti, potendo provocare la formazione di mucrobolle di azoto all’interno del corpo e l’insorgenza di malattia da decompressione correlata all’altitudine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è oxygen-levels-graph-mountin-ascent-1024x645-1.png

variazione dei livelli di ossigeno in quota

Di fatto la malattia da decompressione rappresenta un rischio reale per tutti quando si opera in alta quota. Al fine di ridurre il rischio gli operatori respirano ossigeno al 100% fino ad un’ora prima dell’esposizione a un ambiente a pressione ridotta, al fine di ridurre l’azoto dal corpo, e continuano a respirare ossigeno fino alla discesa sotto i 10.000 piedi, una procedura nota come “denitrogenazione“.

Secondo lo STANAG 7056 (Standard agreemnet 7056), quando un aereo sale ad un’altitudine di 18.000 piedi, è necessario che l’equipaggio completi un periodo di denitrogenazione prima che l’aereo raggiunga i 16.000 piedi, al fine di ridurre l’azoto all’interno dei tessuti.

In estrema sintesi, è fondamentale che l’esposizione prolungata in quota sia ridotta al minimo, considerando che questo riduce il rischio, ma non lo annulla, e che devono essere previsti piani di assistenza sanitaria di emergenza quando si verifica un incidente di MDD.

Il problema è che qualora si verifichi una malattia da decompressione in quota, il personale colpito necessita di un rapido trattamento, cosa che non sempre può essere effettuato. Dobbiamo ragionare al contrario … salendo rapidamente in quota aumentano le bolle in circolo con la possibilità di incorrere in una MDD che deve essere trattata in tempi rapidi, anche nella considerazione che non sempre potrebbero essere garantite strutture di trattamento iperbarico nelle immediate vicinanze.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hyperlite1-img-1.png

camere da decompressione portatili

Una soluzione potrebbe essere l’uso di camere da decompressione portatili per l’evacuazione di emergenza verso le strutture mediche più vicine. Questo sarebbe particolarmente necessario in caso di un’improvvisa perdita di pressione nella cabina, fattore che causerebbe una rapida decompressione, esponendo l’equipaggio ad un rischio concreto di MDD. Uno studio dell’aeronautica statunitense (USAF) effettuato alla base aerea di Eielson ha suggerito l’impiego di camere iperbariche portatili modulari che dovrebbero diventare obbligatorio per le future missioni ad alta quota.

In campo militare tale esigenza è stata raccolta da diversi Paesi che hanno concordato la predisposizione obbligatoria di strutture iperbariche portatili sui velivoli in accordo con un nuovo standard NATO, che dovrebbe essere ratificato nel 2021.

In sintesi, gli attuali standard, definiti dalla NATO Air and Space Interoperability Council (ASIC) per l’esposizione all’altitudine, considerano una serie di fattori (gas, ipossia/iperventilazione, visione notturna senza aiuto/assistita) ma non sembrano considerare come affrontare eventuali incidenti fisiologici legati alle variazioni di pressione. Sebbene vengano utilizzate misure precauzionali ed attrezzature di sicurezza per ridurre il rischio di incidenza, la ratifica di un nuovo  standard minimo che incorpori la necessità per le strutture aeree di supporto di acquisire camere iperbariche nelle vicinanze ed a bordo sembra essere imminente.

Nel frattempo, nel tentativo di affrontare un possibile incidente, molte delle principali unità operative delle forze speciali stanno utilizzando dei sistemi di camere iperbariche portatili per il trattamento sul posto e l’evacuazione di emergenza del personale sintomatico.

 

Fonti

  1. FAA Altitude induced decompression sickness altitude decompression sickness (faa.gov)
  2. Altitude Decompression Sickness Incidence Among U-2 Pilots: 1994-2010 | Request PDF (researchgate.net)
  3. P-High Altitude DCS in U2 pilots, Robins (aocopm.org)
  4. Webb JT, Pilmanis AA & O’Connor RB. (1998) An abrupt zero-preoxygenation altitude threshold for decompression sickness symptoms. Aviation Space & Environmental Medicine 69
  5. Killer at 70,000 Feet | Military Aviation | Air & Space Magazine (airspacemag.com)
  6. Documentation for the USAF School of Aerospace Medicine Altitude Decompression Sickness Research Database (researchgate.net)

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 231 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »