If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

L’ammiraglio Ugolino e la Meloria

Reading Time: 7 minutes

 

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XII SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Ugolino della Ghelardesca, battaglia della Meloria, Pisa, Genova

 

Si…è proprio lui! “La bocca sollevò dal fiero pasto quel peccator … “

Questi celebri versi del Canto XXXIII dell’Inferno della Divina Commedia di Dante Alighieri fanno parte del patrimonio culturale dell’umanità ed è ben nota la fine leggendaria e truculenta di Ugolino della Gherardesca, Conte di Donoratico. Tutti si fermano a questo e non sono molti coloro che hanno approfondito le vicende della sua vita che si è dipanata fra le intricatissime vicende delle lotte fra guelfi e ghibellini nella Toscana medievale, e certamente ancora meno sono coloro che conoscono la storia del Conte quando si trovò ad indossare, più per le cariche ricoperte che per vocazione, i panni del marinaio, anzi, dell’ammiraglio (1).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è conte-ugolino-della-ghelardesca-872x1024.jpg

Ritratto del Conte Ugolino. Il ricordo dei versi di Dante ha sempre spinto gli artisti a raffigurarlo con qualcosa di sinistro nell’aspetto (Incisione da un dipinto di Johann Caspar Lavater, XVIII secolo)

Ugolino della Gherardesca, nato verso il 1210, apparteneva ad una nobile e antica famiglia pisana e, come tutti i suoi concittadini, era di parte ghibellina sostenendo i diritti dell’Imperatore in Italia. Dopo il 1250 coprì più volte importanti incarichi in Sardegna sulla quale Pisa aveva influenza e interessi e di cui nel 1252 fu nominato Vicario imperiale: in queste occasioni, sia per i viaggi compiuti fra la Toscana e l’isola, sia in quanto responsabile del pattugliamento dei mari circostanti, sicuramente maturò una certa conoscenza della navigazione e delle problematiche ad essa connesse.

Inoltre, l’ostilità e gli interessi contrapposti di Pisa e di Genova per il controllo della Corsica e della Sardegna dettero luogo fra le due città a un crescendo di scontri sul mare, sbarchi e frequenti episodi di guerra di corsa; per la sua posizione politica Ugolino non poteva essere estraneo alla loro ideazione ed alla loro pianificazione anche se non risulta, in questi casi, aver mai preso il mare. La feroce ostilità fra le due città si era già delineata negli anni precedenti: nel maggio 1282 una grossa flotta genovese si era fronteggiata con quella pisana davanti la foce dell’Arno, ma i due nemici non vollero entrare in contatto e poco tempo prima, nella battaglia di Tavolara, i Genovesi riportarono una significativa vittoria catturando anche il comandante pisano Bonifacio Della Gherardesca, parente di Ugolino.

Il ben noto scontro definitivo fra le due potenze navali avvenne nell’agosto del 1284 (6 agosto) su un ampio specchio di mare al largo della costa pisana (Frà Salimbene da Parma lo situa fra “Capo Corso e la Gorgona”) anche se per tradizione prende il nome dallo scoglio litoraneo della Meloria. Genova si presentò con una flotta di almeno cento galee – Giovanni Villani afferma che fossero 130 – una parte delle quali venne sagacemente tenuta fuori vista pronta  a prendere di sorpresa il fianco di quella pisana una volta che questa fosse uscita in mare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è galera.jpg

Galea medievale. Nonostante quanto comunemente si crede, l’impiego dei forzati e degli schiavi turchi è di epoca successiva; fino aI XVI secolo i rematori erano uomini liberi e facevano parte dell’equipaggio. (Stampa dell’epoca)

Il profilo dei comandanti mostrava una forte disparità. A capo della flotta genovese si trovava Oberto Doria, homo valde famosus, imbarcato sulla San Matteo, con alle spalle varie campagne navali nel Tirreno e nel Mediterraneo Orientale, affiancato a Benedetto Zaccaria che aveva già comandato una flotta al servizio della Francia, cacciatore di pirati ed esperto cartografo. I Pisani non potevano opporre granché: comandante supremo era il Podestà Albertino Morosini, Signore generale de la guerra di mare. Era veneziano, ma l’essere nato nella città lagunare non significava necessariamente che fosse un abile marinaio e infatti tutta la sua carriera si era svolta con incarichi istituzionali nella terraferma.

In sottordine aveva il conte Ugolino che, come abbiamo visto, qualcosa di navigazione e di tattica navale doveva averla imparata, ma fra questo ed essere un abile ammiraglio ci corre molto. Inoltre, aveva già passato i settant’anni, un’età che all’epoca era considerata quasi veneranda e per questo gli fu affidata la squadra di riserva. Peraltro Raffaello Roncioni nelle sue Istorie pisane, pubblicate nel XIX secolo, scrive che  … dell’armata pisana ne fu creato generale ammiraglio Ugolino Gherardeschi  tutto gonfio di superbia per quell’onorato grado. Tuttavia, dopo questa affermazione e contraddicendosi implicitamente, sembra riconoscergli il ruolo assolutamente marginale che ricoprì durante la battaglia, perché non lo cita più. Durante lo scontro fu determinante per i Genovesi l’effetto sorpresa operato dalla divisione dello Zaccaria, in un primo tempo tenuta discosta dal resto della flotta, la cui presenza fu ignorata dai Pisani  fino al momento in cui non intervenne nella mischia.

La battaglia, nei cui particolari non ci addentreremo, fu sanguinosissima con perdite umane enormi da entrambe le parti e si fece ricorso a tutti i sistemi e alle macchine da guerra tradizionali dei combattimenti navali: abbordaggi, speronamenti, balestre e catapulte (2). I morti e i prigionieri furono migliaia: qualche cronista  arriva a stimare le perdite, comprese quelle degli scontri del periodo immediatamente precedente, a  16.000-20.000 uomini, mentre Frà Salimbene da Parma, più prudente, nella sua Cronica preferisce non sbilanciarsi  e non indica nessuna stima evidenziando esplicitamente come in questo campo i dati disponibili fossero molti ma troppo contrastanti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è torre-della-Meloria.jpg

La torre sullo scoglio della Meloria. Non è un monumento a ricordo della battaglia, ma una costruzione più recente che segnala i bassifondi circostanti, eretta sul posto di un antico faro. (Foto Filippo Gini, da Wikimedia)

Per il centinaio di galee pisane – è inutile tentare di dare numeri precisi per l’appena ricordata contraddittorietà delle fonti – non vi fu scampo: solo sette furono affondate, ma almeno 40 furono catturate e tre, malconce, riuscirono a rifugiarsi in Corsica. Si salvarono solo quelle comandate da Ugolino che, peraltro, si dimostrò una figura evanescente sul teatro operativo  perché non intervenne, restando estraneo al campo di battaglia e privando i Pisani dell’aiuto nel momento più drammatico.

La ragione della sua inerzia non è nota. Da quanto suggeriscono alcune fonti, sembrerebbe che non sia stato capace di dare gli ordini necessari a coordinare la manovra per portare le sue navi in soccorso. Forse, quando ci si accorse delle difficoltà che stava incontrando la flotta pisana, aveva preso posizione troppo lontano per seguire visivamente l’evolversi della situazione e non è escluso, in considerazione dell’età, che la sua vista l’avesse ingannato. E’ più verosimile  pensare che la pesante foschia di quella torrida giornata di agosto limitasse fortemente la visibilità del teatro dello scontro e dei segnali; quest’ultima eventualità, in particolare, potrebbe dare una giustificazione a chi sostiene che  le manovre non furono ben eseguite.

Inoltre, dando credito ad altre leggende (3) durante il viaggio di ritorno la flotta genovese fu  sorpresa da una tempesta e non è detto che Ugolino non ne avesse intuito i sintomi premonitori e, pur compiendo un errore di valutazione sui tempi e sul luogo dove sarebbe scoppiata, avesse preferito un comportamento prudente, conscio dei rischi che correvano le fragili galee lontano dalla costa e con il mare agitato. La sua inerzia (4) permise di salvare una parte delle forze pisane e, soprattutto, restituire tanti uomini alla città, limitando, anche se involontariamente, la prostrazione dovuta alle fortissime perdite. Ma fu vista come un rifiuto di combattere e cominciò ad alimentare il sospetto che Ugolino fosse un traditore.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è conte_ugolino_XXXII_1587.png

Ugolino, accusato di tradimento perché ritenuto responsabile del disastro della Meloria, venne rinchiuso a Pisa nella Torre della Muda insieme ai figli Gaddo e Uguccione, e ai nipoti Anselmuccio e Nino. Dopo alcuni mesi di prigionia vennero lasciati morire di fame (la Muda fu in seguito ribattezzata «Torre della Fame»). Nella Divina Commedia Ugolino racconta a Dante la loro agonia che durò circa sei giorni, durante i quali vide morire i figli, uno ad uno senza poter far nulla; per due giorni aveva brancolato sui loro cadaveri chiamandoli per nome, poi il digiuno aveva prevalso sul dolore. – autore Jan van der Straet – Inferno

Pur passato da tempo alla parte guelfa, il Conte Ugolino tenne alcuni comportamenti successivi tali da fa prendere sempre più corpo alle voci di un ripensamento e anche Dante è di questo parere, immaginandolo all’Inferno fra i traditori della patria.

Guglielmo Evangelista

.

NOTE

  1. La carica e le funzioni di ammiraglio nell’Italia medievale e moderna venivano in realtà denominate quasi costantemente in modo diverso come, ad esempio, Capitano generale del naviglio (Milano), Generale delle galere (Stato Pontificio) Capitano da mar (Venezia), Capitano Generale delle Galere (Piemonte), Peraltro il vocabolo era già ben noto a Dante che nel XIII canto del Purgatorio scrive, ricordando l’intenzione di Siena di avere uno sbocco sul mare e una grande flotta: … tu li vedrai tra quella gente vana
    che spera in Talamone, e perderagli
    più di speranza ch’a trovar la Diana;
    ma più vi perderanno gli ammiragli
    .
  2. Ovviamente non erano presenti le armi da fuoco anche se si era alla vigilia della loro introduzione. Infatti le prime artiglierie navali furono impiegate dagli Inglesi nel 1338 in occasione della battaglia di Arnemuiden al largo dei Paesi Bassi e piace pensare che forse qualche giovanissimo marinaio presente alla Meloria le avrebbe conosciute decenni dopo.
  3. Una di queste afferma che a causa dell’acqua penetrata nelle stive i marinai furono costretti a mangiare una poltiglia di ceci intrisi di acqua di mare e di olio proveniente dalle giare rotte dalle onde, tanto disgustosa che molti preferirono restare digiuni. Tuttavia il giorno successivo scoprirono che il sole estivo aveva in qualche modo cotto gli avanzi lasciati in coperta rendendo il cibo molto più appetibile e questa sarebbe stata l’origine della famosa farinata genovese.
  4. Curiosamente questa vicenda ha qualche analogia con i sospetti di tradimento caduti sul Conte di Carmagnola ch, centocinquant’anni dopo, non intervenne a rinforzo dei veneziani che stavano combattendo una battaglia navale contro i milanesi. Tuttavia il quadro è un po’ diverso perché il Carmagnola doveva giungere con truppe appiedate e lo scontro avvenne sul Po all’altezza di Cremona.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

 

 

 

 

print
(Visited 111 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »