Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Tante vite, un unico mondo – considerazioni da un articolo del WWF Italia

tempo di lettura: 2 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: AMBIENTE
parole chiave: Sopravvivenza 

 

Prendendo spunto dall’articolo in riferimento vogliamo sottolineare come di fatto siamo tutti collegati nella biosfera del pianeta Terra. Chi crede di essere al di sopra non ha ancora compreso il delicato meccanismo che regola la vita sul nostro pianeta.

Il  global warming potential, ovvero il potere di riscaldamento globale di un qualsiasi prodotto alimentare influenza l’insieme in quanto si tratta della quantità totale di “CO2 equivalente” generata per poter produrre, trattare, confezionare e trasportare il prodotto stesso. Questo non vuol dire che dobbiamo smettere di mangiare per salvare il pianeta ma di ricercare una via percorribile, o come si ama dire, sostenibile.

Il WWF è una associazione internazionale che da anni promuove percorsi di coinvolgimento rivolti a cittadini, imprese e istituzioni per analizzare la propria “impronta” sulla natura, e trovare soluzioni concrete che rendano meno insostenibile questo peso. La necessità di salvaguardare la Biodiversità ovvero quell’insieme di geni, specie ed ecosistemi che si sono sviluppati in tre miliardi e mezzo di anni di evoluzione che costituiscono un patrimonio universale inestimabile. Per assurdo ancora non consociamo il numero esatto di specie viventi sul pianeta ma, dai dati raccolti, dal 1970 al 2008, abbiamo subito un declino di quasi il 30% della diversità delle forme di vita.

Per poter contabilizzare la situazione, il WWF ha messo a punto un indice per misurare il trend dello stato generale della biodiversità. Si chiama LPI (Living Planet Index, Indice del Pianeta vivente) i cui risultati vengono pubblicati ogni due anni nel Living Planet Report. Nell’ultima edizione (2012) l’Indice del Pianeta vivente fa registrare un declino di circa il 28% delle popolazioni di vertebrati, che comprendevano oltre 9.000 popolazioni di 2.688 specie di mammiferi, uccelli, rettili, anfibi e pesci.

2013 Elba parazoanthus

L’indice del Pianeta vivente è un indicatore composito che misura le variazioni di dimensione delle popolazioni di specie selvatiche, allo scopo di indicare i trend nello stato generale della biodiversità globale. Tra i casi più eclatanti di declino, citati dal Report WWF, nell’ambiente marino abbiamo il tonno rosso (Thunnus thynnus Linnaeus, 1758) e dell’albatro urlatore (Diomedea exulans), un uccello marino che ha subìto un rapido declino molto probabilmente a causa del cosiddetto by catch, cioè la cattura accidentale che avviene con i palangari, lenze munite di centinaia di ami.

C’è molto da fare e tutti dobbiamo collaborare, come il WWF, a salvare le forme di vita per le future generazioni

in anteprima foto di andrea mucedola

Riferimento 
http://www.wwf.it/il_pianeta/biodiversita/quanto_e_stato_perso/

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 214 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
4 visitatori online
4 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 14 alle 12:05 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x