Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Il 76/62: un’arma di successo

tempo di lettura: 8 minuti

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: MARINA MILITARE
PERIODO: XX -XXI SECOLO
AREA: ARMAMENTI NAVALI
parole chiave: Cannoni 76/62, sistemi di autodifesa
.

Il ministro Antonio Tajani ha comunicato ufficialmente in un’intervista ai media che la nave Caio Duilio, impegnata in mar Rosso a protezione del traffico mercantile, è stata attaccata da un drone Houthi. Dalle limitate notizie, l’unità ha reagito immediatamente, impiegando il cannone 76/62 SR (super rapido) ed abbattendo il pericoloso velivolo autonomo ad una distanza di circa 6 chilometri.

Storia e sviluppo di un’arma di successo

Abbiamo ricevuto oggi molte mail che chiedono notizie su questo sistema d’arma che, come vedremo, trova le radici in un vincente cannone navale, prodotto inizialmente negli anni ’60 e la cui storia merita di essere raccontata. Dopo la seconda guerra mondiale, con l’adesione alla NATO, l’Italia ricevette gran parte dei suoi armamenti dagli Stati Uniti sotto forma di un “programma di assistenza militare diretta” (MDAP). Ciò includeva due cacciatorpediniere del tipo Benson/Livermoore che vennero ribattezzati Aviere ed Artigliere (risalenti agli anni ’40), tre fregate che costituirono la Classe Aldebaran (Aldebaran, Altair, Andromeda) ed altre unità che vennero proficuamente utilizzate per l’attività di Squadra e fornirono un valido contributo per la progettazione delle successive unità di costruzione nazionale. Nello stesso tempo, nel 1950, si procedette al recupero e trasformazione di due incrociatori leggeri della Classe Capitani Romani, il ‘Pompeo Magno‘ e il ‘Giulio Germanico‘ che erano stati auto-affondati dai tedeschi. Le due vecchie unità, trasformate in cacciatorpediniere, vennero ribattezzate rispettivamente San Giorgio e San Marco entrando in servizio tra il 1955 e il 1956.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-ITALIANA-SAN_GIORGIO_2_7_55_GE_5.jpg

il vecchio San Giorgio a Genova il 2 luglio 1955. Notare i cannoni binati a poppa. Fonte http://associazione-venus.it/galleriafotografica/index.php/COLLEZIONISTI/Francesco-Bucca/02- Collezione di provenienza: Francesco Bucca SAN GIORGIO 2 7 55 GE 5.jpg – Wikimedia Commons

I sistemi d’arma di queste unità vennero aggiornati alle nuove esigenze operative per contrastare minacce aeree e missilistiche sempre più veloci e letali. In origine, per quanto riguarda le artiglierie, le navi militari italiane erano equipaggiate per la maggior parte con armamenti navali di fabbricazione statunitense, tra cui il cannone USN da 5 pollici (127/38) e il Bofors 40 mm/L60. Si trattava di armi che, secondo lo Stato Maggiore della Marina Italiana dell’epoca, non erano adeguate alle esigenze reali in quanto: il 127 mm era considerato troppo pesante per essere impiegato da unità tutto sommato minori, mentre al contrario il 40 mm/L60 era troppo leggero per essere utilizzato sulle corvette previste dal piano di ammodernamento. Nell’ambito dello Stato Maggiore della Marina nacque così un requisito operativo per lo sviluppo di un cannone di medio calibro da impiegarsi contro bersagli di superficie e aerei, basato sugli studi della marina statunitense su un’arma da 3 pollici (76,2 mm), ritenuto un buon compromesso tra i due calibri citati. Fu dato quindi l’incarico all’azienda italiana OTO Melara di La Spezia di realizzare, con la collaborazione della Marina militare italiana, un nuovo armamento che sarebbe stato primario sulle navi da guerra minori (corvette) o secondario sulle navi da guerra maggiori come fregate e cacciatorpediniere.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è CENTAURO-OTO-76-mm-binato-sovr-1024x691.jpg

Nave Centauro in navigazione, notare il cannone binato da 76/62mm binato a poppa.  L’armamento principale della fregata CENTAURO era costituito da quattro cannoni OTO Melara da 76/62mm in due torri binate a canne sovrapposte, derivato dal tipo SMP3 singolo imbarcato sulle Albatros, la cui frequenza di tiro era di 60 colpi al minuto. Rispetto al modello singolo SPM3, imbarcato sulle corvette Albatros, le torri delle Centauro erano a caricamento completamente automatico e continuo, consentendo teoricamente una più elevata cadenza di tiro ma con risultati tanto insoddisfacenti che portarono d una revisione del progetto e a sviluppare cannoni con una sola canna. – foto coll. Risolo
Si vis pacem,para bellum: gli antenati del cannone imbarcato Leonardo“76/62 SP Sovraponte” (svppbellum.blogspot.com)

Il primo prototipo realizzato fu un cannone binato, il 76 mm/L62 SMP3 (“Stabilimenti Meccanici di Pozzuoli – cannone da 3 pollici”) Sovrapposto (così chiamato perché le due canne erano posizionate una sopra l’altra invece che affiancate) come con la maggior parte delle torrette dei cannoni navali. La sperimentazione effettuata sulla classe Centauro fu insoddisfacente e, nel 1958, l’OTO Melara iniziò a lavorare su una versione a canna singola il cui primo esemplare fu consegnato nel 1961 per le sperimentazioni in mare. Nel 1962 il primo 76/62 MMI Allargato fu consegnato alla Marina Militare Italiana per essere montato sulle fregate classe Carlo Bergamini. Nei cinque anni successivi la OTO-Melara ne produsse complessivamente 84 che vennero imbarcati su tutte le navi da guerra italiane che avevano in precedenza il 76mm/L62 SMP3 Sovrapposto. Il 76/62 MMI è ancora in servizio sui pattugliatori classe Cassiopea.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-ITALIANA-800px-OTO_76mm_MMI.jpg

il vecchio 76/62 MMI di Nave San Giorgio – autore non noto OTO 76mm MMI – Oto Melara 76/62 MMI – Wikipedia

Il 76/62 MMI

Sperando di non commettere troppe imprecisioni descriverò brevemente quest’arma che chi servì nella Marina Militare italiana dalla fine degli anni ’70, ricorderà con una certa nostalgia. Il cannone era ospitato in una torretta a tenuta stagna che proteggeva anche da piccole schegge di proiettili e alloggiava un operatore eventualmente necessario per dirigere localmente il cannone in base ai dati forniti dal sistema di controllo del fuoco della nave. La rotazione del cannone era effettuata tramite un sistema idraulico-elettrico, con backup manuale. Le munizioni erano immagazzinate in un caricatore sotto la torretta, da cui i colpi venivano portati agli elevatori e poi in culatta per sparare. I bossoli esauriti venivano espulsi all’esterno della torretta (e venivano raccolti da una rete per riutilizzarne il materiale). Il peso totale della torretta e del caricatore era di ben 12 tonnellate ed il cannone aveva una cadenza di fuoco tra 10 a 60 colpi al minuto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Cannone_76-62-Minerva-766x1024.jpg

il 76/62 Compatto su una classe Minerva – autore Melos Cannone Minerva – Otobreda 76/62 – Wikipedia

Alla fine degli anni ’60, il 76/62 MMI fu sostituito dall’OTO-Melara 76mm Compact (76/62 C), in grado di sparare 85 colpi al minuto; un cannone che per compattezza e prestazioni ebbe un grande successo a livello internazionale, anche grazie al suo peso minore rispetto al precedente. Il compatto a sua volta si evolse verso il 76/62 SR e il 76/62 Strales e fu acquistato da oltre 60 marine internazionali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-ITALIANA-Caio_Duilio_D_554-1024x683.jpg

Nave Caio Duilio, classe Orizzonte, in navigazione. Notare a prora, sotto la plancia, i due cannoni da 76/62 SR – autore Larry Caio Duilio D 554.JPG – Wikimedia Commons

Il 76/62 SR

Attualmente in servizio su molte navi combattenti, il Super Rapido può sparare 120 colpi al minuto impiegando diversi tipi di munizionamento. Fu introdotto negli anni ’80 e installato sulle unità della Marina fino alla Classe Orizzonte, anche come sistema di difesa di punto. Ben presto la marina italiana preferì il Super Rapido migliorato con sistema Strales e munizioni DART nel ruolo di difesa antimissile in quanto in grado di contrastare sia diversi missili subsonici (fino a 8.000 metri di distanza), sia bersagli aerei e di superficie. È installato sulle Fregate Europee Multi-Missione (FREMM): due per unità nella versione Antisommergibile ed uno nella versione General Purpose. La sua versione detta Sovraponte (“over deck”), più compatta e circa il 30–40% più leggera del Super Rapido standard, non richiede la penetrazione del ponte sottostante per l’installazione, potendo ospitare al suo interno 76 colpi pronti al fuoco (sia con o senza sistema Strales). La versione Sovraponte è stata installata per la prima volta sul Pattugliatore Polivalente d’Altura (PPA) classe Thaon di Revel della Marina Militare Italiana, al di sopra del tetto dell’hangar elicotteri.

Il munizionamento che fa la differenza

Tra i tipi di munizionamento voglio ricordare:

Standard HE: peso 6.296 kg, munizionamento standard con portata massima 16 km, effettiva 8 km (10 km contro bersagli aerei a 85°)

PFF: proiettile antimissile, con spoletta di prossimità e sfere di tungsteno incorporate nel guscio per un effetto di frammentazione ben definito

SAPOM: 6,35 kg (0,46 kg HE), portata 16 km (SAPOMER: 20 km) proiettile perforante con semi-armatura contro bersagli navali e terrestri sulla costa

DART: proiettile guidato contro bersagli aerei e missilistici

Mini-VULCANO: proiettile guidato con gittata massima intorno ai 40 km (una versione più piccola dello stesso munizionamento impiegato dal sistema VULCANO dei nuovi cannoni da 127 mm imbarcati sulle FREMM General Purpose e sui PPA)

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-ITALIANA-Oto_Melara_76_mm_Strales_Sovraponte_Anti-aircraft_gun-1024x769.jpg

Oto Melara 76/62 mm Strales Sovraponte sul pattugliatore ITN Francesco Morosini – autore sconosciuto
Oto Melara 76 mm Strales Sovraponte Anti-aircraft gun.jpg – Wikimedia Commons

In particolare, per quanto riguarda gli ultimi due (munizionamento guidato), furono ideati negli anni’80; la prima munizione di questo tipo fu la CCS (Course Corrected Shell), detta anche ‘CORRETTO‘, frutto di un programma congiunto dell’OTO e della British Aerospace che iniziò nel 1985 per realizzare un proiettile dotato di piccoli razzi per deviare la sua traiettoria attraverso comandi radio inviati dalla nave. Il sistema si rivelò troppo complesso e inaffidabile e l’OTO Melara studiò un nuovo sistema chiamato DAVIDE (solo per il mercato italiano) e, in seguito, la versione STRALES per l’esportazione; la munizione guidata fu chiamata DART (Driven Ammunition Reduced Time of flight); in parole semplici, il suo proiettile viene guidato con dei radiocomandi fino al bersaglio e possiede una spoletta di prossimità per l’ingaggio a basso livello (fino a 2 metri sopra la superficie del mare, cosa che lo rende interessante anche contro bersagli navali di limitate dimensioni) e con una velocità di 1.200 m/s (può arrivare ad una portata di 5 km in soli 5 secondi con manovre fino a 40 G). Il proiettile DART è composto da due parti: quella anteriore è libera di ruotare e ha due piccole ali “canard” per il controllo del volo, mentre quella poppiera ospita la testata da 2,5 kg, sei ali fisse e i ricevitori radio. Questo tipo di munizioni sono state testate sin dal 2014 raggiungendo una notevole maturità e affidabilità.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è caio-duilio-76_62_Super_Rapido-1024x683.jpg

Esercitazione di tiro del 76/62 super rapido del Caio Duilio, 2011
Caio Duilio 76/62 Super Rapido.jpg – Wikimedia Commons

Conclusioni

Sebbene i particolari sull’ingaggio del drone Houthi con uno dei cannoni da 76/62 SR di nave Caio Duilio siano ancora giustamente non diffusi, l’impiego dell’arma ne ha confermato l’efficacia anche contro questi insidiosi bersagli, tutto sommato con un costo enormemente inferiore di quello di un missile ASTER. Con questo breve articolo, spero di aver risposto a molte delle domande che abbiamo ricevuto da più parti, sottolineando comunque che il successo dell’impiego di qualsiasi armamento è dovuto in gran parte anche alla capacità e all’addestramento del personale che lo impiega. Non a caso da sempre un punto di forza della marina militare italiana.    

Andrea Mucedola

 

si ringraziano l’amm. ris Fernando Cerutti e l’amm. ris Giuseppe Manca per la consulenza

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

Loading

(Visited 1.537 times, 1 visits today)
Share
5 3 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
1 Comment
più recente
più vecchio più votato
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti
Fernando Cerutti
contributore
04/03/2024 11:31

Dal CdS. Drone scoperto a circa 14-15km con profilo di volo a bassa quota. Interrogato per essere sicuri che non fosse un aereo ed atteso che si avvicinasse a portata dei sensori infrarossi (erano al tramonto) per ulteriore conferma. Ingaggiato con 6 o 7 colpi.

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia Contemporanea
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
4 visitatori online
4 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:17 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
1
0
Cosa ne pensate?x