Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La Tribuna dei Rostri

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: ROMA IMPERIALE
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Rostri

 

Fino alla seconda metà del IV secolo a.C., i Romani avevano avuto solo alcune navi da guerra, in numero strettamente commisurato alla necessità di proteggere le tratte più rischiose delle rotte marittime dirette ad Ostia in modo da garantire l’afflusso dei rifornimenti indispensabili alla sopravvivenza di Roma.

Ma quando, nel 340 a.C., i territori della costa laziale, da Ardea fino ad Ostia, furono oggetto di incursioni condotte dai Volsci di Anzio, che disponevano di una potente flotta militare, si rese evidente che Roma doveva al più presto rafforzare il proprio controllo sul mare. Solo due anni dopo i Romani espugnarono la città di Anzio e ne catturarono tutta la flotta: le navi efficienti furono trasferite a Roma ed immesse nei Navalia della città, mentre quelle più vecchie e malandate furono bruciate dopo aver smontato dalle prore i relativi rostri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è colonne-rostrate1.jpg

Ricostruzione di un’antica colonna rostrata (Roma, Museo della Civiltà Romana)

Questi robusti speroni di bronzo furono anch’essi portati a Roma e fissati sulla parete frontale della grande tribuna degli oratori, che da allora in poi venne chiamata “i Rostri” (in latino Rostra).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti03_epigrafe-duilio-1024x855.jpg

Base della colonna rostrata di Caio Duilio: resti dell’iscrizione in latino arcaico riprodotta durante il principato di Augusto, quale replica della dedica originale (Roma, Musei Capitolini)

Questo monumento, che all’epoca era sistemato di fronte alla Curia del Senato, al limite tra l’area del Comizio e la piazza del Foro romano, venne ampliato proprio in quell’occasione. La stessa struttura subì un altro rifacimento verso il 263 a.C., acquisendo una forma ad arco di cerchio, concentrica con la nuova pianta circolare del Comizio; lo si vede anche sul rovescio di un denario d’argento del 45 a.C. (conio di Lucio Lollio Palicano, forse figlio di Marco in onore del quale venne emessa quella moneta), ove sono chiaramente riconoscibili tre dei rostri fissati sui pilastri delle arcate frontali della tribuna, vista dal Foro.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lollia_m1-denario-rostri.jpg

denario d’argento  gens Lollia –  Lucio Lollio Palicano 45 a.C.

La storica tribuna fu infine risistemata da Cesare ed Augusto al centro del lato occidentale della piazza del Foro, laddove la vediamo tuttora. I vecchi rostri navali anziati mantennero quindi tale collocazione per tutta la durata dell’Impero, venendo infine affiancati da altri rostri più giovani di otto secoli: quelli delle navi vandaliche catturate in occasione dell’ultima vittoria navale conseguita dai Romani, nella seconda metà del V secolo, e per i quali – secondo un’interpretazione non condivisa da tutti gli studiosi – sarebbe stato costruito quel prolungamento della fronte della tribuna (verso l’arco di Settimio di Severo), comunemente chiamato Rostra Vandalica.

La gelosa conservazione dei più antichi trofei navali e la loro ostentazione nel cuore dell’Urbe, per più di otto secoli, mostrano l’eccezionale rilevanza attribuita dai Romani alla cattura delle navi di Anzio, sebbene tutta la successiva storia di Roma sia stata costellata da imprese navali di gran lunga più gloriose e qualificanti. Eppure perfino Plinio il Vecchio, che negli anni 78-79 comandò la flotta Misenense, la più potente delle flotte imperiali romane, confermò l’importanza del successo conseguito sulla piccola flotta anziate, scrivendo che i rostri delle navi, fissati davanti alla Tribuna, ornavano il Foro come una corona conferita allo stesso Popolo Romano.

Come mai tanta enfasi?
In effetti, in quel lontano 338 a.C., tutte le migliori navi da guerra catturate ad Anzio furono inglobate nella marina romana: trasferite ad Ostia, le unità risalirono poi il Tevere fino a Roma, per entrare nei locali Navalia, che erano gli scali di alaggio protetti utilizzati dal naviglio militare come base navale ed arsenale. Essi si trovavano sulla riva meridionale del Campo Marzio, immediatamente a monte dell’Isola Tiberina, laddove il fiume doveva formare una spiaggetta (arenula) particolarmente favorevole all’iniziale sistemazione di semplici attrezzature per tirare in secco le navi. Dei Navalia dell’Urbe noi conosciamo l’aspetto che essi assunsero in epoca successiva, quando dall’esterno essi apparivano come una serie di grandi arcate sotto a ciascuna delle quali spuntava la prora rostrata di una nave da guerra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti03_tempio_di_giano-1024x679.jpg

Resti del tempio di Giano eretto da Caio Duilio nel Foro Olitorio e successivamente restaurato da Augusto e Tiberio (Roma, sul lato destro di S. Nicola in Carcere)

La subitanea acquisizione di un consistente numero di unità navali pienamente efficienti pose Roma nella condizione di subentrare ad Anzio nel ruolo di maggiore potenza navale del Tirreno. A tal fine, la città vinta fu subito posta sotto stretto controllo, inviandovi una colonia e vietando agli Anziati l’uso del mare. Successivamente, per le esigenze di gestione e manutenzione della flotta romana venne istituita la nuova carica dei “duumviri navali” (312 a.C.), nominati dal popolo ed investiti dell’imperium. Questa magistratura era destinata a rimanere in vita per più di un secolo, venendo man mano superata da quelle successivamente istituite per il comando delle flotte maggiori (praefectus classis) e poi anche per la difesa delle coste (praefectus orae maritimae).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rostro-egadi-12_photo-kirill-egoru-1.jpg

acque delle Egadi – Kirill Egorov – missione di ricerca Battaglia delle Egadi 

Dalle pur limitate notizie di cui disponiamo sull’impiego della flotta romana fra il IV secolo a.C. e le prime due decadi del secolo seguente, risulta ben chiaro che essa assolse delle missioni alquanto diversificate, ma tutte intese al sfruttare il potere marittimo ai fini della politica estera di Roma.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rostro-egadi.jpg

ritrovamento del rostro 12 nelle acque delle Egadi – Sovrintendenza del mare della Regione Sicilia

In particolare, conosciamo i seguenti quattro buoni esempi di impiego delle forze navali romane:

– l’operazione di dissuasione eseguita da una flotta comandata dal duumviro navale Publio Cornelio (311 a.C.), che penetrò all’interno del golfo di Napoli e fece un’incursione dimostrativa sulla costa pompeiana;

– la ricognizione navale delle coste della Corsica compiuta in epoca imprecisata da parte di una flotta romana di venticinque navi per verificare la possibilità di fondarvi una colonia;

– la missione di Stato assegnata durante una pestilenza alla trireme inviata nel mare Egeo per prelevare ad Epidauro la statua di Esculapio (292 a.C.), e tornata nei Navalia recando a bordo il serpente (espressione della stessa divinità) che si recò spontaneamente sull’Isola Tiberina, laddove venne poi eretto il tempio del dio della medicina;

– la crociera effettuata da una flottiglia di dieci navi nel golfo di Taranto, al comando del duumviro navale Lucio Cornelio (282 a.C.), in segno dell’attenzione di Roma nei confronti dell’alleata città di Turi, minacciata dai Lucani.

Dall’inatteso attacco subito da queste navi ad opera della poderosa flotta di Taranto scaturì la dichiarazione di guerra da parte di Roma ed il successivo sbarco di Pirro in Italia, chiamato in aiuto dai Tarantini. Durante il conflitto, i Romani rinnovarono l’alleanza con i Cartaginesi, ma rifiutarono l’aiuto che questi offrirono inviando ad Ostia una flotta di 130 navi: evidentemente Roma non voleva subire condizionamenti in mare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti03_rostro_egadi4-1024x833.jpg

Rostro “Egadi 4”, appartenuto ad una unità minore romana partecipante alla battaglia navale delle Egadi e rinvenuto sui fondali a NW di Levanzo grazie alle intuizioni del compianto prof. Sebastiano Tusa (Favignana, Museo ex Stabilimento Florio)

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti03_rostro_egadi6-1024x773.jpg

Rostro “Egadi 6”, recuperato anch’esso nelle acque di Levanzo e decorato – come il rostro Egadi 4 – con una benaugurante Vittoria alata (Favignana, Museo ex Stabilimento Florio)

Essendosi infine liberati di Pirro, sconfitto a Benevento dopo cinque anni di campagne inconcludenti, i Romani assediarono la città di Taranto e riuscirono ad espugnarla, nonostante gli aiuti che la flotta punica recò ai Tarantini (272 a.C.).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti03_tempio_di_giuturna-1024x576.jpg

Resti del Tempio di Giuturna, eretto nel 241 a.C. da Gaio Lutazio Catulo dopo il suo trionfo navale per la vittoria delle Egadi che pose fine alla prima guerra Punica (Roma, area sacra di Largo di Torre Argentina)

Roma, a quel punto, aveva acquisito il dominio dell’intera Penisola, ma la propria ulteriore espansione doveva fare i conti con l’incombente minaccia degli infidi Cartaginesi, potentissimi sul mare.

Domenico Carro

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

 

 

 

print
(Visited 76 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »