Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Scoperto un ecosistema insolito sotto i ghiacci antartici

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: ANTARTIDE
parole chiave: Ghiacciaio Larsen

 

Gli effetti dei cambiamenti climatici stanno rivelando segreti per lungo tempo nascosti in Antartide. Spesse lastre di ghiaccio si sono assottigliate e permettono agli scienziati di penetrare in profondità. Live Science ha pubblicato la notizia che, durante alcune perforazioni è stato scoperto un “mondo nascosto” in un fiume sotterraneo che scorre sotto la superficie ghiacciata, un cunicolo buio e frastagliato abitato da sciami di minuscole creature simili a gamberetti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è larsen.jpg

Ghiacciaio Larsen B

La scoperta è avvenuta sotto la piattaforma di ghiaccio Larsen, un’enorme superficie di ghiaccio galleggiante attaccata alla costa orientale della penisola antartica che nel 2021 diede vita all’iceberg più grande del mondo. Il ghiacciaio fu scoperto e mappato da Ernest Shackleton durante la spedizione Nimrod, svolta da 1907 al 1909. Il suo nome è associato con il monte Larsen, ai piedi di cui scorre, chiamato in onore di Carl Anton Larsen, comandante della baleniera norvegese Jason, che nel dicembre del 1893 navigò lungo il fronte ghiacciato della Penisola Antartica fino alla latitudine di 68°10′ Sud, quota fino ad allora mai raggiunta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è larsen-1.jpg

Ghiacciaio Larsen B

Nell’estate del 2002 nell’emisfero australe, gli scienziati osservarono con stupore quasi l’intera piattaforma di ghiaccio Larsen si stava frantumando e crollò in poco più di un mese, circa 3.250 chilometri quadrati che si disintegrarono rapidamente. L’evento fu catturato in una serie di immagini dal Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS) del satellite AQUA della NASA tra il 31 gennaio e il 13 aprile 2002. All’inizio la piattaforma di ghiaccio presentò delle linee parallele di punti blu (pozze di acqua di disgelo disposte in linee perché l’acqua defluiva nei crepacci esistenti). Inoltre mostrarono un insolito solco nel ghiaccio vicino al punto in cui incontrava la terra ferma, interpretato come un fiume sotterraneo. Da allora sono iniziate delle ricerche mirate come quelle del National Institute of Water and Atmospheric Research (NIWA) di Auckland, Nuova Zelanda.

Il team del NIWA ha perforato circa 500 metri sotto la superficie del ghiaccio utilizzando un potente tubo di acqua calda per raggiungere quella cavità sotterranea. Dopodiché hanno inviato una telecamera attraverso il tunnel ghiacciato e nella caverna. Improvvisamente sono apparse sugli schermi centinaia di minuscole macchie sfocate che hanno oscurato lo schermo video.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Discovery-of-hidden-world-under-Antarctic-ice-has-scientists-jumping-for-joy.gif

Dopo aver rifocalizzato la fotocamera, si sono resi conto che l’obiettivo era invaso da minuscoli crostacei noti come anfipodi. Secondo Craig Stevens, oceanografo fisico presso il NIWA di Auckland, si tratta di un ecosistema inaspettato che potrebbe confermare la teoria che sotto il continente antartico esista una vasta rete di canali, laghi e fiumi sotterranei. Huw Horgan, un glaciologo della Te Herenga Waka – Victoria University di Wellington, Nuova Zelanda, ha affermato di aver individuato per la prima volta indizi di questa particolare struttura del sottosuolo nel 2020 mentre guardava una foto satellitare dell’area.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è larsen-glacier.jpg

Ghiacciaio Larsen B

In particolare, si notava una lunga depressione che si estendeva sul ghiaccio, un segno distintivo della presenza di un fiume sotterraneo. I ricercatori hanno quindi perforato il ghiaccio per oltre 500 metri fino a raggiungere la caverna.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Ice-water-jet-1024x768.jpg

perforazione sul ghiacciaio . credit NIWA

Considerando le possibili dinamiche della massa d’acqua, si aspettavano di osservare che le pareti fossero lisce e piatte. Invece, hanno scoperto che la parte superiore era molto irregolare, presentando molte ondulazioni con angoli ripidi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è The-underside-of-the-rivers-icy-roof-looked-nothing-like-what-the-researchers-were-expecting.jpg

la parte superiore del fiume sotterraneo – credit NIWA

La parte superiore è di dimensioni maggiori e tende ad assottigliarsi verso il basso. Inoltre hanno scoperto che al suo interno vi sono quattro o cinque strati distinti di acqua che scorre in direzioni opposte. “Questo cambia la nostra attuale comprensione e modelli di questi ambienti“, ha detto Stevens. Ma le sorprese non si sono limitate a questo. Per puro caso il team di ricerca ha iniziato il suo lavoro un paio di giorni prima dell’eruzione da record del vulcano Hunga Tonga-Hunga Ha’apai il 15 gennaio scorso (2022).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Hunga-Tonga-Hunga-Haapai-2022.jpg

l’eruzione del Hunga Tonga-Hunga Ha’apai il 15 gennaio 2022 vista dallo spazio – NASA credit

Le onde di pressione causate dall’esplosione hanno fatto risuonare l’atmosfera terrestre come una campana. Ed è stato sorprendente scoprire che i sensori posizionati sulla superficie del ghiaccio avevano registrato onde di pressione simili che si muovevano attraverso la camera sotterranea.

La scoperta di questo ecosistema sotterraneo apre la possibilità di studiare come i nutrienti nell’acqua viaggiano nelle reti idriche dell’Antartide e supportano le forme di vita sotterranee.

 

Originariamente pubblicato su Live Science.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 96 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »