If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Appunti di viaggio, riflessioni costiere, di architettura ed altro: in viaggio sul litorale romano

Reading Time: 6 minutes

.
livello medio
.
ARGOMENTO: REPORTAGE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: LITORALE LAZIALE
parole chiave: reportage, spiagge
.

Lo spostamento legato al viaggio è forse il modo migliore per cogliere la forma di un territorio attraverso l’insieme dei frammenti percepiti lungo il proprio cammino. Una sorta di rinnovato nomadismo che recupera il senso costruttivo e percettivo delle antiche (mare) e delle nuove (strada) percorrenze. Il Mare è il luogo principale di questo mio viaggio e la navigazione a vela ricompone i singoli frammenti in un’immagine complessiva che contiene architettura e geografia, caratteri della costruzione e disegno del territorio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fiumara-grande.png

Fiumara Grande

Per viaggiare ho dovuto dispormi attraversando ciò che mi circonda e lasciarmi attraversare, penetrare dalle immagini e dalle sensazioni, senza preconcetti e assumere un linguaggio architettonico di “grado zero”, stabilendo così un rapporto diretto, un contatto con le cose reali, naturali ed artificiali. Lo spostamento lento e sensoriale, il farsi trascinare da una fresca e favorevole brezza costiera mi consente di registrare ogni elemento che incontro lungo il percorso, di intuire l’esistenza delle relazioni tra gli elementi, le leggi che regolano la disposizione delle “cose” sul suolo. L’osservare le cose, preferire il vedere al pensare, costituisce un punto di partenza obbligato per questa esperienza: vedere significa sempre immergersi nel mondo, pensare, invece, prenderne le distanze.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è litorale-romanao.png

Questo viaggio comincia all’alba, mollando gli ormeggi da un precario pontile in legno nel canale di Fiumara grande. Lascio un paesaggio fluviale ricco di straordinaria vivacità, esempio di un “fai da te” costruttivo, dove l’assenza di una gestione unitaria degli interventi dichiara precarietà e temporaneità, il non-compiuto, l’abbandono!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è litorale-capannoni.png

Capannoni, baracche, lamiere ondulate, antiche bilance, vecchie reti, relitti e migliaia di  imbarcazioni a vela; tutti  elementi puntuali di un discorso ricucito lungo l’argine del Tevere, passivo spettatore di un suggestivo “non-luogo” antropologico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bilance-da-pesca.png

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è relitto-tevere.pngMi posiziono a circa tre miglia di distanza dal lido di Ostia e, spinto da un leggero vento di maestrale, avanzo lentamente verso sud ad una velocità di sei nodi e percepisco sottovento, alla mia sinistra, un’immagine completa e chiara di ciò che osservo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ostia-litorale.pngUna striscia di terra, densa di segni, come concrezioni lineari sinuose (dune sabbiose) ed incisioni rettilinee (costruito), una linea di costa chiara e sabbiosa, un edificato eterogeneo ma in un monotono disegno d’insieme, come un basso filo di “edilizia minore”, spontanea, abusiva o … ufficiale di ricucitura che si poggia in-discretamente sulla battigia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è litorale-di-stia-dal-mare.pngUn notevole dizionario della logica costruttiva dell’Uomo; isolate architetture del bel razionalismo accademico e concorsuale ed altre interessanti “neo-liberty-ne“ in forme astratte e fantasie eclettiche, insieme ad interi comparti post bellici d’espansione e speculativi.

Dai primi anni del 900 architetti di prestigio intervennero per progettare e migliorare l’assetto urbanistico della cittadina: Moretti, Lapadula, Libera, Piacentini, Milani, etc. Molti di questi pezzi di storia ancora possiamo osservarli, alcuni sono stati bombardati come lo stabilimento Roma (1943), altri demoliti e ricostruiti oppure sostituiti da edifici completamente diversi che stravolgono l’armonia e il progetto originario.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Ostia-Stabilimento-balneare-22Roma22-011-1024x640.jpg

Ostia, stabilimento Roma

Dal suburbano al non-pianificato, dall’Architettura degli architetti a quella dei geometri e costruttori, da un’edilizia su commissione ad una spontanea molto spesso più onesta, chiara, logica ed esplicita nel dichiarare il valore estetico della propria funzionalità. Incontro così un’edilizia abitativa sparsa a profusione ed una turistico-ricettiva di moderno ed efficace linguaggio comunicativo, insieme ad altri più pallidi esempi contemporanei di tentata concezione mediatica, almeno nella loro definizione più spettacolare del termine.

Ostia si prepara, così, a vestirsi di moda! a difesa del territorio litorale.

La Facciata, come unico protagonista ufficiale della costruzione, è tipicamente  nordica, una moda d’oltralpe dei paesi “sotto illuminati“. In Italia, specie nelle nostre latitudini, la tradizione si trasforma nel semiaperto, nel portico, nel pergolato, nel chiostro come spazio confine verso cui guardano gli ambienti interni, in un discorso climaticamente consapevole. Oggi, rispetto al passato, viviamo un ribaltamento; la regola d’arte diventa diversa, in qualche modo assolvimento delle funzioni che determina in qualche modo l’estetica. L’origine dell’idea in architettura e in edilizia ha dei padri completamente diversi da quelli del passato, con l’unica limitazione, a mio giudizio, data dal “contesto” che in qualche modo si fa attore importante del concepimento architettonico contemporaneo.

La stessa definizione terminologica contesto mi induce a pensare in termini trasgressivi: un’operazione, un gesto contestuale ad un contesto equivarrebbe ad una sovrapposizione di due colori uguali, due note identiche, in una monocorde univocità di segnali che non crea messaggio o informazione; strana assonanza “contestare il contesto“! Un contesto, per essere definito, quindi, deve necessariamente contenere dei parametri digressivi, dissonanti per poter essere da noi letto.

L’Architettura, come l’arte, la cinematografia e qualunque altra manifestazione estetica, ha prodotto costantemente opere in digressione con i contesti, con interventi leggibile come operazione di trasgressione. Non sarebbe esistito il Guggenhaim di Wright se il contesto New York non si fosse posto, provocatoriamente, con i propri assi stereometrici, e non sarebbero esistite le opere di Aalto, Loos, Le Corbusier, tutte leggibili in questa logica comune di trasgressione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è guggenheim-museum-new-york.png

Il Guggenhaim Museum di New York –  Foto da Guggenheim

L’Arte poi se ne fa un obbligo
La città e i luoghi dell’abitare per essere vivificati, per seguitare ad esistere, per seguitare a corromperci necessitano di trasgressioni ; troppo facile adeguarsi al postulato, alla tradizione, alle norme, ai codici e ai conformismi e formalismi “urbatettonici“. Ad Ostia, il costruito viene concepito dunque in “contesto”, senza compromessi astratti. Percorro altre cinque miglia e d’improvviso s’interrompe quel compatto nastro di cemento per dare spazio improvviso al grande vuoto “istituzionale” della tenuta del Presidente.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è arenile-del-Presidente.pngUn respiro incontaminato, per poi riprendere d’affanno con discreti e mimetici disturbi dei noti sette cancelli romani, moderni  “vomitoria”  d’accesso alla lunga e profonda battigia di sabbia finissima di Castel Porziano, luogo culto d’incontro delle tintarelle romane.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è capocotta.pngIncontro l’oasi naturale di Capocotta, le spiagge dei nudisti, gay friendly, dei chioschi, dell’Effimero e della cultura underground, per poi disperdermi nuovamente nella città lineare costiera dei capimastri e artigiani … da Torvaianica ad Ardea e Lavinio. Un territorio urbanizzato, con un assetto insediativo regolare, compatto ma che trasgredisce i codici vigenti di  corretta espansione, acquistando significato quanto più incarna la deroga.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ardea.pngNell’architettura ufficiale domina il disegno con le sue proporzioni, simmetrie, sequenze ripetitive, schemi tipologici, etc. mentre nell’edilizia minore, popolare, spontanea o abusiva di sanatoria, il disegno conta poco non è mai a priori; perciò la materia, la grana, il colore, dominano; la pastosità, la capacità di assorbire e riflettere o respingere la luce; le screpolature, le scolature, gli effetti della pioggia e del vento, i segni dell’invecchiamento, il fascino di un estetica anarchica .

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è litorale-di-ardea.pngIl tono depresso, la situazione edilizia dismessa e abbandonata , il carattere da non-luogo, di borgata spontanea, ufficiale o abusiva, rendono, a mi9o parere, questo tratto di costa, singolarmente attrattivo. L’insediamento informe e disorganico, il rifiuto dei tradizionali connotati di corretta espansione, testimoniano paradossalmente una forte libertà da pregiudizi formali e da molti strumenti urbanistici. Riesco così, per assurdo, a cogliere anche positivi risvolti sociali come testimonianze di una “urbanistica democratica e popolare”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è litorale-ardea.png

Gli abitanti agiscono in un regime di totale disponibilità di aree senza sottostare a nessun tipo di vincolo urbanistico-edilizio, questo consente loro di provvedere autonomamente, senza condizionamenti da leggi di mercato, al reperimento dei materiali da costruzione. Essi approfittano quindi di una grande libertà di progettazione ed esecuzione delle opere, dando vita ad un impianto urbanistico perfettamente adeguato, purtroppo, alle loro esigenze abitative, sociali, di cultura e di tradizioni privo di ogni attenzione formale di tipo accademico, ma casualmente nato per mere esigenze private e personali di un’Architettura senza Architetti.

Sacha Giannini
.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 87 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »