Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Jeanne de Belleville, la nobildonna che mise a ferro e fuoco la Manica

Reading Time: 5 minutes

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVII SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: pirateria
,

Negli articoli precedenti, abbiamo incontrato personaggi molti diversi: dalla signora di Canton, donna di umili condizioni che, costretta alla prostituzione, dopo essere stata rapita da un pirata, trovò nella nuova professione un modo di “riscattare” la sua condizione di schiava, ad Anne Bonny e Mary Read, donne di estrazione borghese se non popolare che misero a ferro e fuoco i Caraibi, imponendosi in un ambiente che era decisamente maschile. Oggi raccontiamo la storia di Jeanne de Belleville, una nobildonna brettone del XIV secolo che, per motivi che scoprirete presto, praticò la pirateria con una tale ferocia da essere soprannominata “la Leonessa sanguinaria della Bretagna”. Una vita decisamente singolare e avventurosa che viene ancora ricordata nella tradizione della Bretagna.

La giovinezza
Jeanne Louise de Belleville Clisson de Montaigu nacque nel 1300 a Belleville-sur-Vie nel Vendée. A soli dodici anni fu data in sposa al suo primo marito, di soli 19 anni, Geoffrey de Châteaubriant VIII, un nobile brettone. La giovane coppia ebbe due figli, Geoffrey IX, che ereditò le proprietà di suo padre e il titolo di barone,  e Louise che sposò Guy XII de Laval e, dopo la morte in battaglia del fratello, ne ereditò la tenuta come baronessa. Jeanne, dopo la morte di Geoffrey sposò nel 1328 Guy di Penther. Non si sa molto di lui ma fu un matrimonio breve perché, dopo un’indagine ecclesiale, nel 1330 fu annullato da Papa Giovanni XXII.

jeanne_de_bellevilleDue anni dopo, la ancora avvenente Jeanne, si sposò con Olivier de Clisson IV, un ricco proprietario terriero brettone, in possesso di un bel castello a Clisson ed una lussuosa casa padronale a Nantes. Olivier, durante la guerra delle “due Giovanne” per il predominio sulla Bretagna, nel corso della guerra dei cent’anni, si era schierato con i Francesi contro gli Inglesi, rappresentati in Bretagna da John de Montfort. La famiglia de Clisson non era pienamente d’accordo sulla sua scelta ed il fratello di Olivier, Amaury de Clisson, si alleò con John de Montfort contro i Francesi. Nel 1342 gli Inglesi, dopo quattro furiosi tentativi, espugnarono Vannes e catturarono Olivier, uno dei comandanti militari della città. Per motivi non chiariti, la sua prigionia durò però poco tempo: Olivier fu rilasciato dopo uno scambio di prigionieri ed un versamento alquanto sospetto di una minima somma di denaro. La richiesta di riscatto apparve molto modesta, considerando il suo rango, e fu mal interpretata dai Francesi. Si sparse la voce che in realtà era stato un gesto di clemenza stranamente eccessivo che faceva sospettare un rapporto troppo accondiscendente verso gli invasori Inglesi. Una macchia indelebile di tradimento, basata solo su sospetti e senza prove, che segnò la vita futura di Olivier.

Execution-Olivier-de-Clisson-1343

Il 19 gennaio 1343 fu firmata la tregua di Malestroit tra l’Inghilterra e la Francia. Calmate le acque, iniziarono le purghe interne contro coloro che avveano dimostrato simpatia verso gli Inglesi. Olivier e quindici altri signori brettoni furono invitati con l’inganno ad un torneo ma, al loro arrivo, furono arrestati e accusati di aver fornito informazioni segrete agli Inglesi. Portati a Parigi i malcapitati non ebbero molte possibilità di difendersi. La loro condanna era già stata segnata e furono torturati e giudicati colpevoli di alto tradimento. Inutile dire che sotto tortura Olivier e gli altri furono costretti a confessare e, il 2 agosto 1343, il povero Olivier fu decapitato a Place des Halles. Il suo corpo fu esposto al pubblico con un trattamento normalmente riservato ai criminali di bassa classe e non certo ai nobili.

E tutto iniziò …
La testa di Olivier venne esposta su una lancia alla porta di Sauvetout coem un qualsiasi malfattore. Si racconta che Jeanne, sconvolta dall’evento, volle portare con sè i suoi due figli, Olivier e Guillaume, per mostrare loro la testa del padre. Impazzita da tanto orrore, Jeanne giurò vendetta contro re Filippo VI e Charles de Blois, il suo referente in Bretagna, considerando quell’omicidio un’azione codarda mossa solo da vili motivi politici. Jeanne, ritornata in Bretagna, vendette le proprietà dei Clisson e con pochi uomini fedeli iniziò ad attaccare le forze francesi. Non fu difficile in quanto i Francesi non erano ben visti in quella regione. Inizialmente Jeanne assediò un castello occupato da Galois de la Heuse, uno degli ufficiali di Charles de Blois, massacrandone senza pietà tutta la guarnigione con una sola eccezione, un soldato, in modo che potesse raccontare nei dettagli l’accaduto a de Blois.

.
Le file dei suoi sostenitori si gonfiarono rapidamente, e in migliaia corsero dai villaggi della costa sotto il suo comando. Con i soldi ricavati dalla vendita di tutti i suoi beni, Jeanne de Belleville comprò tre navi, mettendo insieme ciurme scelte di uomini fedeli e spregiudicati per dedicarsi alla pirateria. Nacque così la Black Fleet, una flotta composta da vascelli pirata i cui scafi erano dipinti di nero e le vele di rosso. La sua nave ammiraglia fu chiamata, non a caso, My Revenge. Le navi della Black Fleet incominciarono a pattugliare la Manica, attaccando senza pietà le navi francesi. Il copione era sempre lo stesso: dopo l’arrembaggio gli equipaggi venivano massacrati lasciando in vita solo pochi testimoni per trasmettere la notizia della strage al re francese. Proprio per questo motivo le sue navi ottennero in breve una pessima reputazione. I membri della nobiltà francese che cadevano nelle loro mani non venivano messa a riscatto, come normalmente in uso tra i pirati, e Jeanne stessa li faceva decapitare con un’ascia prima di buttarli in mare. Qualche volta se ne occupò direttamente. Queste abitudini sanguinarie le portarono l’appellativo popolare di “Bloody Lioness of Brittany“. Jeanne praticò la pirateria in prima persona per ben tredici anni, guidando spesso la ciurma all’arrembaggio ed attaccando senza pietà i villaggi costieri della Normandia. Nel 1346, durante la battaglia navale di Crecy, a sud di Calais, Francia settentrionale, Jeanne usò le sue navi per rifornire le forze inglesi ed attaccare le navi francesi. Si racconta che, dopo l’affondamento della sua nave ammiraglia, Jeanne con i suoi due figli rimase alla deriva per cinque giorni. Suo figlio Guillaume morì di stenti ma Jeanne e Olivier furono salvati e riportati a Montfort.

1283_Jeanne-de-Belleville.
Per questa feroce e spietata nobildonna brettone vi aspettereste un finale in sordina, soprattutto dopo tredici anni di battaglie a terra ed in mare. Nulla di tutto ciò. Nel 1536 la nobildonna Jeanne de Belleville, all’età di 56 anni, si sposò nuovamente ma con un inglese, Sir Walter Bentley, uno dei deputati militari del re Edward III. Bentley, aveva vinto la battaglia di Mauron nel 1352, e ricevuto per i suoi servizi molte terre e castelli. In altre parole era un ottimo partito da sposare. La bella Jeanne, sotterrata la sciabola, si stabilì quindi presso il Castello di Hennebont, una città portuale sulla costa di Bretagna, dove si spense nel 1359.

Così morì la leonessa della Bretagna ma … la sua anima non sembra essere in pace. Alcuni giurano che il suo fantasma infesti ancora il castello di Clisson portando con se un’ascia per decapitare i nobili francesi. Col senno del poi è il caso di dire …  Que Dieu sauve la France.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 1.690 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »