Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Osmosi: il danno come nuova opportunità?

tempo di lettura: 7 minuti

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Osmosi
.

L’osmosi rimane, pur se circoscritto sempre più, un problema ancora attuale almeno fino ad “esaurimento scorte” di quell’usato anni ’80 e ’90 (che rappresenta almeno il 40% del parco nautico italiano) spesso il più contagiato dall’osmosi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG-20230318-WA0015-1024x575.jpg

è il caso di intervenire

Sebbene già da molti anni il fenomeno fosse ben noto insieme anche alle contromisure da adottare per prevenire e limitare, già in fase di produzione, spiacevoli sorprese per migliaia di armatori, si continuò ugualmente a stratificare con le stesse resine e metodi come se non fosse possibile altro. Per anni il sospetto di essere innocenti vittime di efficaci strategie commerciali con note tecniche di “obsolescenza programmata” ha accompagnato il pensiero di molti diportisti, che si sono sentiti traditi proprio … in profondità! Per alcuni furbetti di turno è stata anche occasione favorevole per ridefinire il ciclo vitale di uno scafo in poliestere fissandone data e ora di fine vita, seminando terrore. L’arte persuasiva del commercio negli ultimi vent’anni ha poi consentito a quelle condizioni predisponenti costruttive di diventare così problematiche da convincere gradualmente molti armatori a percepire (per diversi motivi) come vecchio il proprio scafo per desiderarne uno sempre più nuovo, forse migliore e privo di difetti! Confrontarsi con l’osmosi, può significare per alcuni una sconfitta non solo economica e di tempo, ma anche emotiva che invece potrebbe trasformarsi e vedere il danno come nuova opportunità, recuperando e valorizzando l’intervento in un vero punto di forza. Come l’arte giapponese del frammento “Kintsugi“ ricopre d’oro le fratture di oggetti rotti lasciando a vista preziose riparazioni, così anche i trattamenti curativi potrebbero mostrare le proprie “cicatrici” risanate e rafforzate attraverso quell’oro ” trasparente e costoso conosciuto col nome di resina epossidica bicomponente.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SCAFO-SABBIATO-1024x768.jpg

dopo la sabbiatura

Oggi i nuovi materiali, oltre a strutturare la costruzione di una barca, potrebbero anche rigenerarla e decorarla. Fibre blu di composti di cobalto nei rinforzi strutturali o per trame decorative e stampaggi architettonici a vista, fibre di titanio prese dal settore aerospaziale o fibre naturali (come lino, sughero, canapa, ortica e bamboo) o miscele di chitosano estratto dell’esoscheletro dei crostacei, possono diventare i presupposti di un nuovo approccio verso un futuro non solo sostenibile ma anche “artistico” delle barche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 002_carteggiatura-orbitale-1024x768.jpg

dopo una carteggiatura orbitale

Alcuni di questi materiali hanno tra l’altro proprietà idro-regolatrici, cioè possono assorbire notevoli quantità di umidità senza però disgregarsi e forse possono evitare scissioni, idrolisi e processi degenerativi di stampo osmotico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 003_PRIMA-MANO-GELSHIED-200-1024x768.jpg

prima mano gel shield

Epossidica o Poliestere?

E’ ormai risaputo che l’osmosi non colpisce a tradimento, ma diversi segnali e controlli costanti permettono una diagnosi anche molto precoce. Appare in media dopo diversi anni e colpisce soprattutto barche datate costruite principalmente con poliesteri ortoftaliche applicate e lavorate non sempre correttamente. Tutti gli scafi minacciati, colpiti e curati sono stati risanati sempre e solo con la più nobile, resistente, impermeabile e aderente epossidica, ma sicuramente la più costosa tra tutte le altre in commercio. Rispetto al passato la poliestere oggi è sicuramente migliore e da diversi anni viene proposta, ancora solo da operatori illuminati e preparati, in sostituzione di note matrici polimeriche più nobili e costose grazie all’ottimo rapporto raggiunto di prezzo/prestazioni. Le poliesteri sono sempre più performanti ed innovative in termini di resistenza, impermeabilità e soprattutto di aderenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 004_PRIMA-MANO-ANTIVEGETATIVA-1024x768.jpg

prima mano vegetativa

La possibilità di combinare acidi, glicoli e monomeri reticolanti (quasi sempre lo stirene), rende in pratica infinito il numero di combinazioni e quindi di resine ottenibili. Al momento dell’utilizzo finale la resina deve essere sempre polimerizzata mediante una reazione di ossido-riduzione, prodotta da un perossido organico, un sale metallo-organico o un’ammina che portano alla formazione di radicali reattivi verso i polimeri. Il settore delle resine poliesteri insature da diversi anni sta rispondendo in maniera positiva al mercato nautico che richiede prodotti sempre più performanti e sicuri (resistenza meccanica, aderenza, impermeabilità e lavorabilità), a basso costo e con tutte le dovute attenzioni a problematiche ecologiche, limitando spesso l’utilizzo di alcune materie prime usate molto in passato come lo stirene. Questi polimeri, seppur conosciuti e utilizzati da oltre mezzo secolo, possano offrire oggi, per la loro innovazione, versatilità, economicità e facilità di impiego, interessanti opportunità e alternative d’utilizzo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-02-21-133736-1024x398.png

Quindi nuove matrici insature, pre-accelerate, con note e richieste proprietà tixotropiche (di regolazione della viscosità per ridurre le colature nella stratificazione in verticale e quindi sull’invaso), sciolte in stirene o più eco-friendly solvent free, iso-neopentiliche (a base di acidi e glicoli con ottime caratteristiche meccaniche e di resistenza al sole, all’acqua, ai prodotti chimici e all’invecchiamento in genere), ma soprattutto catalizzate alla perfezione con perossidi di qualità e in giusta quantità, potrebbero in alternativa anche ripristinare, con un ragionevole compromesso di tecnologia e costi di fornitura, la carena di tutte quelle barche datate, con valore di mercato spesso compromesso dall’età e dalla scoperta della “malattia”, che necessitano di trattamenti curativi.

Come si presenta l’osmosi?

Non tutte le vesciche visibili in carena sono causate da osmosi e lo sviluppo non è sempre certo e prevedibile, tanto che alcuni scafi possono presentare un eccessivo livello di umidità, suggerendo quindi la presenza di liquido contaminato e processi attivi, ma invece non svilupperanno bolle per molte stagioni o forse non le svilupperanno mai; in altri casi potrebbero esserci invece livelli molto inferiori di umidità con evidenti vesciche e acidi corrosivi. Per prima cosa la bolla dev’essere circolare (questo perché la pressione osmotica al suo interno è praticamente uguale in tutte le direzioni) e deve formarsi sotto lo spessore del gel coat, deformandone la superficie.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bolla-con-liquido-acido-472x1024.jpg

bolla di osmosi con liquido acido

Nella fase iniziale potrebbero essere piccole e rade e pertanto non sempre facili da individuare, invece nei casi più avanzati l’osmosi si presenta più chiaramente con bolle rotonde sotto il gel coat e piene di liquido untuoso al tatto simile al glicole, il cui colore vira, nel caso di fenomeni recenti, dal trasparente al giallo chiaro paglierino fino al marrone scuro, quasi nero, per quelli più datati. Inoltre deve avere un tipico odore acetico come quello di molti diluenti, solventi e acceleranti largamente utilizzati nella catalizzazione della resina poliestere.

Il laminato sottostante, in particolare i primi strati di mat, si presenta “sgranocchiato”, sbiancato con filamenti secchi e fibre ben visibili prive di resina. È proprio l’idrolisi che genera questi sottoprodotti acidi corrosivi che, se concentrati in cavità interstiziali del laminato, possono portare alla formazione delle temute bolle.

Ogni vescica dovrebbe essere aperta e verificata per escludere che si tratti di “controfigure” e trovarci di fronte a innocue bolle d’aria intrappolate nell’antivegetativa, oppure piene di solventi, diluenti o semplicemente di acqua. Altre ancora possono apparire come rigonfiamenti irregolari confuse nelle rugosità superficiali di vecchie antivegetative sovrapposte, in alcuni casi “spacciate” per osmosi, come quel tipico assorbimento per effetto traspirante delle fibre ultra sottili del MAT che attirando umidità lungo i singoli filamenti si gonfiano con un leggero motivo in rilievo sul gel coat fino a scomparire asciugandosi a terra (il noto fenomeno del wicking). Questo “assorbimento” indica non solo la degradazione del gel coat ormai compromesso ma anche la presenza di umidità nel laminato ed un primissimo sintomo o addirittura un precursore che accompagna, in condizioni predisponenti, anche una più probabile formazione di bolle osmotiche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 07_fine-tratt-preventivo_fasce.jpg

non dimentichiamo di effettuare un trattamento preventivo

Consigli base e precauzioni di uso e consumo  

– Ridurre l’uso di diluenti e solventi. Durante la lavorazione si è sempre tentati di “diluire” per impregnare più facilmente le fibre, rendere più scorrevole il pennello e risparmiare materiale prezioso. Una volta evaporati gli eccipienti del caso, residui e impurità all’interno e sulle superfici, creano un terreno favorevole per idrolizzarsi pericolosamente portando un possibile rischio osmosi.

– La resina poliestere a base di acido isoftalico tende a sviluppare bolle molto meno di quella a base di acido ortoftalico. Ottima è la resina glicolneopentilisoftalica o la difenolica. Utilizzare sempre resine adatte e di qualità per ogni intervento in carena (esterno ed interno scafo)

– Le emulsioni collanti a base di acetato di polivinile per “confezionare” e compattare i filamenti del Mat sono più vulnerabili a sviluppare bolle di collanti in polvere di poliestere o altri sistemi.

– Il gel coat mescolato troppo energicamente quando si aggiunge perossido per la polimerizzazione (catalisi reattiva) ingloba pericolose bollicine d’aria, cavità pronte a custodire eventuali liquidi acidi e spiacevoli “pressioni osmotiche”.

– L’acqua dolce e calda, meno densa e più fluida, penetra meglio nel gel coat ed accelera il processo osmotico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è copertina-libro-sacha-OSMOSI-1024x705.jpg

Certo di non essere stato esaustivo in questi due brevi articoli, vi invito a leggere il mio ultimo libro “Osmosi: come orientarsi tra dubbi e soluzioni, consigli pratici per affrontarla” per ogni ulteriore approfondimento. Si tratta di un manuale divulgativo e informativo e quindi non è un prodotto da utilizzare per la diagnosi o per la prevenzione o cura, delle nostre barche. Si rivolge a tutti gli appassionati del proprio “guscio” in vetroresina per riflettere, capire il perché, dove e come nasce il problema. Buona lettura

Sacha Giannini

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

PARTE I PARTE II

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

Loading

(Visited 245 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

23 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia Contemporanea
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
23 visitatori online
23 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 36 alle 06:47 pm
Mese in corso: 65 alle 05-07--2024 10:16 am
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x