Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Relitti nel blu: il rimorchiatore Miseno

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: RELITTO
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR TIRRENO
parole chiave: Rimorchiatore Miseno, Marina militare italiana

 

Quella mattina del 26 novembre 1982, il rimorchiatore Miseno salpò dall’arsenale della Maddalena verso le otto e trenta circa per dirigersi verso il porto di Napoli scortato dal rimorchiatore Forte (comandante Spiga). Sembrava una splendida giornata e così fu fino a notte, quando il tempo incominciò a cambiare

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è miseno-1969.jpg

Il Comandante Spiga, in accordo con quello del Miseno, Giovanni Pisani, decise di rimorchiare il Miseno allo scopo di accelerare la navigazione e cercare di sopravanzare il cattivo tempo, dirigendo verso Ponza. Durante la notte la perturbazione li raggiunse con un mare molto agitato (4/5), piovaschi e vento di libeccio con una visibilità molto scarsa. Alle prime luci dell’alba le unità si trovavano a circa due miglia da Punta Imperatore dell’Isola d’Ischia e il Miseno si inclinò fortemente, circa quattro gradi sul lato di dritta, e dichiarò di imbarcare acqua in sentina che le pompe non riuscivano a svuotare .

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rimorchiatore-forte.jpg

Il Comandante Spiga decise quindi di effettuare un’ampia accostata in modo da far prendere abbrivio al Miseno, tranciare il cavo di rimorchio ed approfittare della forte risacca per mandare in secca il rimorchiatore. Nel contempo fu lanciato il May Day. Giunti al largo di Ischia, la situazione apparì disperata ed il rimorchiatore Miseno, ormai in balia delle onde, con un mare sei in aumento, si inclinò di prua. Cercarono di travasare il carburante dal serbatoio di sinistra a quello di dritta col tentativo di rimettere il rimorchiatore in assetto, ma senza successo.  La situazione era ormai disperata.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Alicudi-miseno.jpg

Alle prime ore dell’alba arrivò in zona Nave Alicudi che cercò di affiancarsi al Miseno in modo da ripararlo dalle onde. Ormai il rimorchiatore appariva ingestibile. Non rimase che radunare il personale a poppa sinistra ed ordinare l’abbandono della nave. Il personale si lanciò in mare e fu tutto salvato.

Una tragedia del mare che venne raccontata sul sito La Voce del marinaio, dal Capo di 1^ classe Umberto Cascella, ultimo Direttore di macchina del rimorchiatore Miseno.

Da quel momento i marinai, uno ad uno si sono tuffati in quell’acqua nera e minacciosa, battuta dal vento e dalle onde. Uno dei marinai era estremamente impaurito, sembrava non saper gestire col nuoto delle onde così forti, allora il comandante decise di tuffarsi con lui per incoraggiarlo ed aiutarlo. Io, mi tuffai per ultimo, ma non per eroismo, ero semplicemente terrorizzato all’idea di tuffarmi in quel mare imbestialito. Alla fine, però, trovai il coraggio, mi sedetti sulla base metallica di poppa e mi lanciai in acqua a candela, prendendo lentamente le distanze dalla nave. Ormai distanti dal Miseno a misura di sicurezza, mentre vere montagne d’acqua ci portavano su e giù, tutti abbiamo visto il lento ma inesorabile affondamento del rimorchiatore. Fummo tutti tirati in salvo da alcune navi della Marina Militare e di altre imbarcazioni che accorsero in nostro aiuto.”

Da quel momento il Comandante aveva lanciato la richiesta di aiuto, La notte era molto buia non riuscivo a vedere il Miseno e l’altezza delle onde, si capiva che il mare era in burrasca dagli schizzi dell’ acqua che arrivavano in plancia, dal rollio della nave e dal fatto che non riuscivamo a stare in piedi e tutto volava via. Per tutta la notte e la mattina procedevamo a velocità ridotta, intorno a mezzogiorno eravamo arrivati vicino alla costa sembrava che il peggio fosse passato. Il mare era ancora molto mosso ma la presenza della nave Alicudi al fianco del rimorchiatore Miseno che lo riparava dalle onde ci faceva sentire più sicuri. Per raggiungere il porto di Napoli a quella velocità ci volevano ancora diverse ore, intorno alle tredici da terra ci fu dato l’ordine di cambiare rotta e di andare al porto d’Ischia, come abbiamo cambiato rotta all’improvviso il Miseno si rovescio sul lato di dritta e tutto l’equipaggio con i giubbotti indossati si misero sul fianco del Miseno. Il nostro Comandante cominciò ad urlare “tagliate il cavo-tagliate il cavo”, recuperammo prima il cavo d’ acciaio fino ad arrivare a bordo il cavo in nailon e il Sergente Nicola con il Sergente Mattera con una scure hanno tagliato il cavo. Nel frattempo qualcuno a bordo del Miseno aveva suonato il fischietto penso fosse il Comandante e poi tutti si sono buttati in acqua, a momenti i marinai sparivano in mezzo alle onde per poi riapparire. Ricordo sempre quel brutto momento mi è rimasto impresso nella mente quando il Miseno si e inabissato prima si è messo di prua per poi affondare e attorno galleggiava di tutto. Dalla nave Alicudi avevano calato in mare un gommone che aveva recuperato la maggior parte dei naufraghi, in mare poco distante dalla nostra poppa c’era il Capo Macchina del Miseno che dovevamo recuperarlo noi della nave Forte . Per poter trarlo in salvo abbiamo dovuto fare una manovra di 360° per recuperarlo dalla prua, mentre ci allontanavamo il capo macchina urlava “non lasciatemi qui – non lasciatemi qui”, dopo aver fatto il giro e siamo giunti nelle vicinanze del marinaio si trovava in mare, dalla prua della nave un marinaio gli lanciava un salvagente con la cima. Ormai il Capo Macchina era in panico e urlava “Aiuto – Aiuto” e sbatteva le mani sull’acqua sul salvagente senza afferrarlo, per poterlo trarre in salvo dei marinai con una scaletta si sono calati in mare. Il pomeriggio siamo giunti al porto militare di Napoli, dovevamo ormeggiare il Forte in mezzo a due grosse navi militari che erano ormeggiate”.

L’inchiesta della Marina Militare stabilì che non c’erano state responsabilità da parte dell’equipaggio, e che quindi il rimorchiatore era affondato per cause di forza maggiore, come venne poi riferito alla Camera.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è inchiest-Miseno-459x1024.jpg

Il relitto
Il rimorchiatore Miseno riposa nel fondo del mare su un fondale tra i 65 ed i 75 metri posizionato con la prua ad ovest in posizione di navigazione. Il fumaiolo è visibile a -58 metri mentre il resto dello scafo si trova per lo più tra i 65/70 metri.

L’immersione è chiaramente riservata a subacquei esperti (tecnici) con provata esperienza. Le belle immagini che mostriamo di seguito sono state scattate dal fotografo subacqueo ed esploratore di relitti profondi Marco Mori durante una recente visita.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rim.-miseno-1-683x1024.jpg

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rim.-miseno-4-1024x683.jpg

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rim.-miseno-2-1024x683.jpg

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 464 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »