Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Si scende in acqua, siamo pronti al varo? parte II

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XXI SECOLO 
AREA: DIDATTICA
parole chiave: nautica, varo, controlli

 

Prima del varo
Siamo ancora in tempo a sistemare ciò che serve … salvo la consapevolezza di sapere però cosa! Questo è il momento di agire, ma come sempre di corsa prima del varo o nel tentativo di trovare un meccanico disponibile per un service stagionale, un elettricista per le batterie ormai a terra, un rigger “patentato” a salire in testa d’albero a sistemare il segnavento spezzato o una drizza uscita dal bozzello o, peggio ancora, un velaio per un nuovo anti UV del genoa necessario dopo un inverno arrotolato o per ritirare lo sprayhood ormai da più di un anno in veleria per i trasparenti nuovi!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è varo-2.jpg

Molti controlli e lavori dovrebbero avvenire molto prima del varo, ma alcuni sono comunque condizionati da questo momento e altri legati necessariamente all’uso e al consumo “in attività” della barca e spalmati nell’arco del suo utilizzo.

Ricordiamo sempre che un “gioco” anche minimo (o trascurabile), individuato o sottovalutato a barca ferma a terra, è destinato ad aumentare inesorabilmente in navigazione!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è prima-varo-1.jpg

Iniziamo con la normativa e gli obblighi da assolvere non solo per poter navigare ma anche quando siamo fermi a terra o all’ormeggio:

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è prima-varo-2.jpg

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è prima-varo-3.jpg

Dedichiamoci ora agli aspetti più pratici e manutentivi con alcuni suggerimenti di comune e sana abitudine ma spesso dimenticati.

Iniziamo dallo scafo e dal carenaggio, operazione di routine sia per gli scrupolosi del Fai da Te che per il cantiere di turno incaricato al trattamento. Un consiglio, evitare o trattenersi nel dare troppe “raccomandazioni” spesso malviste e sospette!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è biofouling-1024x747.jpg

Antivegetativa
Adottare un criterio ragionato e differenziato nell’applicazione.  Dato che gli organismi vegetali e animali attecchiscono in primo luogo lungo la linea di galleggiamento, dove c’è più luce e la temperatura dell’acqua è più alta, è opportuno in quella sede raddoppiare o abbondare le mani di antivegetativo. Stessa cosa lungo i bordi di entrata dei profili immersi (estrema prua dello scafo, della deriva e sulla pala del timone), ovvero  dove esiste più attrito o abrasione durante la navigazione, e lungo il lato inferiore della deriva, spesso dimenticato e soggetto talvolta a “strofinare” sul fango o sabbia del fondo quando l’acqua è particolarmente bassa.

Di regola carteggiare tutta la superficie e, nel caso, usare un primer come fondo per far “aggrappare” meglio il tutto.  Dopo aver ricoperto con un primer adatto l’elica, l’asse di trasmissione ed il cavalletto, usare un anti fouling specifico per metalli, se vogliamo evitare l’aggressione in porto da parte dei denti di cane.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è prima-varo-4.jpg

Anodi sacrificali
Chiamati comunemente zinchi, sono “cavie sacrificali” indispensabili per la protezione della barca e del motore dalla corrente galvanica. Quando due metalli di diverso potenziale elettrico ed immersi in un liquido conduttore (l’acqua di mare) entrano in contatto tra loro, si genera un processo elettrochimico che produce una corrente elettrica che provoca anche la corrosione di uno dei due elettrodi, quello “meno nobile”, che si sacrifica preservando il motore, la trasmissione, la chiglia, l’elica, l’asse, etc. su cui è applicato o nelle immediate vicinanze.

La scelta del materiale dell’anodo è questione di “nobiltà” e va fatta in base al materiale da proteggere e alla natura dell’acqua in cui l’imbarcazione è immersa. Non sempre sono di zinco. L’acqua salata è purtroppo un elettrolita favoloso per innescare i processi di corrosione. Qui vengono utilizzati gli anodi di zinco o anche di alluminio mentre in quelle dolci, che è sicuramente meno conduttiva, si utilizzano anodi in magnesio.

Segni evidenti di corrosione di parti immerse metalliche come anche trovare gli anodi intatti senza segni di consumo/lavoro dopo una o due stagioni, rappresentano sempre un campanello di allarme. Quando la lega non è buona o posizionata male può capitare che non si consumano anche a distanza di stagioni, provocando danni nascosti altrove. Diffidiamo e sospettiamo di ciò che non si consuma affatto!

Norme universali stabiliscono le percentuali di ciò che deve esserci e non nella lega per “sacrificarsi” a dovere. Un anodo deve logorarsi! Più si è consumato, meglio la barca è stata protetta. Se è intatto dopo un anno, è perché non ha fatto il suo lavoro e altre attrezzature nella barca potrebbero essere state danneggiate. Verificare soprattutto che non siano coperti di vernice (un errore comune è anche quello di verniciare sotto l’anodo interrompendo così il flusso di elettroni), che siano propriamente connessi, puliti da incrostazioni e nel caso di un consumo al 60% sostituirli senza pensarci troppo.

Pulizia griglie di aspirazione motore e/o dissalatori, generatori
E’ un’operazione indispensabile e veloce che spesso si dimentica di fare nella sua semplicità. Incrostazioni varie o molte volte le due mani fresche di antivegetativa nuova e passata sopra ogni cosa possono creare problemi seri. Armatevi di spazzola e lama per aprire le griglie per far “respirare” d’acqua i vostri impianti e motori.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è prima-varo-5.jpg

Trasduttori log e eco
E’ l’occasione di testare e provare (spesso operazione mai fatta) l’estrazione dei trasduttori dal passascafo per pulirli e verificarne anche il funzionamento e, soprattutto, la presenza dei relativi tappi. Questi ultimi devono essere sempre a bordo e possibilmente legati in prossimità del passascafo con un cordino per non perderli.

Infine, un esercizio utile per i neofiti, i titubanti e per chi ignora questa pratica da buon marinaio. Al momento del varo (come per l’alaggio) controllare che le fasce di sollevamento non coprano i trasduttori, cosa che farebbe scaricare il peso della barca su questi punti delicati, danneggiando le elichette del solcometro (log) o indebolendo la struttura, la tenuta e la giunzione del passascafo.

Fine parte II – continua

Sacha Giannini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 463 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

20 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »