If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Perchè possiamo vedere solo in parte la faccia nascosta della Luna?

Reading Time: 3 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ASTRONOMIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Luna

 

La Luna ci mostra sempre la stessa faccia perché il tempo che impiega a fare un giro intorno alla terra (moto di rivoluzione) è uguale al tempo che impiega per ruotare su se stessa (moto di rotazione): circa 27 giorni. Proprio così! Avete capito bene, anche la Luna ruota. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è GIANNETTI-LUNA.jpg

Per capire proviamo a paragonare la Luna ad una nave che naviga con rotta circolare attorno ad un’isola (la Terra). Noi che ci troviamo sull’isola (sulla Terra), volgendo lo sguardo alla nave (la Luna), ne vedremmo sempre, e solamente, un solo lato. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è LUNA-FACCIA.jpg

Al termine della circumnavigazione dell’isola (la ‘rivoluzione’ della nave), dal punto di vista del suo equipaggio, la nave stessa avrà compiuto anche un giro di 360° (una ‘rotazione’) su se stessa.

Ma perchè?
Per quanto possa sembrare strano, il motivo è che la Luna è “sensibile” alla forza che provoca le maree terrestri. Questa forza gravitazionale ha, in milioni di anni, rallentato la rotazione della Luna per cui essa mostra verso il nostro pianeta sempre lo stesso lato. Nel corso delle Ere, la forte attrazione gravitazionale terrestre ha di fatto spostato la rotazione della Luna, modificando la sua orbita corrispondente. In altre parole la terra e la Luna si sono sincronizzati. In fisica, si parla di rotazione sincrona quando il periodo di rotazione di un corpo orbitante è uguale al suo periodo di rivoluzione, per cui mostra sempre la stessa faccia al corpo attorno al quale orbita. Questa rotazione non è una stranezza solo terrestre: quasi tutte le lune dei pianeti del Sistema Solare mostrano al loro pianeta la stessa faccia.

La Luna, dunque, ruota su se stessa come la Terra ma circa 27 volte più lentamente: il Sole vi sorge e tramonta come da noi ma con delle lunghe giornate (dall’alba al tramonto passano circa due settimane!). È quindi inesatto pensare che esista una … “Dark Side of the Moon” (che è pure il titolo di una celebre canzone dei Pink Floyd) mentre sarebbe corretto parlare di….. “Hidden Side of the Moon”. Il fatto, poi, che la Luna ci appaia parzialmente o totalmente illuminata (fasi lunari) dipende solamente dal variare delle posizioni relative tra il Sole, la Terra e il nostro satellite nelle loro orbite.

E’ possibile vedere il lato nascosto?
Si, in parte è possibile grazie al fenomeno della librazione. In parole molto semplici, le librazioni sono piccole oscillazioni apparenti della Luna grazie alle quali è possibile osservare circa 6/10 della superficie lunare compresa una parte dell’emisfero nascosto. In pratica, riusciamo a vedere circa la sua metà (il 41%, pari a 15,5 milioni di km²). Storicamente, per vedere che cosa c’era dall’altra parte della Luna, si dovette aspettare il 10 ottobre 1959, quando  il satellite sovietico Luna 3 la fotografò per la prima volta durante il suo passaggio. In seguito, il 24 dicembre 1968, l’Apollo 8 ed il suo equipaggio composto dagli astronauti Frank Borman, William A. Anders e Jim Lovell, furono in grado di osservare direttamente la faccia nascosta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lato-nascosto-della-luna.jpg

lato oscuro della Luna fotografato durante la missione dell’Apollo 16 – photo credit NASA

Ultimo temporalmente, il 3 gennaio 2019 la missione cinese Chang’e 4 è stata la prima a toccare il suolo sulla faccia nascosta con un lander in grado di comunicare con la base di controllo sulla Terra tramite un satellite posto in orbita esterna al sistema Terra-Luna. Possiamo scommettere che il prossimo futuro ci riserverà nuove sorprese.  Cieli sereni

Paolo Giannetti

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 89 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

24 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »