Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Protagonisti del mare: Luigi Ferraro raccontato dai suoi figli

tempo di lettura: 8 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: PROTAGONISTI DELLA SUBACQUEA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: subacquea, Luigi Ferraro
.

Dopo aver raccontato la vita di Luigi Ferraro nei due articoli  precedenti, ho contattato i suoi figli, Italo e Paolo Ferraro, anche loro noti nomi del mondo della subacquea del dopoguerra, che hanno vissuto in prima persona e autorevolmente quegli anni straordinari. 

Ocean4future: Buongiorno, permettetemi di dire che è un piacere conoscervi e poter parlare con voi di Luigi Ferraro. La prima domanda che vi vorrei fare è su come Luigi Ferraro visse il congedo nel dopoguerra?

Italo Ferraro:
Papà non era un ufficiale di carriera ma di complemento e poi aveva la colpa imperdonabile di essersi schierato con la Repubblica Sociale dopo l’8 settembre. Quindi non è esatto dire che si congedò; in realtà fu epurato e cacciato più o meno in malo modo e ci vollero anni perché venisse “perdonato”, si fa per dire. Un perdono tutto sommato dovuto al fatto che fu di gran lunga l’operatore gamma di maggior successo (durante la guerra) quindi, una volta acquietate le acque, tutti dimenticarono.

Paolo Ferraro:  Aveva fatto il militare perché c’era la Guerra e sentiva il dovere di difendere la Patria. Terminata la Guerra dedicò la nuova vita da civile allo sviluppo della subacquea cui dedicò i restanti 61 anni di vita, vissuti molto intensamente.

Ocean4future:
Ho raccontato brevemente le attività di Luigi Ferraro del dopoguerra, semplicemente straordinarie. Tutto accadde grazie alla sua non comune visione, un’eredità che tutti dovremmo conoscere e riconoscere. Quali sono i vostri ricordi di quei periodi in cui siete stati anche voi dei protagonisti?

Italo Ferraro:
Eravamo da poco a Genova e papà aveva preso a frequentare i subacquei genovesi fra i quali, vuoi per la sua personalità vuoi per la preparazione professionale, preso un ruolo di spicco. Un giorno torna a casa e dice a mamma: ” Ho parlato con Cressi e gli ho offerto la mia collaborazione.
E lui?’ disse mamma. Papà rispose: “Subito era perplesso perché temeva che gli avrei richiesto centomila lire al mese, ma quando gli ho detto che me ne sarebbero bastate per cominciare 25.000 ha detto subito di sì” (in soldi attuali credo che sarebbero stati 800 – 1000 €).

Così cominciò l’avventura con Egidio Cressi che fu un’avventura a tempo pieno per 15 anni e che portò la ditta CRESSI SUB dal piccolo scantinato di Corso Torino al ben più grande insediamento di via Majorana, fino allo stabilimento vero e proprio di Quinto. Quando dico tempo pieno parlo del fatto che noi non siamo mai andati in ferie insieme: una volta era un congresso, una volta una conferenza, una volta un campionato.

Ferraro e Cressi

A proposito di campionati c’è un aneddoto poco conosciuto: nel 1957 si svolsero i primi campionati del mondo di pesca subacquea. Il commissario tecnico nazionale italiana era Luigi Ferraro che, tenendo conto delle caratteristiche del campo di gara, mise in squadra Mario Catalani che aveva due caratteristiche difficilmente perdonabili: era genovese come papà ed aveva almeno altre quattro persone davanti a lui come possibili candidati. Ma quell’anno Mario Catalani divenne Campione del Mondo.

Paolo Ferraro:
Nel libro “Luigi Ferraro, un Italiano” la dedica scritta di suo pugno dice: “A mia moglie Orietta, ai figli Italo e Paolo il mio grazie per aver compreso …. che avevo da fare” ed è stato così, ha fatto molto, moltissimo. Nei 61 anni del dopoguerra ha inventato prodotti che hanno permesso lo sviluppo della subacquea, inventato la didattica subacquea, organizzato lo sport subacqueo mondiale ma questi sono i risultati concreti visibili. Ha lasciato un archivio di oltre diecimila lettere che scriveva a mano fino a notte fonda e che poi la sua fedele segretaria Graziella batteva a macchina il giorno dopo. Rispondeva a tutti quelli che gli scrivevano, tutti, nessuno escluso. Scriveva a giornalisti e politici per complimentarsi o contestare, o puntualizzare affermazioni che aveva sentito. Una volta a Roma in un ristorante vide Fellini e gli rinfacciò una sua affermazione sarcastica sulle Medaglie d’Oro al Valor Militare. Questo per dire che non trascurava nulla, era “sempre sul pezzo” come si suol dire.
.

.
Ocean4future: Ferraro inventore ma soprattutto innovatore?

Italo Ferraro

Italo Ferraro:
Per quanto riguarda la creazione della maschera Pinocchio e delle pinne Rondine posso portare pochi contributi. Papà disegnava da cani ma sarebbe stato un discreto scultore. Pinocchio e Rondine sono nati subito in tre dimensioni in plastilina anziché da schizzi fatti sulla carta. Bisogna precisare che prima delle pinne Rondine aveva già inventato una pinna a scarpetta ma con pala diritta anziché inclinata come poi avrebbe fatto con la Rondine (sono incerto sul nome ma doveva essere qualcosa come Genova o Lanterna). Luigi Ferraro non era un affarista (ha certamente guadagnato qualche soldo comunque molti meno di quelli che avrebbe potuto guadagnare se il guadagno fosse stata la sua principale motivazione). Era piuttosto una specie di Onlus il cui scopo principale era propagandare il mondo subacqueo. Una volta gli capitò di fare un’immersione insieme a Mike Bongiorno con cui aveva un rapporto di amicizia personale. Un’occasione eccezionale per noi TECHNISUB di sfruttare la documentazione come strumento pubblicitario. Peccato che lui, ormai da anni lontano da CRESSI, continuasse ad indossare tranquillamente una maschera Pinocchio.

Un’altra prova del disinteresse di papà è rappresentata dalla ragione del suo mettersi in proprio lasciando la CRESSI SUB: erano anni che faceva tutto (o quasi) lui tranne l’amministrazione saldamente in mano ad Egidio, faceva tutto (o quasi) lui, dalla parte commerciale a quella tecnica, lavorando dieci ore al giorno 340/345 giorni all’anno per un semplice stipendio senza cointeressenza o partecipazione agli utili. Erano anni che gli dicevamo:” Mettiti per conto tuo, ti conviene di molto“. Sì decise a farlo solo quando durante una discussione, di cui non conosco i dettagli, uno dei fratelli CRESSI gli disse che valeva meno di quello che lo pagavano. Il resto è storia.

Paolo Ferraro

Paolo Ferraro:
Non solo inventore e innovatore ma anche Pioniere delle Attività Subacquee e Imprenditore. A conferma delle sue doti di modellista citate da Italo esiste un filmato girato nella cucina di casa in cui si vede nostro padre modellare con la plastilina una pinna a scarpetta (a pala già inclinata): è la Rondine che sta prendendo forma. Quel modello venne poi portato da uno stampista che, senza macchine utensili perché erano i primi anni del dopoguerra e le industrie erano disastrate e prive di attrezzature idonee, con martello e scalpello ricavò da un blocco di acciaio “l’impronta” della pinna. Luigi Ferraro viene giustamente ricordato per l’invenzione delle pinne Rondine e della maschera Pinocchio che furono due innovazioni fondamentali.

La subacquea sarebbe mai diventata uno sport popolare se la gente avesse dovuto utilizzare lo stringinaso? Per non parlare della tenuta che permetteva. Fra l’altro è prodotta ancora oggi, esattamente come era nel 1952 quando uscì. Ma inventò ed innovò molte altre attrezzature subacquee: le pinne Caravelle (le prime in plastica a due componenti), l’iniezione negli erogatori, la tecnologia di assemblaggio delle maschere cerchietto/corpo (introdotta con Bella e Nova), e gli occhialini da nuoto con tenuta a polmoncino (Poly) che sono uno standard su tutti gli occhialini da nuoto oggi prodotti.

un documento storico del febbraio 1982, isla de la Juventud, Cuba, Luigi Ferraro alla profondità di 80 metri – fotografia di Rino Gamba – archivio di famiglia


Ocean4future: In quel periodo brillava nel mondo della divulgazione e ricerca subacquea il comandante Cousteau. Quali furono i loro rapporti?

Italo Ferraro:
Per i rapporti personali tra i due devo il fatto di aver partecipato come riserva all’operazione Precontinente 3 e di aver vissuto sei mesi in casa del comandante Cousteau. La CMAS era nata come costola della Confederazione Internazionale Pesca Sportiva ed alla nascita era soprattutto un’organizzazione di pescatori poi Cousteau ha preso altre strade che ne hanno fatto uno degli uomini più popolari degli Stati Uniti Mentre la CMAS si è pian piano rinsecchita. Sono emerse nuove realtà e mentre quelli della CMAS diventavano vecchi idealisti sorpassati i nuovi giovani leoni (PADI ecc. ecc.) devoti al dio marketing si impossessavano del West che non era più Far visto che qualcuno aveva costruito le ferrovie.

Ricordo un certo diffidente imbarazzo di papà di fronte alle prime manifestazioni commerciali della didattica subacquea che sintetizzava dicendo che se i maestri di sci e di tennis venivano pagati similmente avrebbero potuto esserlo i maestri di subacquea. Ma in quel “potuto” c’era tutto il suo disaccordo, un po’ la stessa differenza che passa tra un missionario Francescano e i neo predicatori che negli Stati Uniti girano in Rolls Royce.

Cousteau e Ferraro

Paolo Ferraro:
Furono sempre ottimi e improntati a reciproca stima. E furono anche amiche le rispettive mogli: Simone Cousteau e Orietta Ferraro. Nel 1987 ricorreva il 25° anniversario della TECHNISUB ed organizzammo una grande festa a Roma con molti invitati fra cui Cousteau che in quel periodo stava montando a Los Angeles (USA) dei documentari ed era in ritardo sulla tabella di marcia. Ciò nonostante volle volare fino a Roma, partecipare ai festeggiamenti culminati con una sua conferenza al cinema Metropolitan di via del Corso con così tanta affluenza di pubblico che fummo costretti a chiudere le porte per capienza esaurita. Il mattino dopo ripartì per Los Angeles ringraziandoci per l’invito alla festa. Personaggi d’altri tempi.
.

Ocean4future: Quale pensi sia l’eredità di Luigi Ferraro?
Italo Ferraro:
Credo che (col tempo) quasi nessuno dei frequentatori dei diving conosca il nome di Luigi Ferraro così come pochi automobilisti pensano a Barsanti e Matteucci quando girano la chiavetta d’avviamento. Però i motori funzionano grazie a loro e se la subacquea esiste è anche molto grazie a papà.

Paolo Ferraro:
In campo tecnico alcune sue innovazioni sono ancora adottate universalmente; nella didattica l’impostazione di base e diversi principi introdotti da nostro padre nei primi corsi dei Vigili del Fuoco Sommozzatori e poi nei corsi Federali sono ancora alla base della struttura didattica in vigore.

Grazie per la vostra disponibilità a parlare di Luigi Ferraro, un protagonista del mare la cui eredità resta e resterà sempre con tutti noi. 

Andrea Mucedola

Foto credit @ famiglia Ferraro

 

  

 

PARTE I PARTE II

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 1.898 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
16 visitatori online
16 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 32 alle 12:27 am
Mese in corso: 65 alle 05-07--2024 10:16 am
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x