If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il posizionamento in mare: datum e reti geodetiche – parte II

Reading Time: 4 minutes

livello medio
.
ARGOMENTO: CARTOGRAFIA E NAVIGAZIONE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Geodesia, reti geodetiche, datum


La rete geodetica nazionale

Vediamo ora come ci organizzammo in campo nazionale. La rete geodetica interna italiana ROMA 40 fa parte integrante del sistema europeo ED 50 ed ha il proprio centro di emanazione presso l’osservatorio astronomico di Monte Mario (Roma) di coordinate:
Latitudine : 41°55’25,51” Nord
Longitudine : 12°27’08,40” Est

monte-mario

osservatorio astronomico di Monte Mario, Roma, Italia

Il sistema geodetico nazionale di riferimento, che da esso ha origine, prende il nome di «ROMA-DATUM 1940» o Roma 40. Per poter creare la rete geodetica nazionale furono inizialmente identificati alcuni punti limitrofi all’osservatorio, posti fra di loro ad una distanza non superiore ai 60 chilometri ed utilizzanti come punto di partenza il centro di emanazione (Roma Monte Mario).

L’insieme di questi punti, detti “del primo ordine“, formò la rete geodetica fondamentale nazionale. Successivamente furono determinati nuovi punti, derivati dalla triangolazione dei punti precedenti, che furono detti “del secondo”, “del terzo” o “del quarto ordine”, ovviamente di sempre minore precisione rispetto a quelli del primo ordine. Le informazioni relative ai punti trigonometrici costieri appartenenti alla rete geodetica nazionale furono raccolte dall’Istituto Idrografico della Marina Militare e sono disponibili, a richiesta, presso l’Istituto.

Le coordinate di detti punti possono essere fornite sia in coordinate geografiche ROMA 40 sia in coordinate metriche Gauss Boaga. Se vogliamo essere precisi  in campo nazionale fu adottata la proiezione di Gauss-Boaga su proposta, nel 1940, del prof. Giovanni Boaga. Boaga fu un  illustre professore di geodesia presso l’università di Pisa e di Roma e geodeta capo allIstituto Geografico Militare di Firenze, dove si occupò di cartografia e del  catasto dei terreni. Il sistema da lui ideato fu una modifica adattata alla cartografia italianadella proiezione di Gauss, da cui il nome Gauss Boaga. Questo sistema definisce, oltre alla proiezione cartografica, anche il sistema geodetico di riferimento Roma 40.

image428

differenze fra elissoidi e geoide

Tali locazioni geografiche, detti comunemente “siti geodetici“, sono fondamentali per il corretto posizionamento dei transponder utilizzati dai sistemi di navigazione di alta precisione distanziometrici. Essi vengono posizionati in bolla sui centrini e consentono la triangolazione dei punti geografici.

Ma cosa significa mettere in bolla?
Il termine “essere in bolla” è una espressione collegata al funzionamento della livella, uno strumento utilizzato principalmente nell’ambito delle costruzioni che serve per misurare l’inclinazione di un piano orizzontale. Per effettuare tale misurazione, all’interno della livella è presente un liquido con all’interno una bolla d’aria che, in base alla presenza di una inclinazione, si sposta verso uno dei lati della livella. Mettere in bolla significa quindi porsi perfettamente sul piano orizzontale.

centrino punto geodetico

Per comprendere visivamente le differenze osservate i diversi sistemi (ad esempio nella figura, potete apprezzare le differenze tra un ellissoide locale, Roma 40, raffrontato ad un ellissoide globale, il WGS 84). E’ quindi comprensibile come le coordinate di un punto geografico nel sistema Roma 40 sono diverse da quelle in coordinate ED 50. Non è quindi possibile convertire tali coordinate tra sistemi diversi, utilizzando semplicemente delle formule matematiche. Per poter passare da un sistema all’altro si usano delle correzioni da sommare algebricamente. Si tratta quindi di approssimazioni, utilizzando quindi dei valori ricavati per aree geografiche dall’Istituto Geografico Militare di FirenzeImage145

Se osservate le carte nautiche dell’Istituto Idrografico della Marina Militare potrete trovare questi valori. Parleremo presto degli errori che tutti facciamo durante le procedure di posizionamento. In questo caso specifico, l’errore non è trascurabile.

Per dare un idea delle differenze: utilizzando delle coordinate ottenute in ED 50 su una carta nautica in ROMA 40, si commette un errore di circa 150 – 200 metri rispetto alla posizione reale; Questi errori possono essere minimizzati (anche se non eliminati completamente), apportando le correzioni che abbiamo citato. L’errore si riduce a circa un ventesimo (ovvero 5-10 metri).

fine seconda parte – continua
.

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV
PARTE V
PARTE VI
PARTE VII
PARTE VIII
PARTE IX
PARTE X

print

(Visited 787 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »