Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Nuove molecole anti cancro dalle barriere coralline … una ragione di più per preservarle

tempo di lettura: 5 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: coralli

 

Le barriere coralline stanno lentamente morendo a causa dell’acidificazione dell’oceano e dei danni causati dalla pesca illegale. Il danno a livello biologico è incalcolabile tenendo conto che con la loro morte viene a mancare un habitat fondamentale per molte specie animali. Se vogliamo al danno biologico ed economico se ne aggiunge un altro, poco conosciuto. I coralli ed altre forme animali della barriera hanno un’importanza notevole anche in campo medico, contenendo sostanze necessarie per le cure mediche di alcune delle malattie più comuni, ma anche delle più gravi. Recenti studi hanno infatti rivelato che coralli, spugne e tunicati sembrano offrire le maggiori speranze per nuovi trattamenti contro malattie infiammatorie e tumorali.

ascidia-corallo-santa-croce

ascidia su coralligeno, banco di Santa Croce, foto Immacolata Moccia

Da tempo gli scienziati hanno sviluppato molti trattamenti medici dalle risorse che si trovano negli oceani del mondo come i secosteroidi, enzimi usati dai coralli per proteggersi dalle malattie. Essi vengono usati per trattare malattie come l’asma, l’artrite e altri disturbi infiammatori. Un gran numero di nuovi steroli sono stati isolati dagli organismi marini in presenza di secosteroidi.

Il primo secosteroide marino è stato individuato nella Pseudopterogorgia americana nel 1972. La maggioranza dei secosteroidi odierni sono stati isolati in  spugne, gorgonie, coralli molli e nell’ascidia Aplidium conicum. Per scoprirne di più potete leggere il rapporto di due ricercatori italiani, Donato Sica e Domenica Musumeci, dell’Università di Napoli Federico II seguendo questo link.

b_neritina_lg_e

Bugula neritina

Ma non è finita qui. Esiste un briozoo, la Bugula neritina, comune in climi temperati e tropicali, che è una delle fonti per un composto anti-cancro particolarmente innovativo, la briostatina 1. Una recente ricerca dell’Università dell’Oregon Health & Science University sostiene che un gruppo di due o più geni  (cluster genico) di un battere, che protegge le larve della Bugula neritina dai predatori, potrebbe essere il primo passo verso la progettazione di nuovi farmaci contro il cancro. Si tratta del batterio, l’Endobugula sertula, che funge da simbionte per il suo ospite briozoo, secernendo una molecola bioattiva che rende le larve poco gradevoli ai pesci predatori. La cosa straordinaria è che questa molecola, conosciuta come briostatina, sembra confondere anche una gran varietà di cellule tumorali.hqdefault

I ricercatori medici conoscevano da molto tempo le briostatine, e studiavamo il tipo chiamato briostatina 1, che sembra aver dimostrato proprietà anti-cancerose contro il cancro al pancreas e renale, la leucemia, il linfoma e il melanoma non-Hodgkin. Lo studio prevede l’inserimento di un interruttore che rende le cellule tumorali  cellule normali. La briostatina 1 è ora in studi clinici di fase I e II per il suo impiego da sola e in combinazione con altri farmaci. Il National Cancer Institute statunitense ne ha raccolto recentemente più di tredici tonnellate sulle banchine portuali dove cresce copiosa. Un prodotto a basso costo con grandi potenziali?

Anche nel campo algale, alcune alghe blu-verdi, comunemente presenti nelle mangrovie dei Caraibi, vengono utilizzate per il trattamento del cancro polmonare a piccole cellule. Il National Cancer Institute ha anche approvato alghe blu-verdi per il trattamento del melanoma e di alcuni tumori.

sea_squirt6

Sea squirt, ascidia

Molti farmaci attualmente in commercio per cure contro il cancro o come antidolorifici provengono da fonti marine. Fra di essi il Yondelis®, un trattamento innovativo per combattere il sarcoma del tessuto molle e il cancro alle ovaie, che viene estratto da una ascidia. Le ascidie sono tunicati che vivono filtrando le sostanze nutritive contenute nell’acqua in cui vivono. E’ un animale che vive sulle rocce e le asperità dei fondali. Nonostante il suo aspetto non si tratta di un vegetale, ed è più strettamente correlato ai vertebrati piuttosto che agli invertebrati come le spugne e il corallo. 

Ci sono più di 3.000 specie di ascidie sul fondo marino in tutto il mondo, in particolare nelle acque tropicali più calde e ricche di sostanze nutritive. Le ascidie possono variare da 3 a 30 cm in lunghezza a seconda della specie e dell’habitat.

iseawhi001p4

Sea whip (Ellisella), foto Douglas Faulkner

Ma non è finita, anzi siamo solo all’inizio di queste ricerche; ad esempio, una serie di sostanze chimiche organiche isolate da un corallo molle, chiamato Sea whip (frusta del mare) ed endemico nel mare dei Caraibi, sembrano avere uno straordinario effetto antinfiammatorio sulla pelle umana.

Chi l’avrebbe mai detto che questi coralli dell’ordine delle Gorgonacea (phylum Cnidaria), caratterizzati da lunghi bracci (come quelli di una frusta, da cui prende il nome) e da una varietà di colori vivaci, potessero fornire nuove molecole per la nostra salute. Stiamo parlando di animali coloniali in cui la lunga “frusta” è in realtà una colonia di piccoli polipi (forme cilindriche, a forma di gambo con apertura buccale ed otto tentacoli nella parte superiore) che crescono l’uno sull’altro in un unico stelo continuo.

In sintesi, molecole bioattive, prodotte da invertebrati marini come le spugne marine ed i tunicati, hanno mostrato una potente attività anti-virale, anti-tumorale e antibatterica. Scoperte straordinarie che possono dare speranza per nuovi farmaci. Non dimentichiamoci che l’abuso dei farmaci ha creato nuove resistenze e la ricerca di nuove molecole è fondamentale per la nostra sopravvivenza. I ricercatori di tutto il mondo stanno ora concentrando gli studi sui bivalvi, una classe di molluschi, per comprendere meglio i processi di invecchiamento, compresa l’attività metabolica e le reazioni agli stress ambientali.

Ancora oggi il 95 per cento degli oceani del mondo rimangono inesplorati, quindi è possibile che con la diminuzione della biodiversità, a causa dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento,  potremmo perdere un numero significativo di organismi marini senza mai scoprirne la loro esistenza … e le loro proprietà. Forse tra le tante specie ci potrebbero essere nuove molecole in grado di curare malattie attualmente incurabili.  Una ragione di più per preservare le risorse biologiche del nostro pianeta.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 963 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
12 visitatori online
12 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 32 alle 12:27 am
Mese in corso: 65 alle 05-07--2024 10:16 am
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x