Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

A chi si ispirò Jules Verne nella scrittura di Ventimila leghe sotto i mari? di Domiziana D’Aniello

tempo di lettura: 4 minuti

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: LETTERATURA
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Nautilus, Jules Verne

Il romanzo pubblicato nel 1870 dal francese Jules Verne, Vingt Mille Lieues Sous les Mers (Ventimila leghe sotto i mari), faceva appello al crescente fascino del pubblico nei confronti dell’avventura nel mare profondo, condensando in un’unica opera fantasia letteraria e progresso scientifico. 

La storia infatti ripercorreva, seguendo il punto di vista del professore Aronnax, le vicende dell’enigmatico e travagliato Capitano Nemo, mentre trascinava i suoi prigionieri in un viaggio attraverso gli oceani del mondo a bordo del suo meraviglioso sommergibile. Proprio in merito al Nautilus (sul quale intendo meglio approfondire in un successivo articolo) bisogna dire che Verne trovò l’ispirazione, visitando nel 1867 l’Esposizione di Parigi 89, dove poté osservare il modello di un sottomarino francese simile a un missile.

Si trattava del primo batiscafo al mondo a propulsione meccanica, ossia ad essere azionato non grazie al lavoro umano, bensì alla sua stessa potenza e per questo detto Le Plongeur90 (Fig. 2.31). Ideato dal Capitano Siméon Bourgeois, mentre il costruttore navale Charles Brun lavorava al design. Le Plongeur fu reso pubblico il 16 aprile 1863 e pochi anni dopo ispirò la meccanica del Nautilus, che però ricalcava il nome da quello del primo sottomarino a propulsione umana, progettato per la Francia da Robert Fulton nel 1800 (J. NOIRAY, 2008, pp.271-272).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2023-09-02-185434.png

Fig. 2.31: Incisione che raffigura Le Plongeur, XIX sec. – Fonte https://fineartamerica.com/featured/le-plongeur-submarine-constructed-mary-evans-picture-library.html

Sempre nell’ambito dell’innovazione tecnologica, i miglioramenti apportati agli elmi da palombaro dall’ingegnere Augustus Siebe91 negli anni Trenta dell’Ottocento portarono alla prima muta da subacqueo chiusa, efficace e di successo commerciale (Fig. 2.32, 2.33, 2.34), precursore della versione usata oggi. L’invenzione di Siebe rivoluzionò completamente l’ingegneria subacquea, così come la sicurezza dei sommozzatori durante le operazioni di recupero merci da imbarcazioni affondate e permise molti dei progetti di costruzione che caratterizzarono il diciannovesimo secolo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2023-09-02-185953.png

Fig. 2.32, 2.33, 2.34: l’invenzione di Siebe e Gorman riportata dai giornali dell’epoca, XIX sec, fonte: Siebe, Gorman and Co. – Graces Guide

Sono piuttosto evidenti le assonanze tra le incisioni che ritraevano lo scafandro di Siebe e quelle presenti nella versione di Vingt Mille Lieues sous les Mers illustrata da Neuville e Riou (Fig. 2.35): infatti, il francese Joseph Martin Cabirol apportò delle ulteriori innovazioni al modello di Siebe e, presentandole all’Esposizione di Parigi del 1867, riscosse molto successo, vincendo anche una medaglia

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è c5a95d5c-f65e-46aa-a7d2-547d8f0886eb

gli scafandri nella versione originale di Vingt Mille Lieues sous les Mers illustrata da Neuville e Riou – Fig. 2.35 https://ventimilaleghe.wordpress.com/2013/06/04/illustrazioni-by-alphonse-de-neuville-e-edouard-riou/

Un altro elemento distintivo del romanzo verniano e che rifletteva gli avanzamenti della ricerca talassografica, consisteva negli accurati riferimenti di natura zoologica: infatti, lo scrittore caratterizzò gli incontri del Nautilus con varie creature realmente presenti in mare aperto. Un branco di «argonauti con la loro conchiglia in forma spirale e ondulata circonda il Nautilus», in questo modo Verne coglieva l’occasione per istruire i lettori, citando La Vita degli Animali, vol. VI, del rinomato naturalista tedesco Alfred Edmund Brehm92 per descrivere il comportamento, l’aspetto e la classificazione biologica del piccolo polpo pelagico.

Le enciclopedie del mondo naturale, destinate per lo più ad un’istruzione domestica, erano estremamente popolari nel XIX secolo e offrivano articoli illustrati su creature come l’argonauta. Anche in questo caso appare evidente la somiglianza tra l’incisione di Hildibrand (Fig. 2.37) e quella presente nell’opera di Brehm (Fig. 2.38) 93.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2023-09-02-191143.png

Incisioni, XIX sec., Vingt Mille Lieues sous les Mers illustrata da Neuville e Riou – Fig. 2.37 – 2.38 https://ventimilaleghe.wordpress.com/2013/06/04/illustrazioni-by-alphonse-de-neuville-e-edouard-riou/ 

Dunque, Verne si documentava riguardo i temi scientifici e tecnologici allora di maggior rilievo, attingendo le informazioni da una vasta gamma di materiali, dalle opere fondamentali di scoperte scientifiche alle riviste popolari, con il fine ultimo di istruire e affascinare i lettori, divulgando nei suoi romanzi nozioni di scienza impreziosite con la fantasia (C. GALLO, C. LOMBARDO, 2018).

Domiziana D’Aniello 

 

in anteprima Capitan Nemo osserva il mondo marino dalla versione originale di Vingt Mille Lieues sous les Mers illustrata daNeuville e Riou https://ventimilaleghe.wordpress.com/2013/06/04/illustrazioni-by-alphonse-de-neuville-e-edouard-riou/

 

Note

89 Per un approfondimento sull’Esposizione di Parigi del 1867 

90 Le Plongèur in italiano traducibile con sommergibile

91 Augustus Siebe, ingegnere britannico d’origine tedesca, vissuto tra il 1788 e il 1872, noto per i suoi contributi per attrezzature subacquee. 

92 Alfred Edmund Brehm, biologo e scrittore tedesco, vissuto tra il 1829 e il 1884

93 Per un maggiore dettaglio di immagine è possibile reperire la fig.2.39, ingrandibile, consultando la versione digitalizzata dell’opera di A. E. Brehm, La Vita degli Animali, vol. VI

 

Riferimento
estratto dalla tesi “Oceani, Mari e Abissi tra storia, letteratura e scienza: dall’immaginario antico alle attuali teorie scientifiche” di Domiziana D’Aniello

Illustrazioni di Neuville e Riou, incisioni di H. T. Hildibrand, dal libro Vingt Mille Lieues Sous les Mers, 1871, fonte Alphonse de Neuville e Édouard Riou | VENTIMILALEGHE (wordpress.com)

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 121 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
16 visitatori online
16 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:24 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x