Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

La nascita della pesca moderna in Italia: la pesca meccanica – parte III

tempo di lettura: 4 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: PESCA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: ITALIA
parole chiave: pesca commerciale

 

GENEPESCA – Compagnia Generale della Grande Pesca
Con la fondazione nel 1935 a Roma della “Genepesca”, società che aveva sede operativa a Livorno e che aveva tutti i numeri per imporsi sul mercato, la situazione cominciò a cambiare. Questa ritirò i tre pescherecci del Ministero già in carico alla Italpesca, assorbì anche gli impianti dell’impresa fallite e iniziò ad operare nel periodo in cui le sanzioni comminate dalla Società delle Nazioni per la nostra aggressione all’Etiopia stavano generando grossi problemi all’industria alimentare italiana.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è genepesca--685x1024.jpg

Locandina pubblicitaria Tito Corbella – Grafiche I.G.A.P – CC BY 4.0 Museo nazionale Collezione Salce, Complesso di Santa Margherita e San Gaetano Via Carlo Alberto, 31, Treviso (TV)Genepesca tridente tricolore infilza un pesce con mare e nave all’ (beniculturali.it)

La Genepesca, sostenuta finanziariamente dall’IFI, Istituto Finanziario Industriale, e politicamente da Ciano e Mussolini, rappresentava in quegli anni il fiore all’occhiello del settore ittico italiano; poteva infatti contare su una flotta di moderni pescherecci d’altura, una vasta rete di distribuzione dei prodotti e moderni magazzini refrigerati per la conservazione del pescato ed un’industria conserviera adeguata a terra. Vennero infatti varate e acquistate motonavi da pesca competitive a livello mondiale, battezzate coi nomi di località e battaglie dell’Africa orientale italiana, migliorati e potenziati gli impianti di conservazione e trasformazione a terra del pesce, e venne creata una rete di punti vendita per la distribuzione commerciale. Mancava però ancora la fiducia del consumatore verso il pesce congelato.

In questa direzione si impegnarono la società ed il regime fascista con una campagna di promozione verso questo tipo di alimento, supportata da pubblicistica di vario tipo e da ricettari distribuiti nei punti vendita. Nelle grandi città dell’interno e della pianura vennero inaugurati i mercati del pesce; il primo fu aperto nel 1935 a Milano da dove decine di venditori ambulanti potevano raggiungere perfino le valli alpine. In quegli anni il pesce, fino ad allora consumo tipicamente costiero e meridionale, diventò un genere di consumo comune in tutt’Italia.

Nel 1939, nell’ottica di sviluppo dell’azienda, vennero ordinati ai cantieri di Riva Trigoso, presso Sestri Levante, altri due motopescherecci modernissimi, probabilmente i più grandi e moderni del mondo, battezzati Genepesca I e II. I due pescherecci furono varati il 24 febbraio ed il 10 aprile 1940, quando la guerra già infuriava in Europa ed era per l’Italia alle porte. Il Genepesca I era lungo 72,60 metri, largo 12,20 con un’altezza di 7,25 metri, con 1620 tonnellate di stazza lorda, disponeva di un motore diesel collegato ad un’unica elica quadripala; aveva un equipaggio di 31 uomini.

Destinati principalmente alla pesca in Atlantico, i due pescherecci oceanici partivano da Livorno per una campagna di pesca di due o tre mesi, a seconda della fortuna delle pescate; di solito veniva effettuato un unico scalo, in genere alle Canarie, per rifornirsi di viveri e carburante. Individuati i branchi di pesce, venivano calate in mare le reti. Dopo circa tre ore, si provvedeva a tirarle a bordo e rovesciare il contenuto in una grande fossa posta a poppa dell’imbarcazione. Qui rapidamente il pesce veniva pulito, privato della testa e della coda e lavato. La testa finiva quindi in una macina per la produzione di alimenti animali (riciclando gli scarti in farinacei) mentre il resto veniva messo in cassette e surgelato immediatamente a temperature inferiori ai -18°C.

Il ciclo si ripeteva ogni tre ore, 24 ore al giorno, per sette giorni alla settimana, durante tutta la crociera destinata alla pesca. Una vita decisamente massacrante ma fruttuosa. I merluzzi, decapitati e eviscerati dopo essere stati esposti al vento del Nord, diventeranno i gustosi stocchetti di merluzzo chiamato stoccafisso, dal sito Genepesca

L’impegno profuso produsse un certo effetto; nell’incertezza delle stime si ritiene che il pescato sbarcato e consumato in Italia passò dai 1.090.000 quintali del 1925 a 1.785.000 quintali nel 1938 e il contributo della grande pesca fu del 45/50%, la maggior parte dalla pesca d’altura mediterranea ed un sesto del totale proveniente dall’atlantico.

La guerra interruppe l’attività oceanica e causò perdite dolorose alla flotta aziendale ma la società sopravvisse alla guerra. Nel dopoguerra ricostruì la flotta con nove grandi motopescherecci, realizzati per la pesca oceanica battezzati tutti Genepesca e numerati da I a X.

Il massimo fulgore dell’impresa si ebbe negli anni ’50 e ’60, durante i quali la società attraversò un periodo di grande successo, al punto che il marchio Genepesca divenne sinonimo di “pesce surgelato”. Il Pesce Genepesca attualmente sopravvive come società che opera nel settore conserviero.

Per completezza, nel 1939/40 comparvero altre due società che intendevano dedicarsi alla pesca atlantica:
MER.ITAL – merluzzo italiano società anonima per la pesca e la navigazione
Con sede a Roma ma porto di armamento Genova, armava, tra gli altri, alcuni pescherecci già della IPES (Morrhua, ex Anguilla da 305 tsl, Enrico Gismondi (698 tsl), Petsamo, ex Tonno (305 tsl) e le navi da navi da trasporto Marconi (1188 tsl) e Volta (1189 tsl) nell’anno 1939 che operava nell’Artico e sui banchi di Terranova.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è balena-ex-sardina.jpg

S.A.I.P.A. – Società Anonima Industria della Pesca atlantica
Con sede a Trieste, che armava sette piropescherecci, già della I.P.ES. (Balena ex Sardina, Pesce Spada, Sardella, Scorfano, Sogliola, Aringa e Cernia) organizzò alcune campagne nelle acque norvegesi

Fine parte III – continua
Gianluca Bertozzi

 

FONTI
GENEPESCA: Marinai contro le avversità del destino di Paolo Ponga
Cefalo e Sogliola: Storia di ventiquattro trawlers tedeschi in Italia  di Francesco de Domenico
Pesci, barche, pescatori nell’area mediterranea dal medioevo all’età contemporanea. Atti del Quarto Convegno Internazionale di Studi sulla Storia della pesca. Fisciano-Vietri sul Mare-Cetara, 3-6 ottobre 2007
Voce PESCA Enciclopedia italiana, 1935
Due pescherecci molto speciali di Claudio Rizza
Merlini Filippo – Dizionario Biografico degli italiani

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

PARTE I PARTE II

PARTE III PARTE IV

Loading

(Visited 349 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
14 visitatori online
14 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 32 alle 12:27 am
Mese in corso: 65 alle 05-07--2024 10:16 am
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x