Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La nascita della pesca moderna in Italia: la pesca meccanica – parte II

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: PESCA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: ITALIA
parole chiave: pesca commerciale


All’inizio del ventennio fascista, il Governo si rese conto di come la nostra bilancia commerciale fosse sbilanciata verso le importazioni, anche di natura alimentare, a causa per lo più di ritardi tecnologici legati agli impianti ed ai metodi di produzione di grano e derivati della carne. Venne così avviata la famosa “battaglia del grano”, a cui si affiancò la meno nota “battaglia del pesce”, in quanto quest’ultimo era considerato un economico surrogato della carne.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mussolini-su-un-peschereccio.jpg

Mussolini in visita ad un peschereccio – archivio del Senato italiano

Se la carne costava 18 lire il Kg (equivalente a 40 euro d’oggi) il pesce di qualità costava diciotto volte meno (1 lira). Il baccalà secco o salato (d’importazione) era però a 2-2,5 lire ed aveva risolto il problema della conservazione e della pellagra in Veneto. A Napoli le vongole fresche costavano 5 centesimi al chilo (1/30 del pane) e il pesce azzurro a Pescara, allo sbarco,  era di circa 2 centesimi al chilo (lo stesso di 50 gr di patate o “mezzo” uovo).

Questo però imponeva lo sviluppo di una flotta d’alto mare rivolta essenzialmente all’Oceano Atlantico. I mari italiani erano infatti battuti da una miriade di piccole barche da pesca ed era difficile prospettare un aumento delle catture, mentre le colonie erano lontane ed assolutamente non attrezzate per moderne industrie di conservazione. Occorreva così, secondo il regime, iniziare la concorrenza con le grosse flotte nordeuropee; quelle dei Paesi affacciati sull’Atlantico e con una lunga tradizione di pesca legata a sistemi e macchinari moderni: un’impresa certamente non facile.

Le prime società
Nel 1923 vennero costituite due società pioniere, la I.P.E.S. e la S.A.P.R.I.:
I.P.E.S. – S.A. (Industria Pesca e Sottoprodotti – società anonima)
La società era presieduta da un membro di casa Savoia, il Duca di Genova, e fu dotata di 18 piropescherecci di costruzione tedesca che operarono prima nel mare del Nord, con base in quei porti, e successivamente al largo della costa occidentale africana (lungo la regione del Río de Oro dall’altezza delle Canarie sino a Villa Cisneros, spingendosi anche più a Sud, fino a capo Barbas e Capo Bianco). Ogni unità si assentava dalla base predetta per circa un mese; mediamente venti giorni occorrevano per percorrere, in andata e ritorno, le 1600-1800 miglia intercorrenti tra la base e la zona di pesca seguiti da una decina di giorni sul banco per pescare 40-60 tonnellate di pesce di grosse dimensioni che veniva conservato con il ghiaccio con risultati non sempre ottimali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è NaveBalena.jpg

Il Sardina, al pari di altri 17 piropescherecci, tutti con nomi di pesci (Anguilla, Acciuga, Aringa, Cefalo, Cernia, Dentice, Grongo, Merluzzo, Nasello, Orata, Pesce Spada, Sardella, Scorfano, Sogliola, Spigola, Triglia e Tonno), venne costruito per la Società Anonima Industria Pesca e Sottoprodotti dai cantieri Frerichswerft, Einswarden (Amburgo). Tutti i piropescherecci erano dotati di eccellenti qualità di robustezza e tenuta del mare, che li rendeva adatti alla pesca oceanica, ma anche ad un eventuale impiego militare. Non a caso quattro unità furono acquistate in seguito dalla Regia Marina italiana, che le usò come cannoniere. 

Per ridurre le spese di esercizio e sbarcare il pesce in condizioni migliori, la società adoperò anche alcune unità ausiliarie (portolate) che raggiungevano al largo i battelli in pesca per trasportare poi il prodotto a terra. Questo consentiva ai primi di non allontanarsi dalle zone di pesca. Impiantò anche dei frigoriferi che, a causa della tecnologia del tempo, si dimostrarono poco efficaci. Ciononostante l’esperimento non fu vano perché dimostrò che la convenienza dell’introduzione in Italia di pesce congelato, direttamente pescato in Atlantico da flottiglie nazionali, dipendeva necessariamente dalla soluzione di due complessi problemi: lo smercio del prodotto e la distanza dalle zone di pesca. Il fattore tempo era quindi un elemento fondamentale. Si stabilì quindi di costruire nuove unità adatte allo scopo, dotate di  buona velocità ed impianti frigoriferi idonei per un rapido ed efficiente congelamento dei pesci appena pescati e non ancora sventrati. La società fu liquidata attorno al 1933.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SAPRI.jpg

S.A.P.R.I. – Società Anonima Pesca e Reti Italiana
La Società fu fondata dai fratelli Merlini di San Benedetto del Tronto ma ebbe sede sociale a Roma. Le attività contemplate dallo statuto societario prevedevano la pesca in alto mare, praticata con moderni pescherecci, il trasporto del pesce fresco in vagoni refrigerati e la successiva commercializzazione nelle città maggiori del Regno. Inoltre, si sarebbe occupata anche della fabbricazione di cime e delle reti necessarie all’industria della pesca. Alla costituzione della Società seguì l’acquisto di sei grandi piroscafi pescherecci chiamati con nomi di costellazioni: Pegaso, Procione, Perseo, Sirio, Orsa e Orione, che erano stati consegnati dalla Germania all’Italia in conto riparazioni per i danni di guerra. Essi, con opportune modifiche, vennero adibiti alla pesca in Adriatico e nel Mediterraneo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1940-Piropeschereccio-Procione-F68-pilotina-foranea-1024x646.jpg

Nella città dalmata di Zara, la società fondò un importante stabilimento la cui produzione principale, oltre ai cordami, era costituita dalle reti in «manilla», fabbricate con particolari filati di canapa di Manila, all’epoca prodotti solo in Italia, che le rendevano superiori per robustezza e leggerezza a quelle inglesi e tedesche. Annesso allo stabilimento venne costruita una fabbrica di ghiaccio per la conservazione del pesce e un grande deposito di carbone per rifornire i piropescherecci.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Mn-della-PANNLLETTE-MERLI-in-groenlandia.jpg

Tra i ghiacci della Groenlandia

Nel 1925-26 la S.A.P.R.I., dopo un primo tentativo lungo le coste mediterranee del Marocco spagnolo, spinse quattro dei suoi piropescherecci sui pescosissimi banchi delle coste atlantiche dell’Africa nordoccidentale. La pesca si rivelò molto redditizia, ma la conservazione del prodotto, refrigerato ancora con strati di ghiaccio, sulle lunghe distanze presentò ancora problemi che furono superati solo negli anni Trenta quando vennero costruite imbarcazioni dotate di impianti per la congelazione del pescato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Mn-della-PANNLLETTE-MERLIN.jpg

pesca in Groenlandia

Nel 1933, al nucleo originario della flotta peschereccia, si aggiunsero altri tre piropescherecci: Orata, Grongo e Nasello, appartenuti inizialmente alla I.P.E.S.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Mn-NASELLO-PANNLLETTE-MERLi-sapri.jpg

piropescherecci Nasello

La ditta decise però di ritirarsi dalla pesca atlantica, ritenuta ancora poco conveniente in quanto i consumatori erano ancora diffidenti verso il pesce congelato, concentrando invece tutte le energie nella pesca mediterranea e nella commercializzazione del pesce fresco. Nel 1937 la S.A.P.R.I. intraprese una nuova campagna sperimentale sulle rotte polari della pesca al merluzzo per la produzione di baccalà, alimento di largo consumo interamente importato dall’estero. I problemi di carattere logistico, legati alla mancanza di basi di approdo, che i Paesi nordici negavano nel timore di favorire un concorrente commerciale, furono superati utilizzando una nave appoggio per le operazioni di rifornimento e trasbordo del pescato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Mn-della-PANNLLETTE-MERLI-in-groenlandia.jpg

La S.A.P.R.I. operò per anni nel Mediterraneo ed in Atlantico. Nel 1936 tentò la pesca al merluzzo nei mari del nord, in Groenlandia, seguendo le rotte polari.

Nel maggio del 1937 partirono con tre piropescherecci, muniti di speciali rinforzi per il ghiaccio: la stagione iniziò sui banchi di Terranova con base a Harbour Grace, per poi proseguire in un’area compresa tra le isole degli Orsi, le isole Spitsbergen e la costa del mare di Barents, dove si trova il porto di Murmansk. All’inizio del 1938 il campo di pesca fu spostato nelle acque della Groenlandia occidentale, sul banco di Fillas fino all’isola di Disko, con base nel fiordo di Faeringhavn dove venne inviata la nave d’appoggio per rifornire gli equipaggi di viveri, sale e carbone e trasbordare il merluzzo pescato da inviare in Italia. Dopo quindici mesi trascorsi tra i ghiacci polari, la flotta rientrò nel porto di Zara, il 30 agosto 1939, con un carico di 1.565 tonnellate di baccalà e 500 quintali di olio di fegato di merluzzo. La campagna fu ripetuta anche l’anno successivo nelle acque della Groenlandia con sistemi di pesca perfezionati, equipaggi scelti e specialisti per la preparazione del baccalà. Lo scoppio della seconda guerra mondiale interruppe però le attività di pesca.

ITALPESCA
Il Ministero dell’agricoltura bandì un concorso, nel 1931, per un premio al miglior progetto di battelli da pesca nell’Atlantico, da costruirsi con impianti adatti per il trasporto del prodotto in Italia; lo vinse la ITALPESCA di Umberto Lupi che fece costruire nel cantiere Breda di Venezia tre motopescherecci a carena Maier: Umberto Lupi, Alfa Romeo e Breda.

Caratteristiche
dimensioni: m. 52,10 fuori tutto e 47 fra le pp. × 7,42 × 3,24; stazza lorda 400, netta 197; celle frigorifere della capienza di mc. 322 con un impianto Zarotschenzeff, apparato motore Diesel, fornito dall’Alfa Romeo, a iniezione meccanica, quattro tempi senza compressori, otto cilindri verticali, potenza normale HP 750, consumo a pieno carico per HP-ora gr. 170, velocità 12 nodi, apparecchio a scandagliare Marconi a ultrasuoni tipo ecometro, equipaggio 21, cioè sei in meno delle unità della I.P.E.S.)

La zona di pesca dei tre motopescherecci (ai quali è da aggiungere il peschereccio Naiade, di stazza inferiore), si estendeva al bassofondo di Arguin (Mauritania), ossia fra 20° e 21° 30′ di latitudine Nord.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è silos-calata-sgarallino-livorno.jpg

i Silos presso Calata Sgarallino a Livorno

A Livorno, porto di base, furono sistemati ampi magazzini frigoriferi, alla cui porta, nella calata Sgarallino, i vagoni frigoriferi o refrigeranti potevano imbarcare direttamente la merce. Un primo tentativo di operare in modo completamente moderno ma, per ragioni non chiare, nel 1933 la società fu dichiarata fallita.

Fine parte II – continua
Gianluca Bertozzi

 

FONTI
GENEPESCA: Marinai contro le avversità del destino di Paolo Ponga
Cefalo e Sogliola: Storia di ventiquattro trawlers tedeschi in Italia  di Francesco de Domenico
Pesci, barche, pescatori nell’area mediterranea dal medioevo all’età contemporanea. Atti del Quarto Convegno Internazionale di Studi sulla Storia della pesca. Fisciano-Vietri sul Mare-Cetara, 3-6 ottobre 2007
Voce PESCA Enciclopedia italiana, 1935
Due pescherecci molto speciali di Claudio Rizza
Merlini Filippo – Dizionario Biografico degli italiani

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

PARTE I PARTE II

PARTE III PARTE IV

print
(Visited 100 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »