Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Pompei ed Ercolano anno 79: il successo dell’operazione di salvataggio – Parte V

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: I SECOLO 
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Vesuvio, flotta Miseno
.

Il felice esito dell’operazione delle quadriremi è suggerito da molteplici indizi. Innanzi tutto il ritorno alla base della squadra delle quadriremi va considerato certo, sia perché un ipotetico naufragio non avrebbe potuto essere ignorato da Tacito [66], né sarebbe passato totalmente sotto silenzio nei suoi scambi epistolari con Plinio il Giovane, e nemmeno sarebbe stato tralasciato dagli autori di certa letteratura apocalittica o apocalitticizzante [67].

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è NAVE-ONERARIE-CHE-SOCCORRE-UN-NAUFRAGO.jpg

D’altronde, anche la conoscenza di vari particolari di quanto avvenne a bordo della quadrireme ammiraglia nelle fasi iniziali e finali della sua navigazione è una prova evidente della sopravvivenza anche di questa unità navale, o perlomeno del suo equipaggio. In secondo luogo, lo scopo dell’operazione – ovvero la messa in sicurezza del maggior possibile numero di sfollati – risulta confermato dall’elevatissima percentuale di sopravvissuti a Pompei (meno di 2.000 deceduti su circa 20.000 abitanti) e ad Ercolano (circa 330 deceduti su 5.000 abitanti), così come dall’esiguo numero di vittime rimaste nei tre punti di raccolta. Per quanto concerne Stabia, che pur è stata presa in considerazione solo quale meta ulteriore, in quanto ai limiti della costa direttamente minacciata dall’eruzione, l’operazione navale non ha potuto essere completata solo per causa di forza maggiore.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pompei.jpg

La salvezza di Pomponiano e dei suoi è comunque implicitamente comprovata dal racconto di Plinio il Giovane, che descrive in dettaglio ciò che è avvenuto in quella casa e non accenna ad alcun epilogo tragico per l’amico di suo zio. Infine, il successo dell’operazione di soccorso appare convalidato da due epigrafi. Dalla prima è possibile desumere la comparsa a Napoli di un nuovo quartiere degli Ercolanesi (Regio Herculanensium), verosimilmente abitato dai profughi provenienti da Ercolano [68]. Sulla seconda epigrafe si parla invece del ritorno di Rectina.

Data la rarità di questo cognome, l’amica di Plinio risulta in effetti identificabile con Silvia Rectina, una facoltosa domina, appartenente alla gens Salvia, con possedimenti terrieri fra Sannio ed Apulia [69]. A Morrone del Sannio è stata rinvenuta un’ara votiva con questa eloquente iscrizione: “Gaio Salvio Eutico sciolse il voto ai Lari della casa per il ritorno della nostra Rectina” [70].

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vesuvio-79-aC.jpg

Conclusione
L’intervento delle quadriremi condotte da Plinio il Vecchio fu, a tutti gli effetti, una vera e propria operazione navale di soccorso e, come tale, fu caratterizzata dalla necessità di fronteggiare un’emergenza improvvisa, attribuendo la massima priorità al salvataggio di persone in imminente pericolo di vita e accettando pertanto un livello di rischio più elevato di quello abituale. Di fronte all’improvvisa emergenza provocata da un fenomeno mai visto, Plinio ha immediatamente adottato una linea d’azione nuova ed appropriata. Sotto la direzione carismatica del loro ammiraglio, gli equipaggi hanno navigato risolutamente e professionalmente verso un pericolo sconosciuto e terrificante. I classiari hanno operato eroicamente per strappare al Vesuvio quelli che si trovavano sotto la minaccia dell’eruzione, e ne hanno salvati un gran numero.

I soccorritori hanno potuto adattare le loro azioni ai pericoli che potevano percepire o sospettare, fino all’arrivo delle inimmaginabili nubi ardenti. Con questa operazione di soccorso estremamente rischiosa, condotta con intrepido coraggio nel contesto di un cataclisma colossale provocato dalla più potente e distruttiva delle eruzioni vesuviane avvenute in epoca storica, Plinio non ha solo fornito il primo esempio di intervento di una forza navale per finalità di protezione civile, ma ha anche scritto una delle pagine più luminose della storia navale e marittima dell’umanità.

Domenico Carro

 

questo breve saggio illustra sinteticamente alcuni dei punti salienti relativi alla ricerca effettuata dall’autore sull’operazione navale pliniana del 79, storicamente ricostruita e documentata in modo particolareggiato nel volume Quadriremi vs. Vesuvio pubblicato da L’Erma di Bretschneider (Roma – Bristol, 2021; 152 pagine) per la Collana Studia Archaeologica

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PLINIO-LIBRO-CARRO.jpg

.

PARTE I PARTE II PARTE III PARTE IV PARTE V

 

Note

[66] Ad esempio egli aveva riportato il naufragio di alcune unità della flotta Misenense che, 15 anni prima, erano state investite dalla tempesta mentre stavano per rientrare alla base (Tac. ann. 15, 46).

[67] Carro 2021, pp. 98-99.

[68] CIL 10, 1492.

[69] Carro 2021, pp. 65-66 e 101-102.

[70] CIL 9, 725.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 115 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

27 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »