Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Sulle onde della storia romana: marinai, donne e guai

Reading Time: 7 minutes

.

livello medio

.

ARGOMENTO: STORIA ROMANA
PERIODO: CLASSICO
AREA: ROMA
parole chiave: nauta, flotta

 

Nauta è il ben noto vocabolo latino utilizzato per indicare la figura del marinaio nel mondo romano. Questo termine è rimasto inalterato anche nella lingua italiana, dove è presente sia come voce poetica – nel senso di marinaio e navigatore –, sia come secondo elemento di parole composte che si riferiscono alla navigazione marittima (a motore: motonauta), sottomarina (acquanauta), sotterranea (speleonauta), aerea (aeronauta), spaziale (astronauta, cosmonauta) o addirittura nel cosiddetto ciberspazio (cibernauta), cioè negli arcani universi virtuali della rete telematica. La longevità di questo vocabolo, rimasto vivo e vitale per oltre due millenni, poggia sulla robusta notorietà ch’esso ebbe già fin dall’antichità romana, epoca in cui i marinai venivano considerati dei coraggiosi che sfidavano i mortali rischi della navigazione marittima e costituivano pertanto la categoria che più di ogni altra aveva bisogno dell’aiuto della dea Fortuna.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Fortuna-engraving-Hans-Sebald-Beham-1541-661x1024.jpg

La dea Fortuna era spesso rappresentata con una cornucopia come donatrice di abbondanza e un timone come controllore dei destini, o in piedi su una palla per indicare l’incertezza della fortuna. stampa di Hans Sebald Beham, 1541

Lo riferì Dione Crisostomo, all’epoca di Traiano, scrivendo che proprio la protezione dei marinai fosse la prima spiegazione che veniva data al simbolismo del timone nella mano della dea Fortuna, nelle più comuni raffigurazioni di quest’ultima. 

nautae dei Romani possedevano necessariamente le caratteristiche eterne dei marinai di tutti i tempi: l’abitudine a vivere ed operare negli spazi ristretti di un mezzo navale mobile e ballerino, soggetto all’incoercibile potenza del mare e dei fenomeni atmosferici; un buon “piede marino”, per mantenersi lucidi ed efficienti anche in situazione di mare in burrasca; una solida conoscenza dei pericoli della navigazione e delle cause interne di rischio per la sicurezza della nave (il fuoco, i materiali mobili non fissati saldamente con le rizze, ecc.); una sicura abilità nel maneggiare i cavi d’ormeggio, le ancore, le imbarcazioni, le attrezzature marinaresche e tutte le manovre delle vele, arrampicandosi anche sul sartiame, sui pennoni o in testa d’albero quando necessario.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde03_nave_rimini.jpg

Nave romana con marinai arrampicati sui cavi (mosaico della domus di palazzo Diotallevi, a Rimini)

Questa specifica capacità, illustrata da molteplici antiche rappresentazioni di scene navali (come quelle delle foto di questi articolo), è stata anche oggetto di una suggestiva descrizione lasciataci dal retore Luciano, che si entusiasmò al vedere ormeggiata in banchina una gigantesca nave frumentaria addetta a trasporto del grano egiziano destinato al porto imperiale di Roma: siamo stati fermi per un bel pezzo con il naso all’insù, vicino all’albero … e siamo rimasti a bocca aperta di fronte a quel marinaio che si arrampicava tra le sartie e poi si muoveva veloce e sicuro sul pennone tenendosi attaccato ai cavi di sostegno.

D’altronde a vent’anni acquisimmo quella stessa abilità anche noi che abbiamo avuto il privilegio di addestrarci sugli imponenti alberi della nave scuola Amerigo Vespucci, come sempre fanno gli Allievi Ufficiali della nostra Marina.

È piuttosto noto che, nell’antica Roma, la particolare destrezza dei marinai della flotta imperiale di Miseno venne anche sfruttata adibendo un reparto di quegli uomini alla manovra dell’immane velario che copriva il Colosseo quando la calura estiva rendeva molesti i raggi del sole. Si trattava di un tendaggio retto dai 240 pali che circondavano la parte superiore dell’intera ellisse, passando attraverso i fori ancora visibili nel cornicione e poggiando sulle sottostanti mensole in travertino. L’intera copertura doveva essere costituita da una serie di spicchi formati da teli di lino, ciascuno dei quali era evidentemente molto più ampio di qualsiasi vela mai realizzata.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde03_nave_pompei.jpg

Nave romana con marinai arrampicati sulle sartie e sul pennone (bassorilievo su di un’ara di Pompei)

I predetti marinai erano normalmente alloggiati nella vicina Caserma dei Misenati (Castra Misenatium), che ospitava anche dei reparti di classiarii, anch’essi provenienti dalla flotta pretoria Misenense. Tale comunanza e la vicinanza della caserma all’anfiteatro hanno ingenerato due errori storici: il primo, che risale alla tarda antichità (biografia dell’imperatore Commodo nella Storia Augusta, del IV secolo d.C.), è quello di attribuire ai classiarii la manovra del velario; il secondo, diffuso in pressoché tutte le odierne guide della Città Eterna, consiste nel considerare tale attività come la ragion d’essere del distaccamento di marinai nell’Urbe.

Si tratta in effetti di due assurdità: i classiarii erano dei combattenti specificamente addestrati agli arrembaggi, agli sbarchi navali ed ai combattimenti sulle coste nemiche, ma privi di una particolare perizia nella manovra delle vele, perizia che era invece la prerogativa dei marinai; questi ultimi venivano stanziati a Roma per assolvere primariamente i loro compiti d’istituto a sostegno del naviglio militare presente sul Tevere (nei Navalia ed alle banchine del porto fluviale) per le esigenze navali dell’imperatore ed ogni altra esigenza di Stato. Il loro impiego presso l’anfiteatro va quindi considerato solo un’attività di servizio pubblico occasionale ed accessoria.

Oltre che per la loro rinomata destrezza nel manovrare vele e velari, e nell’intervenire con funambolesca agilità sulle alberature delle navi, i marinai dell’antica Roma sono citati nella letteratura latina e greca dell’epoca per varie altre attività svolte a bordo dei mercantili, quali il controllo dei passeggeri, il monitoraggio dei fondali con lo scandaglio a prua nell’avvicinarsi ad una zona di secche o ad una costa sconosciuta, le predisposizioni urgenti per fronteggiare una burrasca in arrivo, le misure di emergenza per scongiurare un naufragio (lancio in mare del carico, abbattimento dell’albero, ecc.) o per porsi in salvo prima dell’affondamento della nave.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde03_nave_torlonia.jpg

Nave romana con marinai alla manovra delle vele (bassorilievo della collezione Torlonia)

Per quanto concerne i marinai imbarcati sulle navi da guerra romane, essi costituivano una delle tre componenti degli equipaggi, a fianco dei rematori e dei militi navali (o classiarii), di cui si è parlato nei due articoli precedenti.

Essendo l’esatto equivalente della categoria dei nocchieri nella nostra Marina Militare, essi erano addetti a tutti i servizi marinareschi di bordo, più o meno come accadeva sulle navi mercantili, ma con varie incombenze supplementari, quali, ad esempio, abbattere gli alberi delle vele prima della battaglia navale (quando tutta l’alberatura sarebbe risultata d’impaccio) ed innalzarli poi nuovamente, per i successivi trasferimenti a vela.

Durante i combattimenti in mare, i marinai fornivano anche il proprio contributo lanciando a mano i grappini d’abbordaggio sulle navi nemiche da arrembare, oppure, come ci riferisce Vegezio, se le condizioni erano propizie mettevano a mare delle imbarcazioni sulle quali si portavano occultamente sottobordo a qualche nave nemica per tagliare con la scure i cavi che ne reggevano i timoni. Viceversa, quelli che rimanevano a bordo si tenevano pronti a sistemare dei timoni di emergenza qualora quelli originari fossero stati spezzati da un rostro nemico.

Al di là dei pochi esempi finora citati, è comunque evidente che la qualità dei marinai fosse indispensabile per l’efficienza delle flotte romane. Molto acutamente Marco Cornelio Frontone osservava che una nave avrebbe potuto affondare per un cavo mal sistemato.

Oltre alla competenza marinaresca, pertanto, l’altro requisito irrinunciabile era quello della tempestiva e rigorosa esecuzione degli ordini. Sotto questo profilo non sono stati tramandati dalle fonti antiche episodi denotanti qualche flessione della disciplina a bordo delle navi. Vi furono, al contrario, dei notevoli casi di perfetta adesione alle direttive di più difficile attuazione, come accadde in occasione della memorabile partenza della flotta di Pompeo da Brindisi, salpando e manovrando nel più assoluto silenzio per non allertare i pur vicinissimi avversari.

Una maggiore libertà di comportamento è fisiologica quando i marinai vanno a terra. Tuttavia alcuni eccessi di particolare gravità si manifestarono nei primi due anni della III guerra Macedonica (171-170 a:C.), quando le forze romane sbarcate in Grecia per difendere gli alleati dall’aggressione macedone furono lasciate senza adeguato controllo dal loro comandante, più interessato ad arricchirsi con arbitrarie requisizioni che non alla cura della disciplina.

In tali circostanze, i classiarii ed i marinai si erano acquartierati a Calcide nelle case private, destando le proteste degli abitanti perché si aggiravano fra le loro donne ed i loro figli senza curarsi del proprio aspetto. Quando le proteste dei Greci pervennero al Senato, il comandante della flotta, Caio Lucrezio, venne citato in giudizio e condannato dal voto popolare ad una multa di un milione di assi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde03_faustina_min.jpg

Faustina minore, figlia di Antonino Pio, moglie di Marco Aurelio e madre di Commodo (Museo del Louvre, foto Clio20)

L’irritazione dei Greci per l’invadenza del personale della flotta era stata motivata dal modo di fare di quegli uomini, che non moderavano in alcun modo il proprio linguaggio e le proprie azioni, e probabilmente anche dal loro abbigliamento estremamente succinto nella stagione estiva. Era infatti abitudine dei marinai di indossare solo il vestiario strettamente indispensabile, permanendo addirittura in completa nudità quando impegnati in attività faticose. Tale consuetudine risulta perlomeno attestata in epoca imperiale, visto che Faustina minore, moglie di Marco Aurelio, fu oggetto della seguente maldicenza calunniosa. Sesto Aurelio Vittore scrisse che la bella imperatrice, quando andava in Campania, si fermava nei punti della costa dai quali era possibile osservare i marinai che lavoravano nudi, allo scopo di scegliere fra di essi … gli amanti più adatti. 

Domenico Carro

immagine in anteprima: Imbarcazione romana con due marinai ai remi e uno al timone (affresco del porto fluviale di Roma. Museo Nazionale Romano al Palazzo Massimo).

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 358 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »