Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Pompei ed Ercolano: l’emergenza – Parte III

Reading Time: 8 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: I SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Vesuvio, flotta Miseno
.

Il 24 ottobre del 79 l’ammiraglio si trovava – con la sorella e il nipote – nella propria residenza, in posizione dominante nel porto di Miseno (fig. 1).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plinio-1.jpg

Da lì, verso l’ora settima, venne avvistata la nube gigantesca a forma di pino, anche se non ne risultò chiara l’origine (nemmeno osservandola dalla terrazza superiore della villa) [27], perché il Vesuvio era privo del cono vulcanico [28] ed era parzialmente coperto dal promontorio di Posillipo (fig. 2).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plinio-2-1024x591.jpg

La conoscenza della data ci consente di verificare l’ora di inizio della fase “pliniana” dell’eruzione, manifestatasi con la tipica nube costituita dalla colonna eruttiva e dalla sua espansione a livello della stratosfera. Sappiamo che le ore romane non indicavano un istante preciso, ma un intervallo equivalente a un dodicesimo dell’arco diurno. Poiché, nel 79, il 24 ottobre calendariale corrispondeva al 25 ottobre astronomico [29], la hora septima designava l’intervallo 11.44 – 12.38. L’ora intera più vicina a quanto venne stimato dai presenti (ovvero poco dopo la culminazione del Sole, avvenuta alle 11.44) è mezzogiorno [30]. A tale orario va dunque ancorata la sequenza delle varie fasi dell’eruzione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plinio-3-1024x646.jpg

L’avvistamento della nube suscitò la curiosità scientifica dell’erudito, che ordinò di approntare una liburna (la più veloce delle unità della flotta) per potersi rapidamente avvicinare ad osservare quel fenomeno del tutto sconosciuto. Ma prima che l’ammiraglio salisse a bordo della liburna, giunse il messaggio della sua amica Rectina: la sua villa essendo sotto al Vesuvio, lei stessa non poteva fuggire se non per nave; atterrita dalla minaccia incombente, lo pregava di salvarla da quel pericolo così grave [31].

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plinio-4-1024x726.jpg

L’arrivo di questo messaggio pone un duplice problema: come è stato inviato? E perché è stato inviato? Il messaggio non fu certamente portato da un messaggero, poiché nessuna via di fuga – terrestre o marittima – avrebbe potuto essere praticabile per un messo senza esserlo anche per Rectina. E allora? La soluzione l’ha ottimamente individuata Flavio Russo [32]: il messaggio è pervenuto da una stazione semaforica. Noi conosciamo l’aspetto delle torri semaforiche dai bassorilievi della Colonna Traiana e sappiamo che le comunicazioni ottiche furono utilizzate in epoca imperiale anche nel golfo di Napoli [33], ove doveva essere presente una rete di stazioni di segnalazione semaforiche (diurne e notturne) [34] intervallate in modo appropriato, così come molte analoghe torri costiere erano disseminate su varie altre coste del Mediterraneo [35].

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plinio-5-1024x627.jpg

Quanto al perché della richiesta di aiuto di Rectina, sappiamo che in tutte le ville marittime era disponibile del naviglio, da trasporto (per merci ed eventuale personale) e da diporto: tutti mezzi navali a vela, e quindi tutti dipendenti dalla direzione del vento. All’inizio dell’eruzione, il vento in superficie doveva quindi provenire da Libeccio, visto che impediva alle navi di salpare dalla costa vesuviana. Si trattava grosso modo dell’Africus della rosa dei venti romana [36] (fig. 3).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plinio-6-1024x618.jpg

Quel vento, tuttavia non rimase costante: durante la prima fase dell’eruzione la ricaduta delle prime ceneri verso Est mostra che il vento in quota doveva già essere ruotato da Ponente (fig. 4), anticipando la rotazione che poi si verificherà in superficie. Dall’Africus al Favonius. Poi, durante la prima parte della fase “pliniana”, le pomici bianche sono ricadute verso Sud-Est, mostrando una nuova rotazione del vento in quota (verosimilmente seguita, con qualche ritardo, dal vento in superficie). Dal Favonius al Corus.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fasi-pliniane-vesuvio.png

Infine, nella seconda parte della fase “pliniana”, dopo le 19, le pomici grigie sono ricadute verso Sud-Sud-Est, sotto l’impulso di un vento di Maestrale che era presente sia in quota che in superficie, impedendo alle navi di salpare da Stabia (fig. 5). Dal Corus al Thrascias. Questa rotazione del vento in superficie di circa 90° in senso orario nell’arco di circa 6 ore (fig. 6) è perfettamente coincidente con quella che si verifica normalmente nel golfo di Napoli quando è presente il regime di brezza [37]. La lettura del messaggio di Rectina indusse Plinio a concepire una inedita operazione navale di “protezione civile”. Fece pertanto approntare le quadriremi (fig. 7) unità ben più capienti della piccola liburna, ma anch’esse molto veloci [38]. Dalle epigrafi del II-III secolo ne conosciamo una dozzina [39], ma è probabile che in epoca Flavia fossero anche più numerose [40]. Poiché quel 24 ottobre era, come abbiamo visto, un giorno feriale, gli equipaggi furono in condizione di prendere il mare molto rapidamente dopo l’ordine di Plinio.

La navigazione iniziale

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plinio-7.jpg

Salpate da Miseno, che rotta dovevano assumere le quadriremi? Plinio avrebbe potuto farle irradiare affinché ciascuna di esse raggiungesse al più presto il tratto di costa assegnato. Tuttavia l’ammiraglio doveva prima avvicinarsi alla costa per verificare di persona a quali rischi avrebbe esposto i propri uomini. Plinio il Giovane ci conferma implicitamente che quella fu la rotta iniziale: “dritta la rotta e dritto il timone verso il pericolo” [41]. Si trattò dunque della rotta diretta verso il Vesuvio, ovvero verso Ercolano, che appariva quasi sotto alla colonna eruttiva a chi proveniva da Miseno. Con il Libeccio che girava a Ponente, le navi iniziarono a navigare con il vento in poppa. Data la progressiva rotazione del vento, superato il promontorio di Posillipo le navi proseguirono con il vento sempre molto favorevole, nei settori poppieri [42] di sinistra (fig. 8).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plinio-8.jpg

Navigando con la prora in direzione del Vesuvio, gli equipaggi vedevano il “pino”, ovvero la colonna eruttiva che si innalzava sopra al vulcano ad un’altezza di gran lunga maggiore di quelle – già spaventose – che sono state fotografate durante le ultime tre più violente delle eruzioni esplosive del Vesuvio (1872, 1906 e 1944). In effetti essi avevano davanti agli occhi una colonna immane costituita da gas vulcanico, pomici, ceneri e frammenti di magma, che provocava una progressiva oscurità, esplosioni e terremoti, oltre ad una serie ininterrotta di fulmini, con lampi e tuoni, raggiungendo la quota della stratosfera: nella prima fase da 14 fino a 26 km per poi innalzarsi ancora, nella seconda fase, fino a 32 km di quota. Quell’inedito spettacolo era tale da incutere negli equipaggi un incoercibile terrore superstizioso, come quello che si verificò a Miseno nella successiva notte: “Vi era chi per paura della morte invocava la morte. Molti alzavano le braccia verso gli Dei; moltissimi affermavano che non c’erano più Dei, e che quella notte sarebbe stata eterna, l’ultima del mondo.” [43].

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è eruzione-vesuvio-1024x497.jpg

Quel terrore istintivo aveva contagiato anche lo stesso Plinio il Giovane: “…ero sostenuto dal pensiero – tanto deplorevole quanto consolante – che tutto sarebbe perito insieme a me.” [44]. Per dei timori molto minori, in tutte le epoche degli equipaggi si sono ammutinati, e ciò era accaduto anche nelle flotte romane, nonostante la ferrea disciplina militare [45]. Ma sulle quadriremi di Plinio non si registrò alcun panico. Durante quella navigazione lo stesso comandante in capo della flotta continuò ad ostentare la massima tranquillità, dettando al segretario le proprie osservazioni sull’eruzione in atto. Questo particolare non è affatto sorprendente poiché riflette l’atteggiamento più positivo che possa assumere un comandante navale in una situazione critica: essendo ovviamente consapevole di essere continuamente osservato dai suoi uomini (nei limitati spazi di bordo si vive necessariamente a stretto contatto di gomito), egli deve accentuare in modo credibile il proprio comportamento sereno e fiducioso, poiché qualsiasi sintomo di perplessità verrebbe immediatamente percepito e si ripercuoterebbe negativamente sul morale e sul rendimento dell’equipaggio [46]. Nel caso specifico, inoltre, l’attenzione di Plinio ai vari fenomeni che egli osservava verso prora non era banalmente ispirata dalla curiosità scientifica del “naturalista”, ma in primo luogo dallo scrupolo dell’ammiraglio nell’analizzare gli sconosciuti fenomeni che si verificavano in prossimità delle coste dalle quali doveva prelevare la popolazione in pericolo. Qui si interrompe il racconto del nipote, perché subito dopo egli parla della caduta di cenere e pomici [47]; ma dalla vulcanologia noi sappiamo che nell’avvicinamento alla costa di Ercolano questo fenomeno non poteva affatto essere presente [48]. Questa nuova scena descritta da Plinio il Giovane si riferisce dunque alla fase finale della navigazione dello zio, davanti a Pompei. Tale anomalia discende evidentemente dai già descritti limiti della memoria umana. Per colmare questa rilevante lacuna nella sequenza degli eventi possiamo comunque beneficiare del valido aiuto dell’archeologia.

Fine  parte III – continua 

Domenico Carro

.

PARTE I PARTE II PARTE III PARTE IV PARTE V

 

Note

[27] Plin. epist. 6, 16, 4-5.

[28] Sull’antica forma del Vesuvio: Carro 2021, pp. 31-33.

[29] Il calendario giuliano aveva conteggiato come bisestile l’anno secolare 800 AUC (47 d.C.), introducendo il primo dei dieci giorni di sfasamento che saranno poi rimossi nel ‘500 dalla riforma gregoriana.

[30] Calcoli più particolareggiati in Carro 2021, pp. 53-54.

[31] Plin. epist. 6, 16, 8.

[32] Russo, Russo 2004, pp. 122-123.

[33] A Capri pervennero da lontano dei segnali con notizie importanti per Tiberio (Suet. Tib. 65, 5).

[34] lle segnalazioni diurne con aste mobili accenna Vegezio (Veg. mil. 3, 5).

[35] Ad esse accenna Plinio il Vecchio (Plin. nat. 2, 181).

[36] Includeva dodici venti, intervallati di 30° (Plin. nat. 2, 119; Veg. mil. 4, 38).

[37] Per le condizioni meteo-oceanografiche nel golfo di Napoli e le relative fonti specialistiche (studi condotti soprattutto a cura di ricercatori dello storico Istituto Universitario Navale, di Napoli, poi denominato Università degli Studi di Napoli “Parthenope”): Carro 2021, pp. 57-61.

[38] I Romani avevano scoperto come si potessero costruire delle quadriremi estremamente veloci nel corso della I guerra Punica (Pol. 1, 46-47) e avevano fin da allora progettato le proprie costruzioni navali applicando gli stessi criteri (Pol. 1, 59).

[39] Annona, Concordia, Dacicus, Fides, Fortuna, Libertas, Mercurius, Minerva, Salus, Venus, Vesta, Victoria (Carro 2003, vol. XI, pp. 191-207).

[40] Fino ad una decina di anni prima dell’eruzione la flotta Misenense includeva ancora numerose quinqueremi (e quindi molte più quadriremi, in proporzione) visto che la progettata fossa Neronis doveva consentire addirittura alle quinqueremi di incrociarsi vogando in senso opposto (Suet. Nero 31, 5).

[41] rectumque cursum recta gubernacula in periculum tenet (Plin. epist. 6, 16.

[42] Gran lasco o lasco

[43] Plin. epist. 6, 20, 14-15.

[44] Plin. epist. 6, 20, 17.

[45] L’episodio più recente era stato l’ammutinamento degli equipaggi della flotta di Claudio, che si erano opposti per qualche tempo alla traversata verso la Britannia, nel 43 d.C., per timori ben poco giustificabili (Cass. Dio 60, 19, 2), visto che Giulio Cesare aveva già fatto effettuare alle sue flotte due identiche traversate meno di un secolo prima (nel 55 e 54 a.C.).

[46] È singolare notare che tale criterio – valido in tutti i tempi – era specificamente raccomandato nella trattatistica militare coeva di Plinio il Vecchio, come si vede in uno specifico passo dello Strategikos di Onasandro (Onas. 13, 1-3).

[47] Plin. epist. 6, 16, 11.

[48] Ercolano, come si vede dalla stratigrafia, fu pressoché esente da tali ricadute.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 144 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

21 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »