If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Come sfruttare i punti cospicui a terra per la condotta della navigazione

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: NAVIGAZIONE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: carteggio, condotta della navigazione
.

Negli articoli precedenti abbiamo visto che i termini rotta, rilevamento e direzione sono ben precisi e distinti, e non devono essere confusi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è kit-carteggio-1.jpg

Con rotta intendiamo il percorso che abbiamo pianificato sulla nostra carta, ad esempio tra un punto A e un punto B. Normalmente, se le distanze in gioco sono significative, la rotta viene suddivisa in diverse parti, ognuna delle quali con un orientamento rispetto al nord vero.

Con il termine rilevamento invece indichiamo la direzione dalla tua posizione ad un punto e viene misurata in gradi in senso orario da nord. Il problema è come leggere il rilevamento. Se si usa una bussola il rilevamento sarà magnetico e per poterlo confrontare con quello della rotta dovremo fare delle correzioni. Ne abbiamo già parlato in un articolo precedente per cui, pur dando per scontato che sia un concetto chiaro, le riassumeremo velocemente. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rilevamento.png

 

Basterà che vi ricordiate che la direzione in cui punta la bussola magnetica, ovvero il nord magnetico, non è uguale a alla direzione del nord geografico. Essendo le carte nautiche orientate rispetto al nord geografico, dovrete fare sempre le conversioni che avete imparato in un precedente articolo … attenzione non è un fattore trascurabile per cui, vista la facilità con cui farle, applicate sempre le correzioni per anno relative alla variazione dal nord magnetico rispetto al nord vero, valori che troverete sulle carte nautiche. Una semplice regola mnemonica è: se la variazione è ovest, aggiungete i primi di variazione al rilevamento vero per ottenere il magnetico. Se è la variazione è est, fate il contrario ovvero sottraete il valore.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è course-bearing-heading-exam-620x4151-1.png

Disegnata la rotta tra un punto iniziale ad un punto finale, leggerete la rotta vera … trasformatela in rotta magnetica ed usate quest’ultima seguendo la vostra bussola. Ad esempio se la rotta vera da B a C sulla carta è 075 e quella magnetica è 074, per andare da A a B dovrete seguire sulla bussola 074.

Abbiamo poi citato la direzione, ovvero il percorso vero istantaneo della vostra imbarcazione. Tenete conto però che la direzione che seguirete, idealmente la rotta prestabilita, sarà sempre affetta dal vento e dal mare per cui, attraverso la nostra navigazione dovremo effettuare dei controlli della rotta effettiva ed apportare le necessarie correzioni.

Ora, come possiamo controllare la nostra rotta costiera?
In assenza di un radar, dovendoci basare solo sulla bussola in dotazione. Ma partiamo dall’inizio. Per determinare la nostra posizione ed ottenere una posizione stimata della nostra imbarcazione dovremo utilizzare dei rilevamenti magnetici di punti cospicui costieri ovvero punti ben identificabili sia sulla carta che sulla costa che potremo poi traguardare con la nostra bussola. L’intersezione dei rilevamenti (LOP) ci fornirà un dato di posizione che ci consentirà di apportare le correzioni necessarie alla rotta iniziale per ridurre i nostri tempi di trasferimento e, cosa ancor più importante, evitare di navigare in zone pericolose o vietate alla navigazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rilevamnto-rotta.png

Come scegliere i punti cospicui
Innanzitutto la scelta dei punti cospicui deve essere pianificata in precedenza, identificando quei punti sulla carta la cui visibilità dal mare sia certa. In questo ci aiutano i portolani che ci forniscono molte informazioni sulla morfologia della costa e sui punti di maggiore interesse per la navigazione. In particolare, se si tratta di fari e fanali, essi sono descritti nella pubblicazione fari e fanali dell’idrografico, nei minimi particolari, che include i periodi di emissione, le caratteristiche dei lampi, i settori di visibilità, etc.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è faro-scilly.png

ecco un buon punto cospicuo, di giorno e di notte, alto e ben visibile

Tutte informazioni che ci possono consentire di notte di identificare il faro o il fanale e quindi prendere dei rilevamenti utili per la navigazione anche in ore notturne. Riepilogando i punti da usare devono essere sempre visibili e non confondibili.

Come prendere i rilevamenti
L’ideale è avere in dotazione una bussola con cerchio azimutale ovvero di un cerchio girevole che si applica al mortaio della bussola, con un mirino, che si orienta verso l’oggetto per effettuare il traguardo degli oggetti in costa o in mare, e con uno specchietto che permette la lettura istantanea del rilevamento sulla rosa. 

Attenzione, per una maggiore precisione, I rilevamenti effettuati (LOP) con la bussola magnetica devono essere corretti anche delle deviazioni legate ai ferri di bordo (applicando le correzioni calcolate e registrate nella tabella delle deviazioni in dotazione alla barca).

In assenza di una bussola magnetica fissa, dovremo accontentarci di una bussola portatile, dotata di alidada (mirino). In questo caso, ovviamente, non sarà possibile apportare la variazione delle deviazioni.

Con la bussola magnetica possiamo effettuare principalmente i seguenti punti nave:
– punto nave con rilevamenti di due punti cospicui
– punto nave con tre o più rilevamenti di punti cospicui

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è incertezz-arilevamenti.png

In generale, quando rilevate la vostra posizione tramite due punti cospicui, ricordatevi che l’ottimale è sceglierli con una differenza angolare fra di loro di 90 gradi. Cosa quasi impossibile … per cui cercate di mantenervi almeno tra i 60 e i 120 gradi di differenza. Questo vi consentirà di diminuire l’area d’incertezza della posizione legata agli errori di lettura della bussola.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è chart-bearings.jpg

Prendete sempre almeno tre rilevamenti per punto e ricordatevi che non siete fermi (le imbarcazioni rollano, beccheggiano e si muovono in una direzione) per cui i rilevamenti non solo saranno affetti dalla vostra capacità nautica ma anche dai movimenti imprevedibili della barca. Inoltre le misure prese, proprio a causa del moto, guadagneranno o scadranno continuamente… prendete per primi quelli di prua e di poppa (che scadono meno rapidamente) a causa del moto della barca, e per ultimo quello al traverso che ovviamente scade più rapidamente. Non preoccupatevi troppo della precisione, col tempo e con un migliore addestramento migliorerete notevolmente.

In pratica, osservate la costa con il binocolo, identificate i punti cospicui, e incominciate a prendere i rilevamenti  di seguito dettando i valori al vostro compagno/a di avventure. Fatelo due o tre volte e poi mettete i rilevamenti sulla carta nautica con le insostituibili squadrette nautiche. Inizialmente fatelo con una cadenza di 15-30 minuti per addestrarvi. Questo vi consentirà anche di rendervi conto dello scarroccio che state subendo e potrete decidere, se necessario, di impostare una nuova rotta. Una volta ben addestrati … sarà tutto più facile e naturale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è navigazione.png

vediamo questo esempio … avete fatto un punto nave alle 1315 e state procedendo con rotta 130. Secondo la vostra pianificazione a tavolino alle 14:16 accostate a sinistra con rotta 090. Siete a conoscenza di un buon allineamento costiero tra due punti cospicui A-B (LOP 005) … vi accorgete di averlo raggiunto alle 15:23. Confrontando la vostra navigazione stimata , vi accorgete che siete in ritardo e decidete quindi di fare un nuovo punto nave alle 16:34. Dal nuovo punto nave vi rendete conto che siete più a nord per cui rifasate la rotta stimata in attesa di avere maggiori informazioni sullo scarroccio legato al vento ed alle correnti …

Un altro sistema utile è quello degli allineamenti costieri. Identificate due punti in costa A e B, allineati fra di loro, ed uniteli con una squadretta fino ad intercettare la vostra rotta stimata. A questo punto leggete il valore del rilevamento di allineamento. A questo punto, quando in navigazione, vi troverete allineati su quel rilevamento, saprete che vi troverete su quell’allineamento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è allineamnto.png

allineamento per l’ingresso al porto di Miami, favorito da una serie di fanali … ci ritorneremo

Questo metodo è particolarmente utile anche per alcuni ingressi in porto; mantenendo la rotta sull’allineamento potrete infatti entrare all’interno del sorgitore, evitando pericolosi bassifondi o ostacoli alla navigazione. Sicurezza prima dii tutto.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

 

 

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV
PARTE V
PARTE VI
PARTE VII

 

print
(Visited 125 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »