If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Segnali di soccorso: SOS

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: segnali di soccorso
.

Ne avrete sentito parlare tutti, il termine SOS è entrato ormai nel linguaggio comune come sinonimo di richiesta di soccorso. In realtà, si tratta della “lettura” di un segnale radiotelegrafico che utilizza, per semplicità, delle lettere nel codice Morse. I suoi campi di impiego vanno dal disastro marittimo, alle avarie gravi, ma anche dall’insorgere di pericolo per la vita umana a causa di attacchi criminali, come avviene quasi quotidianamente nelle acque del Corno d’Africa e del West Africa. Leggiamo la sua storia di oltre cento anni.

Una curiosità:
Il codice Morse, detto anche alfabeto Morse, è un sistema per trasmettere lettere, numeri e segni di punteggiatura per mezzo di un segnale in codice ad intermittenza utilizzando segnali corti e lunghi, detti comunemente punti e linea. Il sistema fu uno dei primi metodi di comunicazione a distanza. Sebbene fu studiato da Samuel Morse dal 1835, venne realizzato dal tecnico Alfred Vail, suo collaboratore dal settembre 1837, e da entrambi sperimentato per la prima volta l’8 gennaio 1848 impiegando un telegrafo scrivente detto register. Il codice Morse fu da subito impiegato come standard per la codifica delle informazioni e rimase lo standard internazionale per le comunicazioni marittime fino al 1999.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è codice-morse.png

SOS, un segnale per salvare le vite umane
Il 1º aprile 1905 il governo tedesco introdusse un segnale come Notzeichen o segnale di soccorso nell’ambito di un insieme di regole nazionali per le trasmissioni radio. Questa semplice successione di suoni fu adottata internazionalmente il 1 luglio 1908 a livello internazionale per la prima volta, durante la seconda conferenza radiotelegrafica internazionale di Berlino del 1906 in sostituzione del precedente,  CQD (— · — · — — · — — · ·) anch’esso in codice Morse. Per curiosità, CQD era composto da CQ, dal francese “sécu“, abbreviazione di sécurité, e D per Distress (ovvero in pericolo). Fu deciso di cambiare con il segnale SOS identificandolo come segnale internazionale per la richiesta di soccorso (per ovvi motivi di più facile memorizzazione della sequenza dei segnali). 

Il segnale SOS ‹èsse-ó-èsse› è infatti costituito da tre punti seguiti da tre linee e da altri tre punti ( · · · — — — · · · ); è quindi molto più facile da ricordare, essendo di fatto la sequenza di tre punti (segnali corti), tre linee (segnali lunghi) e nuovamente tre punti (segnali corti). La sigla S.O.S. è interpretata come le iniziali della locuzione inglese “Save Our Souls” (salvate le nostre anime) ovvero “Save Our Ship“. In Italia invece SOS si rifà ad acronimi del tipo “Salvateci O Soccombiamo” o “Soccorso Occorre Subito”. L’SOS più tristemente famoso della storia della navigazione fu quello lanciato dal Titanic il 14 aprile 1912, prima di affondare. Il segnale fu raccolto dal Carpathia ma la nave poté giungere a destinazione solo quattro ore dopo, troppo tardi per evitare il disastro. Esistono sistemi radio, anche portatili, che automatizzano il lancio del segnale di soccorso. 
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SOS-se-plus-diagram1-1.jpg

L’avvento del MAYDAY
Con la successiva diffusione delle comunicazioni radiofoniche, il segnale Morse SOS fu sostituito dal codice MAYDAY. Il segnale  fu proposto nel 1923 da Frederick Stanley Mockford presso l’aeroporto di Croydon (Londra), come deformazione anglofona che deriva dalla pronuncia delle ultime parole della frase francese “venez m’aider” (venite ad aiutarmi) compresa anche dai non francofoni, ed è in utilizzo dal 1927. Inutile dire che il “mayday” va usata solo a bordo di un’imbarcazione o di un velivolo in immediato pericolo di naufragio, di collisione e comunque in tutti i casi in cui sussista un pericolo immediato di morte. In ambiente marino viene utilizzato il canale radio VHF 16, dedicato alle chiamate di soccorso o di emergenza in ambito marittimo, sulla frequenza 156.8 MHz, e che ovviamente NON deve essere utilizzato per nessun altro tipo di comunicazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vhf-ch-16.png

Il canale VHF 16 è monitorato 24 ore al giorno dalle Stazioni Radio Costiere del Ministero dello sviluppo economico unitamente alla rete nazionale della guardia costiera. Tutte le navi devono monitorare il canale 16 VHF durante la navigazione. Sullo stesso canale la Guardia costiera può trasmettere dei brevi messaggi di sicurezza informativi. Altra cosa importante da ricordare è che, nei primi tre minuti di ogni mezz’ora, va mantenuto sul canale 16 il silenzio radio, per privilegiare le comunicazioni di emergenza. Se avete bisogno di comunicare con altri amici scegliete un altro canale e lasciate sempre libero il canale 16

Mare calmo e vento in poppa 

Paolo Giannetti

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 167 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »