If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Navigare lungo costa … senza perdere la rotta – parte VII

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: navigazione costiera

 

Ci siamo lasciati in navigazione. Abbiamo calcolato la Prora bussola da mantenere nella nostra rotta ed ora ci dirigiamo sul primo punto di accostata, ovvero dove dovremo modificare la nostra rotta per la successiva tratta. Avete già capito che la navigazione dovrà essere seguita con attenzione per evitarci sorprese spiacevoli. Anche se non è sempre obbligatorio, tenete un binocolo al collo, il miglior amico dello skipper.

Tutto procede bene ma … guardiamoci intorno. In caso di navigazione costiera, ovvero in prossimità della costa, potremo vedere dei punti cospicui che, dopo averli verificati con il binocolo,  potremo usare per prendere i rilevamenti bussola necessari per fare dei punti ottici per il controllo della nostra navigazione.

Il punto ottico
Abbiamo imparato a conoscere le carte nautiche negli articoli precedenti. Sappiamo che esse sono rappresentazioni del mondo reale in una determinata scala. Questo significa che quanto più piccole saranno, meno dettagliati saranno i punti costieri. Ricordate il problema del fattore di scala? Questo è il motivo per cui dovremo sempre usare le carte con la scala maggiore.

La carta nautica ci indica lungo la costa le posizioni dei punti cospicui che ci possono essere utili per seguire la nostra navigazione. Questi possono essere scogli di grandi dimensioni, piattaforme petrolifere, chiese, fari e fanali. Questi ultimi sono ben descritti con il loro simbolo sulle carte e li potremo utilizzare anche per rilevarli nelle navigazioni notturne.

Prendere il rilevamento bussola di un punto cospicuo sulla costa ci consentirà di tracciare sulla carta delle linee di posizione (LOP), naturalmente sempre corrette con le correzioni inerenti la declinazione magnetica che abbiamo citato nell’articolo precedente. Considerate che il valore di declinazione, che avrete calcolato precedentemente, sarà sempre lo stesso per cui potrete applicarlo facilmente a tutti i vostri rilevamenti bussola.

Tenete conto che per ottenere un punto ottico avrete bisogno di almeno tre rilevamenti bussola di oggetti in costa, sufficientemente distanziati angolarmente.

situazione ideale … praticamente un’utopia

Dall’intersezione delle LOP possiamo costruire un area di posizione. Idealmente i tre rilevamenti dovrebbero intersecarsi in un unico punto ma, essendo l’imbarcazione in movimento, è facile che per vari motivi otteniate un’area di incertezza di forma triangolare.

Nella figura potete vedere le aree di incertezza che si generano avendo più di due LOP. In realtà per ogni LOP esiste una loro incertezza, a destra e a sinistra di ogni rilevamento, dovuta all’uso della bussola (per ipotesi +-2 gradi). Anche utilizzando solo due rilevamenti, le intersezioni delle linee di posizione (LOP) creeranno un’area questa volta quadrangolare entro la quale stimeremo di trovarci. Questa area viene chiamata, ormai lo abbiamo capito, area di incertezza. Per quanto sopra i punti ci daranno un’area in cui stimeremo di essere (scordatevi il siamo). Sulla carta ne segneremo il baricentro che congiungeremo con il successivo. 

Non ultimo, nella scelta dei punti cospicui consideriamo che la differenza angolare ottimale tra due punti cospicui è di 90 ° e  120 ° su tre. Inoltre, l’orientamento su oggetti distanti determina maggiore incertezza nella posizione man mano che il settore si allargherà.

Pur ricercando la maggior precisione possibile, consideriamo sempre che siamo su una imbarcazione di medie dimensioni che subirà dei movimenti di rollio e beccheggio che falseranno la misura che state prendendo. Inoltre, essendo in movimento, i punti saranno presi in istanti diversi per cui anche questo fattore renderà meno preciso il vostro punto ottico.

Si fa presto a parlare di precisione
Prima di andare avanti, vorrei aprire una parentesi sul termine Precisione che ricorderete abbiamo trattato più compiutamente in questo articolo.

Con il termine Precisione si intende il grado di approssimazione di un valore misurato rispetto alla realtà; per essere significativo deve essere sempre espresso facendo espresso riferimento all’accuratezza della sua misura. Il riferimento classico di tale misura è il suo σ (sigma) ovvero la sua deviazione standard SD. Quando il valore è riferito ad “un sigma ”  significa che il valore reale si ritrova, con una probabilità del 68,27 %, tra il valore +σ o –σ

Come naviganti cercheremo di migliorare per quanto possibile la nostra precisione riducendo gli errori.

Come ridurli?
Lo abbiamo già detto in altri articoli ma è sempre meglio ripetere:
– utilizziamo carte nautiche a grande scala ovvero piani nautici o carte con scala compresa tra 1:10000 a 1:25000;

– studiamo a priori le carte nautiche ed identifichiamo (cerchiandoli con una matita)  i punti costieri prescelti per i rilevamenti che faremo in mare, utilizzando le carte ed i portolani;

– in navigazione, cerchiamo di rilevare gli oggetti da traguardare sulla costa tutti nello stesso momento;

– rilevare almeno tre oggetti, aventi fra loro una differenza angolare possibilmente di novanta gradi o comunque compresa tra i trenta ed i centocinquanta gradi;

– scegliere oggetti molto alti, ben riconoscibili;

– nel caso l’intercetto dei rilevamenti sia un triangolo, considerare come punto nave il suo baricentro;

– utilizzare matite appuntite per ridurre gli errori di carteggio (considerate che su una carta 1:25.000, un tratto di un millimetro equivale a venticinque metri), e morbide (per ridurre l’usura della carta dovuta alle successive cancellazioni);

– considerare sempre l’errore intrinseco della carta che è legato alla scala utilizzata (non pretendete di avere precisioni di cinque metri impiegando una carta con scala 1:25.000).

Cosa vuol dire se i nostri punti cadono al di fuori della nostra rotta vera?
Abbiamo visto che l’intercetto di più rilevamenti bussola ci fornisce un‘area di incertezza all’interno del quale si troverà la nostra posizione. Collegando i baricentri di ogni area di incertezza noteremo che la nostra imbarcazione sta percorrendo una rotta diversa da quella pianificata. Da cosa potrebbe dipendere?

Dando per buona la vostra ottima capacità al timone, le cause saranno molto probabilmente due: state scarrocciando a causa del vento e/o derivando per una corrente.

Per quanto riguarda lo scarroccio lo potrete valutare, in maniera grossolana, guardando verso poppa. Per prima cosa, osservate la scia della barca. Se diverge dalla rotta seguita vuol dire che sta scarrocciando. Misurando la differenza angolare tra Rv e Pv potremo correggerne l’effetto accostando, ad esempio, verso il vento di tanti gradi quanto stimato. Per quanto riguarda l’effetto del vento, lo potrete calcolare più precisamente misurandone con un anemometro la velocità e (in mancanza di altri strumenti) con la bussola la sua direzione. Analogamente potete calcolare la correzione della deriva dovuta alla corrente mettendo su carta l’effettiva rotta che la nave segue rispetto a quella pianificata. 

© 2005 Corso di Navigazione Senza limiti dalla costa a cura del Cte. Marco Camilletti

I metodi per correggere gli effetti della corrente si basano sulla soluzione grafica del cosiddetto «triangolo della corrente», che utilizza tre vettori: il primo con direzione della Rv e lunghezza uguale alla Velocità effettiva, il secondo la Prora vera e la velocità impostata ed il terzo dato dalla Direzione e intensità della corrente. Lo stesso calcolo può essere fatto al contrario per ricavare la corrente stimata in una determinata area.

Se avrete cura di effettuare punti ottici ogni 30 minuti (o anche meno in acque ristrette) potrete valutare la deriva della vostra barca, e calcolarvi su un foglio la correzione da applicare. Semplice vero?

Con queste correzioni alla Prora e, se necessario, alla velocità, resterete quanto più possibile in rotta e manterrete la vostra pianificazione. Queste cose possono sembrarvi complicate ma vi verranno naturali con l’esperienza. Ma, importantissimo, non dimenticate di guardare sempre fuori. 

La prossima volta parleremo di allineamenti e di altri trucchi per non perdere la rotta. A presto,

 

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV
PARTE V
PARTE VI
PARTE VII

print

(Visited 170 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »