If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Cosa sono i pennant number?

Reading Time: 5 minutes

 

.livello elementare

.

ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: navi militari
.

Molte marine militari, tra cui la Marina Militare Italiana, usano, per l’identificazione, una sigla alfanumerica che viene mostrata sullo scafo e definita DISTINTIVO OTTICO (in inglese pennant number). Un’usanza antica che si riferiva un tempo all’impiego di bandiere per il riconoscimento univoco della nave. Venne introdotto per la prima volta dalla Royal Navy nel 1661 ma, con vari usi e distinguo, dopo la seconda guerra mondiale, venne applicato anche dalle marine dei membri della NATO e di altri Paesi (sebbene con caratteristiche di colore diverse).

Sulle riviste specializzate viene spesso usato il termine anglosassone pennant number, letteralmente numero di pennello, per il fatto che in origine le navi militari veniva alzata per il riconoscimento un’apposita bandiera (il pennello) numerica usata appunto per identificare il tipo di unità. Il pennello è una bandiera navale di forma trapezoidale con battente corto rispetto all’inferitura, che viene ancora usata nelle comunicazioni ottiche a bandiere, ma che in passato aveva disegni diversi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nautical-flags.png

in basso, gli attuali pennelli numerici sa 1 a 0

Ad esempio, nella Royal Navy, un “pennello” rosso era usato per identificare le torpediniere. L’aggiunta di una bandiera o più pannelli numerici consentiva poi l’identificazione univoca delle navi. Solo successivamente s’iniziò a pitturarlo sugli scafi.

In passato le navi della Marina Militare Italiana venivano identificate con due lettere derivanti dal nome della nave o con il loro nome per intero. Ad esempio potevamo leggere FC per Freccia, AN per Antares, CN per Canopo ma anche Galilei (GL sulla torretta) per il noto sommergibile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rsmg-galilei-1024x528.png

Curiosamente il sistema delle bilettere è ancora utilizzato dalla Royal Navy per i deck codes, ovvero un codice dipinto sul ponte di volo per facilitare l’identificazione da parte degli aeromobili in atterraggio. Queste lettere sono disegnate in una posizione ben visibile sul sentiero di avvicinamento dei velivoli ed eliminano qualsiasi dubbio sull’identità della nave. La Royal Navy utilizza una singola lettera (tipicamente la prima lettera del nome della nave) per le portaerei e le grandi navi che operano aerei e coppie di lettere (di solito lettere del nome della nave) per le navi minori.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è queen-elizabeth-royal-navy-carrier-1024x505.jpg

Il HMS Queen Elizabeth in rifornimento in mare .. notare la lettera Q disegnata a poppa sul ponte di volo

La Marina degli Stati Uniti, con la sua flotta più ampia, utilizza invece la parte numerica del numero di classificazione dello scafo. 

 

Una sigla e numero per ogni tipologia
Attualmente i distintivi ottici delle navi italiane sono costituiti da un numero, preceduto in genere da una lettera che classifica il tipo di unità, ad esempio “D” per i cacciatorpediniere (dall’iniziale del termine inglese destroyer). L’uso della lettera, sebbene da considerarsi uno standard, è in certi casi omesso. Ad esempio, la Marina Militare Italiana si limita ad usare la sigla numerica, omettendo la lettera d’identificazione per i propri incrociatori e le portaerei.  Con l’entrata dell’Italia nella NATO la Marina Militare Italiana abbandonò il sistema precedente ed il distintivo ottico divenne di tipo alfanumerico, applicando una lettera seguita da numeri. Nell’esempio di seguito, per facilità, ho usato il # per i numeri successivi da 0 a 9:

55#: portaerei, incrociatore o incrociatore portaeromobili.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-cavour.png

Nave Cavour 550 attraversa lo stretto passaggio del ponte di Taranto

(S) 5## : sommergibile/sottomarini

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sommergibile-italiano.png

sommergibile classe Toti (S) 506

D 55#/D 56# : cacciatorpediniere lanciamissili.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-andrea-doria-d553.jpg

cacciatorpediniere Andrea Doria

F 59# : fregata missilistica multiruolo o fregata missilistica antisommergibile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FREMM-Virginio-Fasan-F591-1024x515.jpg

Fregata Fasan classe FREMM F 591

F 58# : pattugliatore di squadra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Granatiere_F585-1024x685.jpg

pattugliatore di squadra Granatiere F 585

F 56# – 57# : fregata missilistica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fregata-maestrale.jpg

fregata classe Maestrale F 564

F 55# : corvetta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Minerva_F_551-1024x575.jpg

corvetta classe Minerva F 551

P 40# : pattugliatore costiero.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MM_Sirio_P_409.jpg

Pattugliatore Sirio P 409

P 41# / P 49# : pattugliatore d’altura.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è thaon-de-revel-p-430-1024x704.jpg

555# / 556# : cacciamine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cacciamine-crotone.jpg

Cacciamine Crotone 5558

L 989# : nave anfibia

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-san-giusto-L9894-1024x684.png

Nave San Giusto L 9894

A 530# : nave ausiliaria idrografica, ausiliaria per salvataggio/soccorso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è a-530-magnaghi.jpg

Nave Ammiraglio Magnaghi A 5303

A 531# / A 534# : nave ausiliaria: scuola, esperienze o ricerche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-anteo-a-5309.jpg

Nave ricerca e soccorso sommergibili Anteo A 5309

A 532# : nave ausiliaria rifornitrice.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vesuvio-rifornitrice-1024x633.png

nave Vesuvio A 5329

I distintivi ottici vengono in genere riassegnati, e non risultano quindi del tutto univoci. Ad esempio la portaerei Cavour ha ricevuto il pennant number “550” dell’incrociatore missilistico Vittorio Veneto, nel frattempo radiato. Similmente il “551” dell’incrociatore portaeromobili Giuseppe Garibaldi era stato assegnato in precedenza all’incrociatore missilistico che aveva portato lo stesso nome.

Una curiosità
La Marina Militare Italiana è l’unica al mondo ad adottare i distintivi ottici scritti in rosso. In genere le altre marine li hanno dipinti in bianco a parte la Marine nationale che li ha dipinti in blu scuro.

Cieli sereni

Paolo Giannetti

print

(Visited 302 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »