If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La guerra contro i corsari barbareschi … sotto l’orizzonte militare – parte I

Reading Time: 5 minutes

.
livello medio
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: corsari barbareschi

.
da «Contro i corsari barbareschi» una guerra permanente nel Mediterraneo di età moderna di Emiliano Beri

Sotto l’orizzonte militare
Guerra permanente: è questa la caratteristica della corsa barbaresca nel Mediterraneo d’età moderna, il suo essere presente per la totalità dei tre secoli compresi tra i primi decenni del Cinquecento ed i primi dell’Ottocento. Un fenomeno endemico, non necessariamente connesso ai conflitti convenzionali fatti di operazioni navali e battaglie, ma conflitto esso stesso, collocato sotto l’orizzonte militare, nella forma della rapina, della razzia, del raid, dell’incursione predatoria e della scorreria 1.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sciabecco-di-pirati-barbareschi-abborda-una-nave-Arch.-fotogr.-Giancarlo-Costa-Milano_lr-1024x648.jpg

Non che la corsa barbaresca sia stato un fenomeno assente nei conflitti, anzi: la sua genesi si colloca all’interno della grande guerra cinquecentesca tra la monarchia ispano-italiana asburgica e il blocco ottomano-barbaresco e la sua azione si inserisce nei conflitti nel momento in cui questi coinvolgono le Reggenze barbaresche come vassalli (per quanto autonomi) dell’Impero ottomano. Ma la sua caratteristica peculiare sta nella continuità e in un’esistenza che non dipende dai conflitti convenzionali ad alta intensità, i conflitti sopra l’orizzonte militare. Una continuità che vive di declinazioni, configurazioni, attori, intensità e profili diversi nel tempo, ma riconducibili ad un unico fenomeno.

Una continuità che implica uno stato di guerra, altrimenti il corsaro non potrebbe essere tale, sarebbe pirata: la patente di corsa, il documento che fa del capitano di mare un corsaro, legittimando giuridicamente la sua azione predatrice, può essere emessa solo se sussiste una condizione di guerra, perché l’azione legittima è quella contro il nemico. Una guerra permanente, stagionale – perché combattuta principalmente quando si naviga, ossia nella buona stagione – che ha nell’azione predatrice finalizzata al profitto economico il suo scopo, e che si carica di significati strategici diversi – quali il logoramento del nemico o l’azione a carattere terroristico, dimostrativo e propagandistico ideologico – solo quando è inserita in un conflitto sopra l’orizzonte militare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Europe1535.jpg

Il mondo all’interno del quale la corsa barbaresca ha preso corpo, ha mosso i primi passi ed è cresciuta fino ad arrivare alla maturità, è il Mediterraneo del XVI secolo; il Mediterraneo del conflitto tra blocco ispano-italiano e blocco ottomano. Un conflitto che prese avvio ancor prima che la Spagna creasse il suo impero mediterraneo sotto gli Austrias, e nella cui genesi le azioni dei predatori marittimi del Nord Africa, intensificate dagli esuli andalusi, ebbero un ruolo di primo piano, quale problema non secondario nella politica spagnola dopo la fine della guerra di Granada (1492).

La reazione spagnola (1497-1511) si concretizzò nel tentativo di conquista della costa maghrebina tra Orano e Tripoli, al fine di eliminare il problema corsaro alla radice; la controreazione ottomana, incarnata nella celebre figura del Barbarossa (prima battitore libero, insieme ai due fratelli, poi vassallo ottomano), diede il via alla guerra tra i due blocchi 2.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è barbareschi-e1507212220755.jpg

Un conflitto che si estese poi dal teatro nordafricano al Mediterraneo intero (con la partecipazione, intermittente, di Venezia come alleata della Spagna e, limitata nel tempo, della Francia come alleata della Porta), in cui la corsa proliferò, e in cui il controllo del Nord Africa, ossia delle basi dei corsari (in primo luogo Algeri, Tunisi e Tripoli, future capitali della Reggenze barbaresche), mantenne la sua centralità. Non è un caso che la definitiva riconquista ottomana di Tunisi, nel 1574, abbia rappresentato l’ultimo atto del conflitto. Il 1574 segnò la fine del tentativo spagnolo di controllare il Maghreb, l’antemurale del Mediterraneo centro-occidentale; dal 1574 i tentativi di contendere agli ottomani il possesso di Algeri, Tunisi e Tripoli cessarono (l’impresa di Algeri del 1601 rappresenta un colpo di coda, che avrebbe forse potuto riavviare la contesa, se non fosse fallita) 3.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è algeri-barbareschi-1024x738.jpg

Algeri barbaresca

Il conflitto terminò, di fatto, nel 1574, la guerra di corsa no.
Perché la corsa era il motore principale dell’economia dei governatorati di Algeri, Tunisi e Tripoli; governatorati che tra XVII e XVIII secolo divennero formazioni statuali sempre più autonome, Reggenze, in un progressivo allontanamento fattuale (anche se non formale) dalla sovranità ottomana. Un allontanamento funzionale alla corsa, perché slegarsi dalla direzione politica ottomana dopo il 1574 divenne condizione essenziale per il proseguimento dell’attività corsara. La corsa aveva bisogno di non sottostare alla politica estera di Istanbul, necessitava di libertà di movimento, finalizzata al mantenimento della condizione di guerra con il maggior numero possibile di stati europei 4.

La riconquista di Tunisi del 1574 inaugurò una nuova fase della guerra di corsa mediterranea, quella della cosiddetta «corsa mercantile», della corsa slegata alle operazioni navali del conflitto ad alta intensità; della corsa come fatto esclusivamente economico. Una fase in cui il mare brulicava di corsari, in cui la corsa non aveva più la dimensione delle grandi incursioni, concentrate e drammaticamente spettacolari, ma quella delle azioni portate da forze contenute, distribuite però capillarmente nello spazio e nel tempo. Una corsa che divenne quotidiana perché i battelli barbareschi non erano più tenuti ad unirsi alla flotta ottomana e ad operare come sue componenti; erano liberi di agire, individualmente o a piccoli gruppi, con l’esclusivo scopo del profitto 5. È la guerra di corsa permanente delle Reggenze barbaresche, endemica e persistente (sebbene a diverse velocità), che andrà esaurendosi solo nei primi decenni del XIX secolo.

Fine parte I – continua

Emiliano Beri
.

Note
1 Per la definizione di razzia e raid: J. Harmand, L’arte della guerra nel mondo antico, Res Gestae, Milano 2017, pp. 17-19, 107-108, 137-139. Sulla collocazione della scorreria e dell’incursione sotto l’orizzonte militare: J. Keegan,La grande storia della guerra. Dalla Preistoria ai giorni nostri, Mondadori, Milano 1994, pp. 123-124. Sul valore strategico ed economico delle azioni predatrici un utile riferimento concettuale è: A.A. Settia, Rapine, assedi, battaglia. Le guerra nel Medioevo, Laterza, Roma-Bari 2002, pp. 3-75.

 
2 M. Pellegrini, Guerra Santa contro i turchi. La crociata impossibile di CarloV, Il Mulino, Bologna 2015, pp. 7-85.
 
3 Sulla grande guerra nel Mediterraneo del XVI secolo si rimanda a: F. Braudel, Civiltà e Imperi del Mediterraneo nell’età di Filippo II, Einaudi, Torino2010; A. Pacini, Desde Rosas a Gaeta. La costruzione della rotta spagnolanel Mediterraneo nel XVI secolo, F. Angeli, Milano 2013; P. Williams, Empire ad Holy War in the Mediterranean. The galley and maritime conflict between the Habsburgs ad Ottomans, I.B. Tauris, London 2015; M. Pellegrini, op. cit.
 
4 M. Lenci, Corsari. Guerra, schiavi, rinnegati nel Mediterraneo, Carocci,Roma 2006, pp. 25 e 34-39.
 
5 S. Bono, Corsari nel Mediterraneo. Cristiani e musulmani fra guerra, schiavitù e commercio, Mondadori, Milano 1993, pp. 134-135; M. Lenci, op. cit., p. 46.

 

.
Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV.

 

 

print
(Visited 201 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »