If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Lo Scontro tra Danimarca e Algeria (1770): una Vittoria della Febbre Tifoide

Reading Time: 4 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVIII SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Danimarca, Algeria
.

Danimarca e Algeria non sono particolarmente vicine e, parlando del XVIII secolo e della costa barbaresca, siamo portati a pensare che gli interessi danesi nella zona non fossero particolarmente alti.

Nei secoli XVI-XIX vi sono diversi conflitti tra potenze europee e stati barbareschi. Nella maggior parte dei casi, a scatenare le ostilità sono la cattura e vendita come schiavi di marinai e civili europei o la richiesta, da parte del Dey di turno, di ottenere una maggiorazione sul tributo annuo che molti stati europei pagano per evitare assalti alle loro navi. Nel XVIII secolo il Regno di Danimarca, pur non avendo uno sbocco diretto sul Mediterraneo, sta aumentando i traffici verso Oriente e ha diverse navi che incrociano tra le colonne d’Ercole e la Siria.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è christian-vii-danimarca.png

Re Cristiano VII di Danimarca

Per limitare il problema della cattura dei propri marinai da parte degli schiavisti nordafricani, la Danimarca istituisce una Slavekassen (Cassa per gli Schiavi) già a metà del Seicento. Si tratta di un fondo assicurativo che consente il pagamento del riscatto dei marinai danesi senza necessità di rivolgersi alle famiglie (solitamente non abbienti) di questi ultimi). Una bozza di welfare state, se vogliamo parlare in termini moderni, calata nel contesto di 400 anni fa.  Ad ogni modo, per risolvere il problema alla radice, Re Cristiano VII, salito al trono nel 1766, accetta di pagare il tributo pattuito al Dey di Algeri, ma dopo pochi mesi si insedia al governo della città nordafricana un nuovo Dey, Baba Mohammed ben-Osman.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dey_dalger.jpg

tenuta del Dey di Algeri

La denominazione del governatore di Algeri nel corso dell’era moderna crea spesso confusione tra chi non padroneggia la materia. In breve, Algeri (eccezione fatta per la breve dominazione di Carlo V) rimane sotto il controllo ottomano (a volte più formale che sostanziale) dal 1516 al 1830. Dal 1516 al 1577 il “governatore” prende il nome di Beylerbey (“emiro degli emiri”, diretta emanazione della Sublime Porta con grande autonomia); dal 1577 al 1659 Pasha (in linea di massima rimangono in carica 2-4 anni) ed hanno un’enorma importanza altre istituzioni: la odjak, ossia la milizia gemella dei Giannizzeri, i raïs de taifa, ossia i proprietari di vascello, e il diwan, ossia consiglieri e personaggi di corte.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Algeri-Atlas_Van_der_Hagen-1024x767.jpeg

Dal 1659 al 1671 si succedono quattro Agha (più governatori militari che amministratori), dal 1671 al 1830 abbiamo i Dey (fino al 1689, il dey viene scelto dai raïs de taifa, dal 1689 al 1830 dalla odjaq). All’inizio del 1769, Baba chiede un forte incremento del tributo versato dalla Danimarca, minacciando di iniziare ad attaccare le navi danesi in caso di risposta negativa. Quando questa arriva, Baba passa subito ai fatti: cattura tre navi danesi e vende gli equipaggi al mercato degli schiavi.

Come rappresaglia, Cristiano VII manda una flotta di otto vascelli a bombardare Algeri, sperando così di far scendere il Bey a più miti consigli. Si tratta di un metodo ben collaudato, utilizzato anche da Inglesi e Francesi, ma, in questo caso, qualcosa va storto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dronning_Caroline_Mathilde-di-danimarca-805x1024.jpg

Carolina Matilde

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Christian_VII_1772_by_Roslinjpg.png

Johann Friedrich Struensee

In realtà, vista le condizioni mentali di Cristiano, che soffre di depressione e schizofrenia, gran parte del potere viene esercitato, in quel periodo, dal suo medico Johann Friedrich Struensee. Quest’ultimo, tra l’altro, prende molto sul serio questo avvicendamento, tanto da intrecciare una relazione amorosa con la regina Carolina Matilde e da darle una figlia, Luisa Augusta. Scoperto il tradimento, nel 1772 Cristiano VII ripudia la moglie e fa condannare a morte Johann Struensee, che viene decapitato e il suo corpo squartato ed esposto al pubblico.

Oltre a incontrare un notevole fuoco di sbarramento proveniente da Tripoli, sulle navi danesi scoppia un’epidemia di febbre tifoide. Nel giro di pochi giorni, centinaia di marinai cadono malati. In tutto, ne muoiono quasi 500. La flotta danese, dopo aver sparato solo 75 colpi, abbandona l’assalto e si limita a tentare un blocco navale della città. Il blocco non ha però grande successo, tanto che, alla firma del nuovo accordo di pace (1772), la Danimarca non ottiene alcuna condizione più favorevole.

Gabriele Campagnano

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 102 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »