Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

L’Era Mesozoica, quando i dinosauri regnavano sul pianeta – Parte VIII

tempo di lettura: 5 minuti

.

livello elementare
.

ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: 245 Ma
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Mesozoico, dinosauri, K-T

 

Nel nostro lungo viaggio nelle Ere della Terra siamo arrivati finalmente al Mesozoico
Durante la prima era mesozoica, apparvero numerose nuove specie animali e vegetali, riempiendo le nicchie ecologiche lasciate vuote dall’estinzione di massa del tardo Permiano. Durante il Giurassico, i dinosauri vagavano sulla Terra, circondati da una natura lussureggiante. I grandi rettili nuotavano negli oceani e grandi barriere coralline crescevano nei mari caldi. Sulla terra ferma, gimnosperme e rettili si diversificarono, e la Terra vide le sue prime tartarughe e rettili volanti. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è GEOLOGIA-TRIASSICO-FOSSILE-Spinosaurus_skeleton.jpg

Nel Cretaceo si aggirava uno strano dinosauro, lo Spinosaurus, che pur essendo terrestre era capace di muoversi in acqua. I paleontologi pensano che il gigantesco Spinosaurus passasse molto tempo sott’acqua forse cacciando le prede come un enorme coccodrillo – autore Kabacchi
Spinosaurus skeleton.jpg – Wikimedia Commons

Alla fine del Triassico, apparvero i primi dinosauri  che si differenziavano dagli altri rettili in quanto le loro gambe erano posizionate sotto i loro corpi piuttosto che ai lati, ed erano probabilmente a sangue caldo. Alla fine del periodo Giurassico, avremmo potuto incontrare giganteschi dinosauri sauropodi insieme a stegosauri ed i primi uccelli piumati, come l’Archaepteryx. I primi antenati dei mammiferi apparvero verso la fine del periodo Triassico ed erano piccole creature simili a topi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è GEOLOGIA-TRIASSICO-FOSSILI-Ichthyosaurus_sp_2-1024x336.jpg

Fossile di Ittiosauro, autore BallistaIchthyosaurus sp 2.jpg – Wikimedia Commons

Il periodo Cretaceo (145-65 Ma)
Durante il Cretaceo, il clima della Terra divenne sempre più caldo, i ghiacci si sciolsero ed il livello del mare aumentò al punto da superare i livelli nei 200 milioni di anni precedenti. Molte aree all’interno dei continenti  della Pangea vennero inondate creando grandi baie e passaggi. Si creò l’Oceano Atlantico meridionale, a seguito della separazione del Sud America e dell’Africa, ed il Pacifico meridionale, da quella dell’Antartide e dell’Australia. Geologicamente il pianeta si trasformò, avvicinandosi alla distribuzione delle terre emerse attuali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è capitol-reef-46-1024x680.jpg

i resti dei fondali marini del Triassico esposti a Capitol Reef, photo credit andrea mucedola

Durante il tardo Cretaceo, si formò un arco vulcanico continentale ed una via di mare transcontinentale. L’India si staccò dal Gondwana e si spinse verso l’Asia. Lungo i margini continentali dei nuovi oceani mesozoici si svilupparono enormi bacini che si riempirono di sedimenti. Le dorsali oceaniche del Cretaceo occupavano più volume di quanto non facciano oggi. Il volume delle dorsali spostò le acque del mare, provocando l’innalzamento del suo livello. Anche durante il Cretaceo, i vulcani sottomarino crearono enormi altopiani formati da basalti. Il vulcanismo, associato all’espansione del fondo marino, rilasciò biossido di carbonio (CO²) nell’atmosfera. I geologi ipotizzano che questa maggiore concentrazione atmosferica di CO² portò ad un aumento globale delle temperature, provocando lo scioglimento delle calotte polari e facendo salire ulteriormente il livello dei mari. 

Evoluzione della vita
Nei mari del tardo Mesozoico, apparvero nuovi pesci con mascelle corte, squame arrotondate, code simmetriche e pinne specializzate. Enormi rettili nuotatori e gigantesche tartarughe (fino a quattro metri di diametro) predavano i grandi banchi corallini. Sulla terra ferma, i dinosauri raggiunsero l’apice del loro successo. Si potevano osservare  grandi mandrie al pascolo che vagavano per le pianure, facili prede dei predatori come i Tyrannosaurus rex (un dinosauro del Cretaceo e non del Giurassico). Gli pterosauri, con un’apertura alare fino a undici metri, volavano nei cieli predando dall’alto gli animali terrestri e marini. Ma non sempre gli andava bene, nei mari nuotavano enormi sauri marini, grandi predatori di quegli oceani primordiali che non disdegnavano prede alate. Uccelli e mammiferi incominciarono a diversificarsi e specializzarsi, e quelli di maggior successo, una volta tanto, furono quelli di dimensioni minori.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Hidrorion-mesozoico.jpg

fossile di Hydrorion. L’Idrorione era un temibile predatore marino. L’analisi delle ossa craniche ha permesso agli scienziati di ipotizzare che vi fosse una notevole muscolatura, e che questa fosse utilizzata dall’animale per esercitare un potente morso. Inoltre, la forma delle zampe fa supporre che l’idrorione fosse un nuotatore molto capace, in grado di effettuare manovre complesse. Gli studiosi hanno ipotizzato che le sue prede abituali fossero veloci pesci ossei, come Leptolepis.- Urwelt-Museum Hauff Holzmaden – foto di Ghedoghedo File:Hydrorion.JPG – Wikimedia Commons

L’impatto del meteorite
Improvvisamente qualcosa cambiò ed avvenne un brusco cambiamento, chiamato dai geologi confine K-T (K sta per Cretaceo e T per Terziario). Sebbene fino agli anni ’80, si pensava che il ricambio faunistico richiedesse milioni di anni, attraverso nuove tecniche di datazione, si scoprì che il cambiamento avvenne in brevissimo tempo. Un’improvvisa estinzione di massa della maggior parte delle specie sulla Terra. Dopo oltre 150 milioni di anni scomparvero improvvisamente i dinosauri, insieme al 90% delle specie di plancton nell’oceano e fino al 75% delle specie vegetali. 

Cosa causò l’estinzione?
Alla fine degli anni ’70, un geologo americano, Walter Alvarez, esaminando uno strato di scisto depositato esattamente al confine K-T scoprì  che questa roccia conteneva concentrazioni relativamente elevate di iridio, un elemento che proviene principalmente dai meteoriti. Ulteriori studi dimostrarono che le argille contenevano minuscole sfere di vetro che si generano quando una roccia fusa si raffredda improvvisamente, un altro indizio che indicò che si era verificato un enorme impatto meteoritico al momento del confine K-T.

In seguito i geologi trovarono un cratere meteoritico di ben 100 km di diametro e 16 km di profondità, ricoperto da strati di sedimenti più giovani al largo della penisola dello Yucatan, Messico. La datazione isotopica indicò  che la sua formazione del cratere avvenne intorno a 65 milioni di anni orsono. L’impatto causò un’apocalisse sul pianeta, generando tsunami con onde alte due chilometri che inondarono le terre emerse, spazzando via le coste dei continenti. Inoltre, si generò una bolla di aria calda che incendiò le grandi foreste. Le polveri andarono in atmosfera e non vi fu luce sulla Terra per mesi. In quell’apocalisse, le temperature crollarono e si generarono sul pianeta piogge acide. La vita scomparve quasi del tutto. Scomparvero i dinosauri ma si salvarono i mammiferi e poche altre specie. In mare andò un pò meglio ma non sarebbe stato più come prima. 

La Terra subì il suo più grande insulto, poche forme di vita sopravvissero ed alcune di quelle specie sono ancora presenti sul pianeta ma ci volle molto tempo per la rinascita … e questa è un’altra storia.

Fine parte VIII – continua

Andrea Mucedola

In anteprima: fossile di Aeger tipularius (Schlotheim, 1822) – gambero del Giurassico (CM 33123, Carnegie Museum of Natural History, Pittsburgh, Pennsylvania, USA)

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.
.

PARTE I PARTE II PARTE III

PARTE IV PARTE V PARTE VI

PARTE VII PARTE VIII

Loading

(Visited 602 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
3 visitatori online
3 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 10 alle 01:18 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x